VAL DI CORNIA: FACCIAMO IL PUNTO SU UN 2012 PIENO DI DELUSIONI

bestof2012L’anno 2012 si è appena concluso. Un anno “bisesto” che è iniziato con il naufragio della Costa Concordia e che tra e molla su “Torri Eoliche”, “crisi Lucchini”, l’autostrada che prima viene e poi va, ma che alla fine, contraddicendo i proclami pubblici del PD, è subito diventata a pagamento. L’attivazione della tassa di soggiorno che però sembra sia riservata solo alla Parchi e non a tutte le promozioni turistiche, il caso Rimigliano, la centrale a Biomasse che prima si vuole fare e poi no, è tutto un tira e molla questo anno che si è concluso con il tira e molla finale sempre della Concordia che prima viene e poi non si sa… e del sindaco di Piombino, che prima tira come deputato, e poi molla, politicamente parlando, come “trombato” dai suoi “compagni” di partito.

Rileggiamo insieme gli articoli salienti di  questo anno, davvero intenso per gli amministratori, per le opposizioni, ma soprattutto per i cittadini, sui quali ricadono sempre le scelte della politica.

GENNAIO: E’ il mese del naufragio della Costa “Concordia” un naufragio che poi nel 2013 forse coinvolgerà la città di Piombino. Ma si parla anche di eolico, del progetto dell’istallazione di 17 torri letteralmente sparse nel territorio della Val di Cornia. Sono protagoniste anche le tradizioni locali, con l’ufficializzazione del programma della quinta edizione del Carnevale di Piombino “Bacco in Maschera”, che si è tenuto in febbraio e che quest’anno sarà senza carri allegorici,  vittima dei tagli dell’amministrazione.

FEBBRAIO: Arriva il “grande freddo”, che colpisce tutta la Toscana. Sul fronte Lucchini (è stato un anno particolarmente intenso, tra l’altro) viene dato l’ok al piano di ristrutturazione del debito, e lo stabilimento viene messo in vendita a 1 €. Le alleanze politiche si rimescolano, con l’uscita dalla maggioranza piombinese da parte di SEL (che però va alle primarie politiche di fine anno con il PD). E rimane nella memoria la famosa battuta del mallegato del sindaco Anselmi. Si parla anche di SAT e del progetto dell’autostrada Tirrenica (che sarà il tema ricorrente dell’anno, e che si concluderà alla fine con un nulla di fatto).

MARZO: Arrivano le bollette e si disquisisce ancora sull’ ASIU e sulla TIA con o senza IVA. Si continua inoltre a parlare della spaccatura tra maggioranza e SEL. Novità anche a San Vincenzo: si introduce la contestata tassa di soggiorno  e c’è caos nel PD locale per il piano della tenuta di Rimigliano. Tra le notizie più leggere spicca la presentazione ufficiale degli Europei di nuoto di fondo che si terranno poi a Piombino nel mese di settembre.

APRILE: In questo mese, oltre che della cliccatissima Sagra del Carciofo di Riotorto, si torna a parlare di argomenti ben più seri. Uno su tutti: dal 2 aprile si è iniziato a pagare il pedaggio del primo tratto dell’autostrada Tirrenica, un opera della lunghezza di “ben” 3 chilometri e del costo di 60 centesimi di euro di viatico. E ancora, l’ipotetica cessione della Lucchini e il “caso Rimigliano” che scuote San Vincenzo.

MAGGIO: E’ di nuovo l’autostrada Tirrenica ad essere protagonista assoluta nelle notizie più lette. Tanti gli articoli presenti nel nostro archivio in merito a questo argomento, a confermare una linea redazionale di informazione del cittadino ( “tirrenica-fabiani-mente-sapendo-di-mentire”,”autostrada-tirrenica-i-sindaci-della-val-di-cecina-firmano-tutti-gli-altri-pagano”, “sull’autostrada-tirrenica-tra-ipocrisia-e-disinformazione”), e della imbarazzante vicenda della SS398 che legata alla Tirrenica dalle carte sembra realizzata solo fino all’inizio del Poggetto ( http://www.corriereetrusco.it/2012/05/18/piombino-ma-se-la-ss398-non-arriva-al-porto-serve-lautostrada/).  Ricordiamo che l’autostrada targata SAT è passata anche per Report, su Raitre. E ancora un argomento di spettacolo, molto gradito dai nostri lettori: il programma del Bolghery Melody.

GIUGNO: La Lucchini ha un nuovo amministratore delegato, nel silenzio viene presentato un nuovo progetto per una centrale a biomasse a Montegemoli, di nuovo l’autostrada con la manifestazione NO SAT, che si è svolta a Cecina il 30 giugno e una novità sanvincenzina che ha fatto tanto discutere: i parcheggi lungo via della Principessa sono diventati a pagamento.

LUGLIO: Il 28 luglio un incendio a Fiorentina distrugge l’Edilcentro e paralizza la viabilità di Piombino per oltre mezza giornata. Si concretizza inoltre la crisi della siderurgia, con lo stop dell’altoforno, e per cui si cercano soluzioni concrete. Arriva anche il festival estivo giunto alla 10 edizione.

AGOSTO: Agosto è il mese della festa nazionale del PD, che si è svolta a Piombino a cavallo di fine agosto e inizio settembre. Ed è il mese in cui si attendono gli Europei di nuoto e inizia a delinearsi il programma delle iniziative collaterali. E c’è in programma un’altra centrale a biomasse, stavolta a Suvereto.

SETTEMBRE: Renzi con il suo camper arriva a Piombino e “sconvolge” il PD locale (ricordiamo che, tanto per fare un esempio, alla sopraccitata festa nazionale era stato vietato il volantinaggio pro-Renzi). Occhi puntati verso Baratti dove sembra che si avvicinino le lottizzazioni e si allontani l’UNESCO. Abbiamo infine seguito da vicino gli Europei di nuoto che si sono svolti dal 12 al 16 settembre, con una cronaca “minuto per minuto”. Un articolo tra gli altri, la vittoria di Alice Franco nella 25 km, durante la giornata conclusiva della manifestazione sportiva.

OTTOBRE: Mese ricco di fatti tutti diversi. I giovani sono protagonisti dell‘Open Box organizzato dal Centro Giò di Piombino, non senza qualche polemica. Il Movimento 5 stelle inizia ad essere attivo nel territorio piombinese ed a commentare i fatti locali, esce il trailer del film “Acciaio”, tratto dall’omonimo romanzo di Silvia Avallone, uscito poi nelle sale il 5 novembre e si torna a parlare della Tirrenica e dell’incognita delle esenzioni per i residenti. E poi la Lucchini: abbiamo seguito da vicino lo sviluppo della situazione dello stabilimento. Ha girato l’Italia la foto del sindaco che è salito sul tetto del capannone Lucchini per un giorno, si è poi ipotizzato l‘acquisto da parte di un compratore svizzero, poi sfumato, e poi sono seguite settimane di passione dove la richiesta del comune e dei sindacati era “il commissariamento”.

NOVEMBRE: E’ il momento delle primarie di coalizione del centro sinistra, che sono state vinte da Pierluigi Bersani (qui vi ripresentiamo i risultati della Val di Cornia). Si delineavano poi i profili delle nuove province, non senza polemiche, per un decreto che prevedeva l’accorpamento di alcune di queste per ridurre i costi pubblici. Decreto che poi è saltato nel mese di dicembre con la caduta del governo Monti. E ancora la Lucchini al centro della cronaca.

DICEMBRE: Il sindaco Anselmi vorrebbe correre per un posto al Parlamento, ma la sua corsa finisce prima di iniziare.  Per la Lucchini si inizia a parlare di commissariamento, che è poi la “soluzione” che è stata adottata. Viene poi presentata anche in Val di Cornia la lista arancione “Cambiare si può”. E l’anno si chiude con la riconferma di Silvia Velo per il Parlamento, e la pubblicazione da parte del CIPE delle prescrizioni “restrittive” per l’apertura dei cantieri per la Tirrenica.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 3.1.2013. Registrato sotto cronaca, Foto, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

2 Commenti per “VAL DI CORNIA: FACCIAMO IL PUNTO SU UN 2012 PIENO DI DELUSIONI”

  1. Luca

    Mi sembra incredibile che nessuno abbia avuto il coraggio di fare un commento a questo articolo…
    Se togliamo il Film Acciaio e gli europei di nuoto tutte le altre notizie fotografano una città allo sbando dove la guida c’è, ma solo di facciata, tutta protesa sullo stabilimento unica mucca da mungere e tutto il resto sono proposte folli come quella delle 17 pale eoliche a random, o peggio speculazioni edilizie.

    In vero dramma è la scarsa memoria dei Piombinesi e Valdicorniesi…
    SVEGLIA GENTE… che se salta lo stabilimento questi è solo dal 1992 che non hanno un idea innovativa sana di mente per la testa…

  2. Astuto Cacciatore

    Il quadro è così sconfortante che ogni commento è superfluo. In altre parole la situazione di Piombino e dintorni è talmente ovvia e scontata, dopo decenni di degrado partitocratico, che non rimane più niente da dire. Fino a che non ci liberiamo da questo regime di potere partitocratico asfissiante non c’è niente da fare, tutto continuerà a ruotare intorno all’affarismo della partitocrazia, alla gestione della cosa pubblica condotta con criteri di regime di favori, amicizie, appoggi, intese sottobanco, decisioni condizionanti prese altrove, con l’affabulazione del popolo con discorsi generici su realizzazione di opere che non verranno mai, promesse di “welfare” che servono solo a creare stipendifici etc. La notte è ancora lunga…

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    53 mesi, 4 giorni, 17 ore, 56 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it