FUNGHI, CHIOCCIOLE E FRUTTI DI BOSCO: OCCHIO ALLE REGOLE

Il periodo compreso tra la fine dell’estate e l’inizio dell’autunno rappresenta, per moltissimi toscani e numerosi turisti, la stagione più favorevole per la raccolta di diverse specie commestibili della flora e della fauna locali.
Complici il caldo e le abbondanti piogge, che hanno contrassegnato il mese di agosto, una schiera di appassionati si è riversata anche nelle campagne e nei boschi di Piombino e dintorni alla ricerca di funghi, chiocciole e more. Ma non tutti sanno che esistono, per queste attività, regole e divieti da rispettare, a pena di sanzioni anche pesanti.
La nota “passione” degli italiani (e non solo) per queste ed altre prelibatezze spontanee, ha spinto infatti la Regione Toscana a limitarne il prelievo, con leggi che regolano le modalità e i tempi della raccolta, le quantità giornaliere consentite, gli adempimenti che in certi casi sono richiesti.

Leggi Tutto…

FUNGHI
Con la ricevuta e il documento
La più conosciuta è la legge n.16 del 22.03.1999, che disciplina la “Raccolta e commercio dei funghi epigei spontanei”.
Com’è noto, tra le varie disposizioni la normativa prevede un limite di 3 kg. giornalieri, l’obbligo di effettuare un versamento preventivo al comune di residenza e di recarsi per funghi muniti della ricevuta e di un documento di riconoscimento.
Sono dispensati dal versamento i residenti per la raccolta nel territorio comunale e i proprietari nei loro fondi.
Nel solo mese di agosto, l’Ufficio Relazioni con il Pubblico del Comune di Piombino ha consegnato alcune centinaia dei bollettini di c.c. già prestampati.
Presso l’URP è disponibile anche un prospetto riepilogativo con le quote e le istruzioni.
QUOTE
Giornaliera (turisti) 3,62 euro
Settimanale (turisti) 12,91 euro
Semestrale (residenti) 12,91 euro
Annuale (residenti) 25,82 euro
Triennale (residenti) 61,97 euro

CHIOCCIOLE
Mai durante la riproduzione
Meno conosciuta risulta invece la normativa che riguarda le chiocciole ed i frutti di bosco.
La Legge regionale n. 56 del 06/04/2000 (Norme per la conservazione e la tutela degli habitat naturali e seminaturali, della flora e della fauna selvatiche) vieta la raccolta della Helix sp.pl. (chiocciola comune) e della Eobania vermiculata (chiocciola marinella) nel periodo della riproduzione, cioè dal 15 agosto al 15 ottobre.

MUSCHI, MORE ED ALTRI FRUTTI DI BOSCO
Attenzione alla quantità
La legge regionale n. 39 del 21/03/2000 (Legge forestale della Toscana) e la delibera della Giunta Regionale n. 260 del 19/03/01 fissano i limiti di raccolta giornalieri, per uso personale e per persona, dei cosiddetti prodotti secondari del bosco, al fine di non compromettere la capacità produttiva delle popolazioni naturali:

fragole Kg. 2,0
lamponi kg. 2,0
mirtilli kg. 2,0
more di rovo kg. 3,0
bacche di ginepro gr. 500
muschi gr. 500

Per maggiori informazioni è possibile rivolgersi ai competenti uffici del Servizio Attività Produttive e Commercio, che hanno fornito i dati per la redazione del comunicato.
Le leggi citate sono disponibili, per la consultazione, anche presso l’Ufficio Relazioni con il Pubblico del Comune di Piombino.

Print Friendly
Scritto da il 2.9.2002. Registrato sotto Senza categoria. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO MANCA ALLA PRIMA COLATA AFERPI?

    Il 30 Aprile 2016 il presidente di Cevital Issad Rebrab ha annunciato che entro 28 mesi ci sarà la prima colata nella nuova e moderna acciaieria dentro lo stabilimento Aferpi di Piombino.
    Questo importante evento si realizzara quindi

    tra 16 mesi, 6 giorni, 16 ore, 49 minute

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. P.I. 01409010491
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2015 CorriereEtrusco.it