LUCCHINI: UFFICIALIZZATO IL COMMISSARIAMENTO

Il SIN di Piombino

AGGIORNAMENTO: La Lucchini ha da oggi un commissario, Piero Nardi, nominato in serata dal ministro per lo sviluppo economico Corrado Passera. L’azienda aveva presentato poche ore prima la richiesta di amministrazione straordinaria ai sensi della Legge Marzano.

Si concretizza così il percorso auspicato da sindacati, parti sociali e politiche per le sorti dell’azienda.  ”L’obiettivo del governo – si legge in una nota ministeriale – è quello di garantire la continuità produttiva di un’azienda strategica per l’industria italiana e, al tempo stesso, quello di individuare le soluzioni migliori per dare prospettive occupazionali stabili”.

______________________
E’ ufficiale: la Lucchini è stata commissariata. L’annuncio era stato fatto in anteprima dal sindaco Gianni Anselmi durante la manifestazione di premiazione delle eccellenze sportive di questa mattina. Alle 15 dunque è stata presentata al Ministero dello Sviluppo Economico la richiesta di commissariamento. E in serata è stato nominato da Corrado Passera il commissario, Piero Nardi.

Si concretizza così il percorso auspicato da sindacati, parti sociali e politiche per le sorti dell’azienda.

Nardi è un manager industriale che ha ricoperto, negli anni, ruoli di responsabilità nei maggiori gruppi siderurgici italiani. Fino al 2003 e alla ristrutturazione finanziaria del gruppo è stato anche amministratore delegato di Lucchini S.p.a. Attualmente, è consulente industriale, esperto di ristrutturazioni aziendali.

«E’ importante che la procedura di commissariamento sia partita in questo momento – commenta il sindaco Anselmi – prima che il Governo vada in ordinaria amministrazione».

«L’obiettivo del governo – ha detto Passera – è quello di garantire la continuità produttiva di un’azienda strategica per l’industria italiana e, al tempo stesso, quello di individuare le soluzioni migliori per dare prospettive occupazionali stabili».

Questo invece quando ha commentato Vincenzo Renda della Uilm di Livorno: «Purtroppo abbiamo perso tempo, il che non ha certo giovato allo stabilimento – dice  – Sappiamo comunque che da domani si apre una fase nuova. Al commissario chiederemo che porti avanti le nostre richieste sul futuro produttivo dello stabilimento Lucchini, con particolare attenzione all’occupazione».

Questo passo arriva dopo che non si era trovato un accordo con il gruppo svizzero Klesch, l’unico che sembrava essersi fatto avanti con un’offerta.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 21.12.2012. Registrato sotto Economia, Foto, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

10 Commenti per “LUCCHINI: UFFICIALIZZATO IL COMMISSARIAMENTO”

  1. elia

    Facciamo gli auguri a Piero Nardi di trovare una via per Damasco, anche se ci vorrebbe la cometa di natale per trovare la via nel pantano che si trova oggi l’impresa e senza acqua potabile della liquidita per far fronte alle normali amministrazioni, ricordando che da oggi parte il conto alla rovescia per la sua chiusura -179 giorni.

  2. andrea

    spero che le tue gufate possono essere smentite e che i 179 giorni da oggi ci portino al risveglio concreto della siderurgia nazionale.facciamo lavorare il sig.nardi in maniera serena esmettiamo con questi commenti che non portano a nulla.

  3. stefano

    se è vero , come scrivono i giornali , che la richiesta di commissariamento è stata presentata , oltre che al Mise , al tribunale di Livorno , beh allora la sede è sbagliata perchè il tribunale competente è quello di Brescia ( sede legale) quindi la richiesta è ancora inesistente , la nomina del Commissario è nulla , o almeno impugnabile , e si rischia da subito la richiesta d’apertura di una procedura di fallimento da parte del primo venuto, che poi sarebbe l’unico modo per recuperare qualche soldo,visto che dal commissariamento le probabilità sono vicine allo zero. Complimenti ,chi ben comincia……..!

  4. elia

    ohh Andrea guarda se il sindacato non ti ha spiegato cosa significa veramente il commissariamento straordinario non è colpa mia, prima di tacere qualcuno di gufare studia qualcosa o informati per bene. Scusa la risposta aggressiva ma cavolo ormai dibattiamo da tempo e sai se ti dico qualcosa non nasce dal mio semplice pensiero ma da argomenti e procedure, non vorrei che tu mi scambiarsi per un politico che ti racconta le bazzellette o quello che ti piace sentirti dire solo per avere consenso.

  5. andrea

    no non mi permetterei mai di trattarti da politico però non capisco perchè non puoi pensare positivo per una volta.è vero il commissariamento è l’anticamera della probabile chiusura ma dico io in itala vogliamo smantellare tutta la siderurgia e fare solo turismo?.comunque egoisticamente intanto andiamo avanti con il commissariamento e poi vediamo.

  6. elia

    Andrea anche io spero con tutto il cuore che Nardi riesca nel progetto di salvare la siderurgia locale, il mio discorso sarcastico iniziale nasce dal fatto che davvero ha di fronte a lui un impresa molto difficile per non dire epica ma se c’è un Manager che ha i numeri per potercela fare di certo Nardi è uno di quelli, pertanto tifiamo per la sua riuscita. Buon Natale Andrea e a tutti i lettori del Corriere Etrusco.

  7. andrea

    sono fiducioso .buon natale anche a te.ciao

  8. Riccardo Gelichi

    Elia, qualcuno diffonde la notizia che il Commissario può accedere alla Cassa Depositi e Prestiti, a me non risulta, puoi dirci qualcosa ?

  9. elia

    Intanto capiamoci il commissario straordinario non ha poteri superiori ad un AD, anzi secondo me ha il limite dell’accesso alla liquidità immediata a parte questo lui se vuole (ma poteva farlo anche il cda precedente, o il sindacato, o la politica ovviamente gli ultimi due in collaborazione sempre con l’impresa) può presentare un progetto industriale con il relativo accesso alla cassa deposito e prestiti per iniziare una procedura per esempio per l’assorbimento dei futuri dismessi nei luoghi di lavoro, per progetti di formazione professionale per la riqualificazione dei lavoratori ma non di certo per RISTRUTTURARE i complessi siderurgici, se era così semplice allora perché non è stato presentato dal precedente AD manager esperto e competente nel settore industriale con un cda formato da manager di banca uomini di certo conoscitori di tali accessi visto che il 30% della cassa deposito e prestiti e loro. Sono secondo me chiacchiere raccontate visto il periodo di campagna elettorale.

  10. Riccardo Gelichi

    Elia, scusa se ti stresso, ma potresti indicarmi qualche link dove trovare informazioni sulla Marzano e relative competenze del Commissario ? Sai girando qua e là ho trovato ad esmpio cosa pensa il sindacato della Marzano, lo ritieni attendibile ? http://www.fiom.cgil.it/sindacale/uffisind/uffisind44/modifiche_legge_marzano.pdf

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    38 mesi, 22 giorni, 21 ore, 47 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it