NOTIZIE DALLA COSTA ETRUSCA DEL 5 MAGGIO 2018

«STATE DANDO LE NOSTRE VIGNE IN PASTO A CINGHIALI E CAPRIOLI»

Firenze – L’associazione che raggruppa i consorzi di denominazione di origine in Toscana boccia la legge speciale di obiettivo e chiede alle istituzioni preposte nuovi provvedimenti immediati: “Bisogna difendere le nostre colture”

“Le nostre vigne, il nostro lavoro, la nostra eccellenza toscana è data in pasto ai cinghiali e ai caprioli: non abbiamo intenzione di rimanere a guardare”. A.VI.TO, l’associazione che raggruppa 16 consorzi di denominazione di origine in Toscana, scende in campo per chiedere alle istituzioni di affrontare il problema degli ungulati. “Gli strumenti messi in campo con la legge speciale di obiettivo si sono rivelati  inadatti ed inefficaci per ricondurre, con gli abbattimenti programmati, l’attuale sovrannumero di cinghiali e caprioli in particolare nel nostro territorio – spiega A.VI.TO. – . Stiamo rischiando di perdere intere annate di produzione: è un prezzo che non siamo più disposti a pagare a causa della mancanza di decisioni e azioni forti da parte degli enti preposti. Non si tratta soltanto di danni alle nostre vigne ma viene di fatto, insieme al raccolto, distrutto anche il nostro lavoro. Se per difendere le nostre colture dovessimo ricorrere soltanto alla realizzazione di ‘fondi chiusi’ dove nessuno può può più passeggiare, saremmo i primi a distruggere il paesaggio, quel patrimonio naturale che gli stessi agricoltori hanno fino ad oggi contribuito a preservare e tutelare”.

Il settore del vino in toscana conta 22 mila aziende medio piccole di cui due terzi hanno produzioni DOP. Parliamo di 60 mila ettari di vigneto. Solo l’associazione dei consorzi A.VI.TO rappresenta aziende associate che contano oltre 20mila addetti con un fatturato di oltre un miliardo di euro. La produzione certificata di vini fermi in Toscana rappresenta il 20% del totale export di tutta Italia. “Questo è un’eccellenza che rivendichiamo – continua A.VI.TO – e che difendiamo da tutto e da tutti ma contro gli ungulati non abbiamo armi”. La presenza questi animali sul territorio toscano ha superato il limite di sostenibilità per il comparto agricolo e vitivinicolo. “Siamo a inizio stagione e le viti sono in sviluppo avanzato, e se i giovani tralci vengono mangiati dai caprioli si perderà la produzione dell’anno, mentre se l’attacco viene sulle giovani viti si rischia che queste non raggiungeranno mai la maturità produttiva con danni ingentissimi che vanificano gli investimenti fatti – spiega A.VI.TO. – I danni degli ungulati si estendono poi anche agli oliveti e alle altre colture. E non solo, anche i boschi vengono profondamente danneggiati”.

Altro problema, che tocca tutti, è quello della sicurezza: da un parte gli incidenti stradali provocati da questi animali. In qualsiasi momento chi è alla guida fuori dai centri abitati rischia di vedersi attraversare la strada da cinghiali e caprioli. Dall’altra i rischi che si possono correre per chi è ospite negli agriturismi. E’ bene ricordare che incontrare una madre di cinghiale con i suoi piccoli è tutt’altro che affascinante per i turisti che incuriositi che rischiano di essere attaccati.

L’attuale legge speciale di obiettivo è manifesto che non ha prodotto i risultati sperati: “Sono gli enti pubblici interessati che devono porre mano alla situazione trovando soluzioni per diminuire la presenza degli ungulati nel territorio e riportare il loro numero a un livello di sostenibilità per tutto il territorio con totale assenza nelle aree coltivate”. Il problema degli ungulati riguarda tutti. E mette il comporto agricolo di fronte alla necessità di trovare forti sinergie all’interno delle rappresentanze agricole per combatterlo. Solo l’unione di intenti può farci vincere questa battaglia in difesa del nostro territorio.

 ___________________________ 

CAMPIGLIA: DUE NUOVI MEZZI IN DOTAZIONE ALLA POLIZIA MUNICIPALE

Sono state consegnate nei giorni scorsi al comune di Campiglia due moto destinate alla Polizia municipale. Si tratta di due Aprilia Pegaso 650 cc (immatricolate nel 2006), destinate al servizio della Polizia municipale, acquistate usate dalla Polizia municipale del Comune di Calcinaia – Unione Valdera (Pisa), al prezzo di € 400 ciascuna.

Gli agenti della municipale  dell’Unione Valdera, il comandante Andrea Trovarelli con gli assistenti Mauro Batisti e Francesco Barsacchi, sono venuti a consegnarle di persona, come da foto, al comando di Venturina Terme in via della Fiera. I motocicli saranno impiegati sia per il pattugliamento territoriale sia, soprattutto, per il controllo dei ciclomotori e dei motocicli. “Colgo l’occasione per ricordare che – afferma il comandante di Campiglia  Alberto Messerini – soprattutto i ciclomotori, devono circolare integri e nel pieno rispetto delle regole del Codice della Strada che riguardano gli aspetti pri ncipali dell’uso del casco, del trasporto del passeggero, del patentino, etc.” A ricevere gli agenti della Valdera sono stati il comandante Messerini e la Vice Paola Casini.

_______________________________

PIOMBINO: GLI APPUNTAMENTI PER IL PALIO DI SANTA ANASTASIA

Appuntamento con la tradizione sabato 5 maggio nel centro storico di Piombino con il Palio di Santa Anastasia. In occasione delle celebrazioni in onore della patrona cittadina Santa Anastasia che viene festeggiata l’8 maggio, l’associazione Porta a Terra Piombino con la compagnia di tiro con l’arco storico “Le Fenici”, il circolo Magona e il patrocinio del Comune, organizzano dalle ore 17,00 il tradizionale palio degli arcieri con sfide in costume storico.

Alle ore 17, 00 si muoverà il corteo storico per la benedizione del Palio che si celebrerà presso la Concattedrale di Sant’Antimo mentre al Rivellino alle ore 17:30 il Teatro dell’Aglio e l’associazione Prendi l’Arte e Portala Ovunque propongono una rappresentazione teatrale per i più piccoli dal titolo “La Favola sbagliata” diretto e interpretato da Simona Taddei. La gara tra arcieri inizierà invece alle ore 18:45 alla fortezza del Rivellino.

Si hanno notizie dell’usanza del Palio in onore di Santa Anastasia sin dal 1471: in un’ordinanza da parte degli Anziani si deliberava infatti l’organizzazione di un Palio annuale in onore dei festeggiamenti di Sant’Anastasia. Il Palio era a quei tempi una corsa di cavalli, che rappresentavano i Rioni, al vincitore veniva assegnato il “Palio”, un drappo offerto dal Signore, mentre nelle chiese si celebravano funzioni religiose con offerte in ceri.

Dopo un periodo di stasi, la tradizione antica riprese in occasione del Centenario del martirio della Santa e dal 1987 si sono sviluppate celebrazioni, manifestazioni culturali e rievocazioni storiche: la Messa solenne nella concattedrale di Sant’Antimo con la consegna del cero e la benedizione del Palio, in questo caso degli Arcieri.

________________________________

 PIOMBINO: TURISMO, NUOVO INCONTRO SULLA VARIANTE AL R. U.

Nuovo confronto venerdì 4 maggio alle ore 15,00 palazzo Appiani con gli operatori turistici sulla Variante di adeguamento del vigente Regolamento urbanistico. Presenti all’incontro una trentina di gestori di strutture ricettive della zona, agriturismo, agricamping, villaggi turistici, alberghi ecc. insieme al vicesindaco e assessore al turismo Stefano Ferrini e alla dirigente del Settore programmazione territoriale ed economica Camilla Cerrina Feroni che ha spiegato l’iter procedurale della variante e i temi interessati dallo strumento di pianificazione, spiegando anche il processo di ripianificazione avviato dall’amministrazione comunale negli ultimi anni.

Il processo è stato avviato infatti dal 2016 tracciando tre linee di azione: quella relativa alla revisione del Piano Strutturale, strumento strategico con il quale l’amministrazione si prefigge di rileggere le linee strategiche del territorio e il cui documento di avvio verrà elaborato nel prossimo mese di giugno; la ripianificazione dell’area industriale approvata lo scorso anno in relazione al polo siderurgico Aferpi e l’attuale variante di adeguamento al Regolamento urbanistico.

In merito a quest’ultima, era stato avviata dal novembre 2016 una campagna d’ascolto rivolta a professionisti, operatori e cittadini.

“Per semplificare l’iter – ha spiegato l’architetto Cerrina – la variante è stata suddivisa in due fasi: la prima (che tratta il 74% circa delle segnalazioni pervenute) riguardante temi e previsioni interne al perimetro del territorio urbanizzato non incidenti sui beni paesaggistici,  e una seconda fase da attivare successivamente, probabilmente durante l’estate mediante procedimento ordinario, che potrà riguardare previsioni esterne al perimetro del territorio urbanizzato e/o incidenti sui beni paesaggistici. Per la prima fase si prevede l’adozione in consiglio comunale nel mese di giugno.

I temi presi in considerazione in questa prima fase riguardano in gran parte modifiche puntuali e modifiche delle destinazioni d’uso del patrimonio edilizio esistente; modifiche di destinazione urbanistica, modifiche normative su categorie degli interventi.

Le modifiche normative introducono dei correttivi testi a venire incontro alle esigenze di incentivare attività economiche e turistiche.

Per favorire l’insediamento e lo sviluppo in ambito urbano di attività ricettive extra-alberghiere (bed and breakfast, affittacamere, residenze d’epoca…), che sono esercitabili in unità immobiliari a destinazione residenziale, si introduce la possibilità di derogare dalla superficie minima di 45 mq prevista per gli alloggi; stessa possibilità sarà introdotta anche per i casi di frazionamento a unità immobiliari esistenti. In entrambi i casi, tuttavia, in sede di presentazione del titolo edilizio e/o abilitativo ai fini dell’esercizio dell’attività, dovrà essere prodotto un atto d’obbligo di impegno al ripristino dell’originaria dimensione alla cessazione della stessa.

Altre novità riguardano il centro storico, dove, anche a fronte del fenomeno di abbandono e mancato utilizzo dei fondi a piano terra, viene estesa la possibilità di mutamento di destinazione d’uso a fini residenziali dei piani terra dei fabbricati, esclusivamente al fine di favorire lo sviluppo della micro-ricettività turistica, riferibile alle categorie extra alberghiere.

Viene estesa inoltre la tipologia ricettiva dell’albergo diffuso ad altri ambiti della città, oltre al centro storico dove era già ammessa, per incentivare e facilitare l’attuazione delle previsioni del RU per finalità turistico ricettive nel centro urbano della città.

Nell’ambito artigianale e commerciale di San Rocco, sarà possibile inoltre l’insediamento di medie strutture di vendita del settore alimentare, attualmente non consentito, in quanto l’ambito, prevalentemente rivolto a servizio della residenza, è già caratterizzato dalla presenza di funzioni commerciali.

Nella variante rientrano inoltre alcune modifiche relative ad alcune cosiddette aree di trasformazione. Per quanto riguarda ad esempio l’hotel Centrale, l’attuale proprietà ha chiesto nell’ambito della campagna di ascolto, di incrementare il numero dei posti letto dell’albergo consolidando e sviluppando l’attività ricettiva. La variante ha cercato di venire incontro a questa richiesta ritenuta positiva per la città.

Per il cinema Odeon di via Lombroso, al fine di favorire l’attuazione di un intervento di parziale riconversione della struttura, già previsto nel RU, la variante dà la possibilità di ridurre le dimensioni della sala cinematografica, che comunque deve essere mantenuta, eliminando il dimensionamento minimo di 700 mq.

Infine per il Castello-asilo Propatria, per favorire il recupero degli immobili ex stalle e polveriera del Castello a fini ricettivi, si interviene estendendo la destinazione anche alle tipologie extra-alberghiere e non solo a quelle alberghiere come previsto in precedenza.

Nel corso dell’incontro il vicesindaco Ferrini ha presentato agli operatori turistici anche la rete di imprese “Toscana Costa Etrusca” come strumento per fare promozione e commercializzazione del territorio, auspicando una ampia adesione. Il prossimo incontro sulla Variante sarà il prossimo 10 maggio alle ore 17 in sala consiliare con i consigli di quartiere.

_______________________________

TURISMO SPORTIVO, UN NUOVO PROGETTO PER I COMUNI DELLA COSTA

Si è svolto venerdì mattina  a Firenze un incontro con l’agenzia regionale Toscana Promozione Turistica e con tutti i Comuni del futuro ambito “Costa degli Etruschi” per un progetto innovativo sul turismo sportivo.

L’incontro, al quale ha partecipato per il Comune di Piombino il vicesindaco e assessore al turismo Stefano Ferrini, è stato organizzato da Toscana Promozione Turistica, in collaborazione con lo studio Ghiretti  (studio di Parma che è consulente per il turismo sportivo) e con il Centro Studi Turistici di Firenze  per organizzare un progetto sul turismo sportivo.

Sono state discusse le azioni principali da avviare. In primo luogo, sulla base degli obiettivi individuati, verrà predisposto un documento di presentazione del progetto e del territorio da presentare successivamente alle Federazioni, enti e discipline di appartenenza.  Dovrà essere definito un modello di comunicazione per promuovere il territorio su diversi mercati, anche tramite il coinvolgimento di diversi testimonial e sarà avviata una mappatura degli impianti sportivi sul territorio, del relativo stato e disponibilità, indicando quali sono le strutture principali presenti su tutto il territorio della Costa degli Etruschi. L’attività sarà svolta in collaborazione con il Coni Toscana. Oltre agli impianti, andranno mappate le società sportive efficaci. Si procederà poi alla raccolta di dati sugli operatori economici, sulla presenza o meno di una rete di imprese e sull’ospitalità e  strutture ricettive.

____________________________

SAN VINCENZO: FINO AL 31 MAGGIO APERTE LE ISCRIZIONI AL NIDO COMUNALE

Scadrà giovedì 31 maggio il termine per presentare le domande per iscrivere i bambini all’asilo nido comunale per l’anno scolastico 2018/2019. Potranno essere ammessi i bambini residenti nei comuni di San Vincenzo e Sassetta che abbiano compiuto 3 mesi alla data di inizio del servizio, cioè nel mese di settembre, e che non compiano i tre anni entro il 31 dicembre 2018. I posti disponibili per i nuovi iscritti sono 27 di cui 12 nel gruppo Lattanti (3-12 mesi) e 15 nel gruppo dei Medio – Grandi (oltre il 12° mese).

Sarà possibile fare l’iscrizione scegliendo tra i due moduli orari disponibili; l’orario intero, dalle ore 8 alle ore 16 con il pranzo, oppure l’orario ridotto, dalle ore 8 alle ore 14 con il pranzo. Nell’assegnazione dei posti a orario intero avranno la precedenza assoluta i bambini che già frequentano il servizio.

La domanda di iscrizione, da compilarsi sui moduli disponibili presso l’Ufficio Pubblica Istruzione, l’Ufficio Relazioni con il Pubblico e scaricabili dal sito internet del Comune all’indirizzo www.comune.sanvincenzo.li.it, deve essere presentata all’Ufficio Protocollo, durante l’orario di apertura al pubblico, il lunedì, mercoledì giovedì e venerdì dalle ore 10 alle ore 13 e il martedì e giovedì anche dalle ore 15.30 alle ore 17.30.

Alla domanda andrà allegata la fotocopia di un documento di identità valido del genitore richiedente.

La graduatoria provvisoria sarà consultabile presso l’Ufficio Pubblica Istruzione e l’Ufficio Relazioni con il Pubblico a partire da lunedì 11 giugno.

Entro 10 giorni dalla data di pubblicazione della graduatoria provvisoria potranno essere presentati eventuali ricorsi al dirigente dell’Area Servizi alla Persona e Affari Generali.

La graduatoria definitiva sarà consultabile presso l’Ufficio Pubblica Istruzione e l’Ufficio Relazioni con il Pubblico a partire da lunedì 25 giugno.

La certificazione ISEE del nucleo familiare, per la determinazione della retta, sarà richiesta successivamente all’ammissione al servizio. La mancata presentazione dell’ISEE comporterà l’applicazione della retta massima.

Per maggiori informazioni sulla presentazione delle domande è possibile rivolgersi all’Ufficio Pubblica Istruzione durante l’orario di apertura al pubblico, il lunedì, mercoledì giovedì e venerdì dalle ore 10 alle ore 13 e il martedì e giovedì anche dalle ore 15.30 alle ore 17.30, rivolgendosi alla Dott.ssa Elisa D’Onofrio, tel. 0565 707232 email: e.donofrio@comune.sanvincenzo.li.it o alla Sig.ra Daniela Fontanelli tel. 0565 707262 email: d.fontanelli@comune.sanvinvenzo.li.it

 

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 5.5.2018. Registrato sotto cronaca, Foto, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    10 mesi, 25 giorni, 7 ore, 29 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it