PIOMBINO: M5S, «REALIZZARE UN NUOVO ACCORDO DI PROGRAMMA»

il gazebo del M5S

Piombino (LI) – Riceviamo e pubblichiamo integalmente una nota del Movimento 5 stelle su un ipotetico nuovo accordo di programma dopo la fine di quello Aferpi.

«Il modello Piombino ha fallito. Senza questa elementare presa d’atto, nessun futuro potrà essere programmato per questo territorio. Dal 2013 ad oggi abbiamo assistito ad un continuo susseguirsi e sovrapporsi di accordi e accordicchi con un unico comun denominatore: tutti i fondi, che avrebbero dovuto essere stanziati per interventi di interesse generale o finalizzati a un potenziamento e rilancio del territorio, erano stati invece modulati su progetti privati che non avevano alle spalle alcuna garanzia reale e che sono puntualmente naufragati.

In alcuni casi governo e istituzioni si sono avvalsi di fantasiosi progetti come il Polo di Smaltimento Navale o la rottamazione della Costa Concordia, non perché basati su reali prospettive di sviluppo, ma semplicemente per giustificare lo stanziamento di risorse finanziarie. In ogni caso ha prevalso il bisogno impellente di politica ed istituzioni di dare una risposta immediata alla città, più per una logica di mantenimento del consenso che nella ricerca di un reale sforzo di programmazione. Su questi presupposti, senza obiettivi strutturati e visione di lungo periodo che rendessero fra loro organici gli interventi, era logico aspettarsi il fallimento generale che adesso ci troviamo ad affrontare.

Eppure da tempo c’era chi, come noi, stava denunciando tutto questo, ricevendo in cambio l’accusa di “remare contro” per fini di speculazione politica. Il tempo dei progetti accattivanti quanto vuoti è finito e senza un immediato cambio di passo questo territorio marcerà a passi sempre più serrati verso il disastro sociale prima e la desertificazione poi. Noi vogliamo un territorio dove sia possibile una reale diversificazione. Adesso il governo faccia la sua parte, mettendo in campo risorse su progetti di interesse generale, in grado di rendere il territorio attrattivo per imprese di varia natura e dare alla politica locale la possibilità di progettare una Piombino dove le varie realtà produttive non saranno più in contrasto fra loro, dove qualsiasi tipo di monocultura sarà rifiutata con fermezza.

Proponiamo un nuovo Accordo di Programma, con pochi punti, ma interamente finanziati, slegati da qualsiasi interesse privato, che ponga al centro la vivibilità della città e sia in grado di migliorare la competitività delle realtà esistenti: Industria, Piccola e Media Impresa, Turismo.

Tre semplici punti:
1) prolungamento della SS398 fino al porto. E’ paradossale che da 30 anni a questa parte non si sia trovato il modo di realizzare 5 km di strada.
2) completamento del porto. Su questa infrastruttura sono già stati spesi soldi pubblici, ma senza il completamento di piazzali, banchine e collegamenti con la rete stradale e ferroviaria, il valore aggiunto rimane sulla carta.
3) Bonifiche. Il cadavere di quella che fu l’Area a Caldo dello stabilimento siderurgico, sita a pochi passi dal centro città, non può che essere un limite alla crescita di Piombino, oltre ad essere fonte di rilascio di sostanze pericolose per la salute dei cittadini.

Le aree del SIN (Sito di Interesse Nazionale per le bonifiche – dichiarato nell’anno 2000) devono essere restituite alle future generazioni. Nessun imprenditore si accollerà il costo passivo delle bonifiche con una prospettiva di rientro di decine di anni e comunque, come abbiamo visto nel recente passato, subordinerebbe l’efficacia degli interventi alle logiche di contrazione dei costi. Solo con un intervento pubblico sarà possibile ridare dignità a questo territorio, che ha contribuito con le sue acciaierie alla rinascita del Paese dal dopoguerra e che ha pagato un prezzo salato in termini di salute, è un dovere dello Stato».

MoVimento 5 Stelle Piombino

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 11.12.2017. Registrato sotto Foto, politica, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    12 mesi, 16 giorni, 3 ore, 22 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it