AFERPI: DAL MISE POCHE NOVITA SU SIDERURGIA, BONIFICHE E SS398

Traffico estivo in uscita da Piombino

Traffico estivo in uscita da Piombino

Roma – Si è svolto questa mattina al Ministero dello Sviluppo Economico il Comitato esecutivo dell’Accordo di Programma sottoscritto nel 2014, per una verifica del suo stato di attuazione e un aggiornamento sulle diverse misure previste dall’Accordo.

Riportiamo i comunicati giunti in redazione integralmente citando le varie fonti. Lasciamo ai nostri lettori l’opporunità di commentare tempi e modalità di attuazione.

___________________________

PIOMBINO: NOVITA DAL COMITATO SU BONIFICHE, 398, NUOVI INSEDIAMENTI PRODUTTIVI

Si è svolto questa mattina al Ministero dello Sviluppo Economico il Comitato esecutivo dell’Accordo di Programma sottoscritto nel 2014, per una verifica del suo stato di attuazione e un aggiornamento sulle diverse misure previste dall’Accordo.

Presenti la Regione Toscana, con il presidente Rossi e il consigliere regionale Gianni Anselmi, il Comune di Piombino, con il sindaco Giuliani, il vicesindaco Stefano Ferrini e l’architetto Camilla Cerrina Feroni dirigente del settore Programmazione e Controllo, l’on. Silvia Velo sottosegretario al Ministero dell’Ambiente, rappresentanti del Ministero delle Infrastrutture e Trasporti e di Invitalia, il presidente della Port Authority Stefano Corsini.

“L’incontro è servito a definire nuove modalità di gestione dell’Accordo di Programma – ha detto il sindaco – e a fare il punto sui temi cruciali del territorio: bonifiche, 398, problematiche dell’indotto, insediamenti produttivi e formazione. E’ stata formalizzata inoltre la richiesta di Regione e Comune di convocare al più presto un tavolo dell’indotto”.

Nel corso della riunione non è non è mancato comunque un approfondimento sugli ammortizzatori sociali. La Regione ha infatti richiesto al tavolo di avere a disposizione  i 30 milioni di fondi regionali fermi al Ministero del Lavoro che servirebbero per la Cassa integrazione in deroga.

La questione Aferpi non è stata affrontata, per l’assenza del commissario Piero Nardi, ed è stata rimandata al prossimo Comitato esecutivo convocato per il 28 giugno.

Per quanto riguarda le bonifiche, l’amministrazione comunale ha sottolineato la necessità di velocizzare tutte le procedure.

“C’è un ritardo causato dal mancato avvio del piano industriale di Aferpi – ha detto il vicesindaco Ferrini – e dalle lungaggini e complessità delle procedure. Dobbiamo comunque procedere secondo i cronoprogrammi e velocizzare il più possibile. Da parte di Rossi c’è stato l’impegno a convocare almeno due volte al mese il Comitato esecutivo per affrontare le problematiche tra i vari enti per risolvere la questione.”

Buone notizie per il completamento della bretella di collegamento della SS 398 al porto. Il 28 giugno è in calendario una conferenza dei Servizi per approvare il progetto definitivo del 1° lotto. Dopo questa approvazione il progetto tornerà al Cipe e l’obiettivo è quello di farla esaminare nell’ultimo Cipe utile dell’8 agosto.

“Autorità Portuale e Comune – ha detto il sindaco – hanno manifestato la volontà di procedere insieme per realizzare lo studio di fattibilità del 2° tratto della 398, da portare al tavolo dell’accordo. La cosa da evidenziare è che i tempi che erano stati previsti sono stati rispettati e che entro il 2018 verranno appaltati i lavori.”

Per quanto riguarda il PRRI e i finanziamenti da parte di Regione (32milioni) e Invitalia (20 milioni) per l’insediamento di nuove imprese, c’è la necessità di velocizzare l’assegnazione delle aree degli insediamenti produttivi di Colmata, dopo il ricorso presentato da Creo, l’azienda non ammessa da Invitalia.  Ci sono infatti aziende che attendono di avviare l’attività come Ecoline Tyre, La Chiusa di Pontedoro ed Etrusca Profilati.

E’ stato affrontato poi il tema della formazione: lunedì 19 sarà organizzato un incontro a Piombino Palazzo Appiani, alla presenza dell’assessore regionale Greco, con associazioni di categoria, sindacati e aziende, per impostare il piano della formazione della Regione in base alle esigenze che le nuove protezioni richiederanno. In questo contesto è stata annunciata l’apertura di uno sportello per la formazione professionale con tutte le informazioni per avviare nuove attività.

Infine gli insediamenti produttivi e il rinnovo delle concessioni demaniali. Ci sono aziende in attesa, PIM, General Electric, Creo, aziende di maricoltura e altre. Il Comune ha sollevato la questione in modo da dare il via a questi importanti investimenti e creare sinergie positive con tutti gli enti interessati.

FONTE COMUNE PIOMBINO

___________________________

AREA DI CRISI DI PIOMBINO, ROSSI: “MARCIANO SPEDITI I PROTOCOLLI DI INSEDIAMENTO”

ROMA – Avanti con il progetto di riconversione e riqualificazione industriale dell’area di Piombino, al centro degli accordi del 2014. Il punto è stato fatto stamani al Ministero dello sviluppo economico, dove si è riunito il comitato esecutivo che comprende Regione, Provincia, Comune, Agenzia del demanio, Autorità portuale, Invitalia e tutti i ministeri a vario titolo coinvolti. Delle bonifiche (50 milioni destinati per lo più all’intervento sulla falda) e del progetto industriale Aferpi nell’area ex Lucchini si parlerà invece più specificatamente nel corso di una riunione, sempre dello stesso comitato, già convocata per il 28 giugno.

Le notizie positive riguardano i protocolli di insediamento, ovvero le aziende che hanno deciso di investire e rilanciare le attività industriali sul territorio. “La parte regionale sta marciando – spiega il presidente della Toscana, Enrico Rossi – . Si creeranno in questo modo, grazie a 32 milioni investiti dalla Regione, 140 posti di lavoro”. Ed altri a cascata se ne potrebbero ulteriormente creare. Al riguardo sarà dato incarico ad Irpet, l’istituto di programmazione economica della Regione, di uno studio specifico.

Altri ventinove posti di lavoro si determineranno grazie ai 20 milioni investiti dal ministero, attraverso Invitalia. “Purtroppo in quest’ultimo caso il ricorso al Tar da parte di un concorrente sta bloccando la graduatoria già chiusa de mesi – aggiunge ancora Rossi – L’indicazione unanime del tavolo è stata quello di trovare un modo per velocizzare il più possibile i tempi”.

Certezze su Naspi e le risorse residue della cassa integrazione
“Abbiamo chiesto certezza anche sullo sblocco dei 30 milioni di euro destinati al piano integrato per l’occupazione, risorse della Regione residue della cassa integrazione in deroga dal 2014 al 2016 e di cui avevamo già parlato con il ministro Poletti” aggiunge il presidente della Toscana.

L’intervento riguarda una platea potenziale di cinquemila lavoratori, non tutti chiaramente nell’area di crisi di Piombino, e l’obiettivo – con un mix di strumenti che spaziano dalle politiche attive alle indennità di partecipazione e gli incentivi occupazionali – è favorire il rientro nel mercato del lavoro dei disoccupati op di comunque un lavoro non ce l’ha attraverso l’acquisizione di nuove competenze o mantenere ed accrescere quelle già possedute.

Le misure si affiancano naturalmente a quelle ordinari già messe in campo dalla Regione, che tra avvisi per l’occupazione e lavori di pubblica utilità hanno già permesso, dal 2015 ad oggi, hanno già interessato una sessantina di lavoratori.

Altra questione su cui è stato sollecitato con urgenza un intervento chiarificatore riguarda l’applicazione della Naspi, strumento che ha sostituito i precedenti sussidi destinati ai disoccupati ma che rischia di penalizzare i lavoratori che hanno lavorato per qualche periodo rispetto a quelli che hanno goduto della cassa integrazione a zero ore.

Demolizioni e rifitting navale, si parte a settembre.

Notizie positive, infine, anche per quanto per quanto riguarda l’area di Colmata, l’altra area industriale della città oltre a quella ex Lucchini, e gli investimenti di General Electric e Piombino industrie marittime. Pim, il polo di demolizioni e rifitting navale già con un accordo, siglato negli anni scorsi, che prevede una commessa di trentaquattro unità della Marina da smantellare, avvierà infatti la propria attività a settembre: 14 milioni di investimenti e almeno un centinaio di lavoratori che potrebbero crescere nel tempo. GE invece, la multinazionale americana, punterebbe, a partire entro dicembre 2018, con l’assemblaggio e testing dei grandi moduli industriali a cui sarebbe destinato lo stabilimento di Piombino. La procedura di insediamento è ancora in corso: anche in questo caso 80-100 occupati possibili, che con le prime commesse potrebbero salire a trecentocinquanta. Stamani è arrivata anche una buona notizia riguardo la garanzia dell’alta tensione richiesta, che verrebbe garantita attraverso la centrale elettrica già esistente.

La Regione alla fine ha approfittato dell’incontro anche per sollecitare il ministero dello sviluppo economico affinché venga convocato il tavolo sull’indotto promesso dalla viceministro Bellanova ai sindacati e ad oggi non attivato.

FONTE REGIONE TOSCANA

___________________________

PIOMBINO, CONFERENZA DI SERVIZI SULLA “BRETELLA” A FINE GIUGNO. APPALTO ENTRO IL 2018

ROMA – Buone notizie per la strada del Gagno, ovvero la bretella che dovrà collegare il porto di Piombino al corridoio tirrenico prolungando la statale 398. E’ stata già riunita la conferenza dei servizi, programmata per il 28 giugno, e c’è dunque un’ipotesi di cantierabilità con la possibilità di inserire l’opera nell’ultima riunione del Cipe ad agosto prima della pausa estiva, che vorrebbe dire appaltare l’opera entro il 2018.

Se n’è parlato stamani nel corso della riunione a Roma, al Ministero dello sviluppo economico, del comitato esecutivo sull’accordo di programma del 2014.

La bretella è un un’opera a lungo attesa, già prevista dall’intesa tra Governo e Regione del 2003, e fondamentale per lo sviluppo e il rilancio del tessuto economico del territorio. Anas aveva inviato a maggio il progetto definitivo, dallo svincolo di Geodetica fino a Gagno. L’intervento è finanziato con 50 milioni di euro (25 su fondo unico ed altrettanti da parte della presidenza del Consiglio). La Regione Toscana a sua volta ha chiesto all’inizio di questo mese i pareri alle amministrazioni locali coinvolti, in modo da rappresentarli alla conferenza di servizi del 28 giugno.

FONTE REGIONE TOSCANA

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 12.6.2017. Registrato sotto Economia, Foto, Toscana-Italia, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

1 Commento per “AFERPI: DAL MISE POCHE NOVITA SU SIDERURGIA, BONIFICHE E SS398”

  1. Paolo

    Mamma mia!
    Con tutte queste attività al filo di partenza, mi immagino un’esplosione di offerte di impiego.
    Suppongo che, da tutt’Italia, la gente in cerca di lavoro si precipiterà su Piombino e speriamo che gli alloggi possano bastare.

    L’importante sarebbe che le attività sul filo di partenza non restino … sul filo.

    Beh, risentiamoci a fine anno …

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    12 mesi, 16 giorni, 3 ore, 19 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it