M5S: «IL 1° LUGLIO E’ PROSSIMO E LA FABBRICA QUASI FERMA»

il gazebo del M5S

Piombino (LI) – Tutte le opposizioni stanno da tempo gridando “Iceberg”, e c’è il concreto rischio, per il “Titanic della Siderurgia” di Piombino, di affondare tra mancate promesse e speranze irrealizzabili. Oggi è il turno del Movimento 5 Stelle che chiede di fare le domande giuste al giusto interlocutore, che in questo caso è il governo italiano.
Se Rebrab riesce a mantenere il controllo dello stabilimento fino al 1° luglio 2017, diventerà proprietario indiscusso di 1000 ettari di Val di Cornia, e con questi farci cosa meglio crede, anche nulla per anni, vincolando di fatto il futuro nostro e delle future generazioni.

____________________________

M5S: LE GIUSTE DOMANDE AL GIUSTO INTERLOCUTORE

«Un vecchio adagio popolare recita: non c’è peggior sordo di chi non vuol sentire. Eppure la dirigenza AFERPI è stata molto chiara ed in più di un’occasione. In assenza di finanziamento bancario, non solo non partiranno gli investimenti, ma addirittura è fortemente a rischio la continuità produttiva per mancanza di attivo circolante. Lasciamo perdere se ciò dipenda da effettiva impossibilità o mancanza di volontà, questa è, ed è sempre stata, la posizione dell’azienda.

Il sistema bancario italiano ben si guarda da investire in un mercato altamente globalizzato e che risente pesantemente della concorrenza di competitor strutturati e capaci di determinare il prezzo di mercato dell’acciaio.

Sia ben chiaro che questo non accade perché il “grande vecchio” Federacciai sta esercitando la sua influenza sulle banche, seppur il rilancio dello stabilimento di Piombino sia ovviamente mal visto dai produttori del nord, ma perché stiamo parlando di un sistema bancario messo in ginocchio da miliardi di Euro di crediti deteriorati e che a Piombino ha già visto volatilizzarsi 800 milioni di Euro.

Per tutta risposta il ministro Calenda  convoca la proprietà con la richiesta di un piano economico-finanziario aggiornato, individuando in Rebrab l’unico responsabile. Per noi invece la proprietà non è più un interlocutore; stante la dichiarata impossibilità a portare avanti gli impegni industriali presi a maggio 2015 con la firma dell’accordo di programma, la palla passa all’altro firmatario di quell’accordo: il Governo.

Adesso è il momento che le istituzioni rispondano chiaramente ad alcune domande, le stesse istituzioni che hanno dichiarato infinite volte che la siderurgia è un settore strategico per il paese. Il Governo italiano è in grado, o semplicemente vuole, mantenere le quote acciaio che l’Europa ci assegna? In Italia ed a Piombino ci sono le condizioni per essere competitivi nel mercato della siderurgia? Si può prescindere da un piano siderurgico nazionale che metta insieme Piombino e Taranto, e coinvolga anche i produttori del nord? Cosa intende fare il Governo, in quanto firmatario dell’accordo di programma, per risolvere la crisi occupazionale del nostro territorio?

Ad oggi si può stabilire una data certa per l’inizio delle bonifiche di parte pubblica?

A queste domande Piombino ed i suoi lavoratori esigono chiare ed  immediate risposte. L’ultima cosa che Piombino si può permettere è di galleggiare in attesa che l’azienda ci porti la soluzione, magari versando soldi pubblici in un progetto del quale non è ancora chiara l’effettiva sostenibilità. Certo le risposte potrebbero non piacere, ma l’unica cosa certa è che la data del 1° luglio è ormai prossima e c’è la più che concreta possibilità che ci si arrivi con lo stabilimento ormai fermo, che tradotto in termini più comprensibili significa: stop ammortizzatori sociali, via ai licenziamenti, fine della siderurgia a Piombino».

MoVimento 5 Stelle Piombino

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 26.1.2017. Registrato sotto Foto, politica, Toscana-Italia, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

1 Commento per “M5S: «IL 1° LUGLIO E’ PROSSIMO E LA FABBRICA QUASI FERMA»”

  1. paolo

    Alla fine del 2014, sindacati e forze politiche locali fecero salti mortali e carte false per mandare alla malora la proposta, modesta ma concreta, di Jindal, per correre dietro alle favole di Babbo Natale-Rebrab.
    Adesso, naturalmente, si vorrebbe l’intervento dello stato e della spesa pubblica, per essere levati fuori dal merdaio in cui a furor di popolo ci siamo cacciati.

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    16 mesi, 14 giorni, 23 ore, 50 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it