CSP: I CAROTAGGI IN DISCARICA DEVONO ESSERE FATTI IN MODO EFFICACE

Piombino (LI) – Riceviamo e pubblichiamo una lettera aperta del Comitato Salute in relazione alla prossima esecuzione dei carotaggi nella discarica di Ischia di Crociano che rischiano di risultare un inutile spreco di soldi se effettuati nelle modalità fin’ora proposte.

«Il Comitato Salute Pubblica, seppur felice per la pubblicazione del bando per l’affidamento dei lavori per i carotaggi, si rivolge pubblicamente al Sindaco Francesco Ferrari per comunicare che rimangono ad oggi forti dubbi così come sono stati impostati i lavori .

I dubbi riguardano la chiarezza sul metodo adottato e la mancata ” interlocuzione diretta e costante con i cittadini” primo obiettivo del programma elettorale di questa amministrazione.

Avevamo chiesto all’ Assessore all’ambiente Carla Bezzini di discutere con i cittadini le aree dove effettuare i carotaggi, avevamo chiesto che le analisi delle carote fossero fatte in contemporanea dalla ditta esecutrice e da ARPAT e che i carotaggi fossero effettuati alla presenza di ARPAT.

Ci viene invece detto che i luoghi dei carotaggi saranno scelti dalla ditta esecutrice, che ARPAT non assisterà ai lavori e che non farà nemmeno le analisi sulle carote. Sarà un tecnico del comune a controllare i carotaggi e sarà il CNR di Pisa a fare le analisi delle carote ma solo in un secondo tempo!

La richiesta dei carotaggi era motivata dal fatto che un terzo circa dei rifiuti con cui la discarica ha raggiunto l’attuale altezza proviene dalle ditte di Livorno Lonzi e RaRi indagate per traffico illecito di rifiuti pericolosi.

Riguardo l’annuncio dei tre incontri con la cittadinanza e la ditta esecutrice auspichiamo che siano realmente decisionali sulle procedure e sulla individuazione dei siti di carotaggio e non, come temiamo, di pura informazione su scelte già fatte.

Inoltre ci spiace molto che ARPAT non partecipi ai lavori, ARPAT (Azienda regionale protezione ambientale Toscana) è l’ente istituzionale più idoneo per il controllo a nostro avviso, stiamo parlando di salute pubblica .

Vale la pena ricordare che il nuovo progetto presentato dalla SpA RiMateria è quello di costruire una nuova discarica da 2,5 milioni di metri cubi e l’innalzamento di un’altra discarica abbandonata dal 2008 per conferirvi altri 350.000 metri cubi. E’ talmente importante da poter orientare e segnare non solo la vita economica del nostro territorio , ma anche la salute pubblica dei cittadini per i prossimi decenni.

Siamo rammaricati da questo modo di operare e non comprendiamo perché l’Amministrazione non ci abbia resi partecipi, come promesso in campagna elettorale. Temiamo di perdere la possibilità che venga fatta veramente chiarezza attraverso i carotaggi effettuati con queste modalità.

Inoltre sappiamo che il Comune di Piombino si è costituito parte lesa nel procedimento contro Lonzi e RaRi, anche per questa ragione è di estrema importanza che i carotaggi si svolgano in maniera ineccepibile, con l’auspicio che possano finalmente rendere giustizia a un territorio per troppo tempo martoriato».

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 12.5.2020. Registrato sotto ambiente/territorio, Foto, Toscana-Italia, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    39 mesi, 24 giorni, 14 ore, 7 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it