RIMATERIA: PIOMBINO È STANCA DI ESSERE LA “CITTA’ DEI RIFIUTI”

Lo slogan di Rimateria

Piombino (LI) – In queste poche parole si riassume il messaggio che la coalizione di centro destra manda in risposta alla “richiesta danni” di 25 milioni da parte di Navarra Spa per aver avviato la variante per ridurre gli spazi di discarica ad Ischia di Crociano. Navarra Spa, azionista della società Rimateria che gestisce quella discarica a Piombino, ha infatti contestato a Comune e Asiu una condotta in contrasto con gli impegni sottoscritti per l’ottenimento delle autorizzazioni alle discariche Variante 2 e LI53, chiedendo conto dei danni causati delle azioni che l’amministrazione ha messo in campo per contrastare il raddoppio dei volumi della discarica. La data della prima udienza di questa vicenda, nella quale interessi e salute si scontrano, è fissata per il 20 giugno 2020.

Riportiamo tutti i comunicati giunti in un unico articolo.

_______________________________

COALIZIONE: L’AZIONE DI NAVARRA È SOLO INTIMIDAZIONE

Riceviamo e pubblichiamo integralmente dalle liste di governo a Piombino.

«La richiesta avanzata da Navarra è la dimostrazione che l’amministrazione sta lavorando nella giusta direzione. Con questo atto chiede al Comune di Piombino e ad Asiu il conto dei danni che ancora non ha subito a causa delle azioni che l’amministrazione ha messo in campo per contrastare il raddoppio dei volumi. Appare chiaro che quest’azione legale da parte di Navarra non è altro che un tentativo di intimidire un’amministrazione che invece è forte e convinta di ciò che sta portando avanti, del mandato che i cittadini le hanno consegnato: è un attacco a tutta una città e al futuro che ha scelto con il voto espresso a giugno.

Facciano i passi che credono opportuni, noi continueremo ad agire con tutti i legittimi strumenti che abbiamo a disposizione per impedire che la nostra città diventi un polo dei rifiuti. La salute dei cittadini e il futuro del territorio sono più importanti di qualsiasi altro interesse, in particolare quando riguarda un soggetto privato.

Quando Navarra ha deciso di acquistare le quote di Rimateria era perfettamente a conoscenza della possibilità che il raddoppio dei volumi non fosse concesso ma hanno comunque ritenuto opportuno l’investimento. Il rischio d’impresa è uno dei principi sacrosanti del libero mercato, soprattutto a fronte di una vicenda che, già prima dell’arrivo dei soci privati, era costellata di debiti e indagini.

Rimateria e i soci privati devono far pace con il cambiamento di registro: le priorità di questa amministrazione sono la salute dei cittadini e il rilancio del territorio. Se vorranno sommergerci di cause legali strampalate facciano pure, noi siamo dalla parte della difesa di un territorio che qualcun altro prima di noi ha lasciato in condizioni critiche, in balia di aziende private che tutto hanno a cuore tranne il bene comune».

Liste di governo a Piombino

______________________________________

LEGA: PIOMBINO È STANCA DI ESSERE LA “CITTA’ DEI RIFIUTI”

Prima la Regione Toscana che revoca alla società RiMateria la sospensione dei conferimenti che aveva deciso a partire da novembre senza che l’impianto sia mai stato a norma (anche se fissando nuovi termini da loro indicati come “perentori”), a seguire la richiesta avanzata dal socio privato Navarra che chiede ai piombinesi 25 milioni di euro per ipotetici danni ricevuti a causa della contrarietà della nostra amministrazione al progetto di ampliamento della discarica di Ischia di Crociano.

Sembra proprio che Regione e privati non vogliano comprendere che gli abitanti di Piombino hanno finalmente preso coscienza di quello che sta accadendo sulla loro pelle e che sul futuro della discarica, ma anche su quello dell’ospedale, hanno le idee chiare, e la “pacchia” sta finendo per chi voleva decretare di fatto un destino fatto di rifiuti per questa città.

Quest’azione legale da parte di Navarra poi non è altro che un tentativo di intimidire chi sta portando avanti il mandato datogli dalla stragrande maggioranza dei piombinesi. La Lega continuerà ad agire con tutti gli strumenti legittimi che ha a disposizione per impedire che Piombino sia ricordata in Italia come la “Città dei Rifiuti”, perché la salute dei cittadini ed il futuro del nostro territorio sono più importanti di qualsiasi altro interesse di parte.

Ricordiamo, anche se non ce ne sarebbe il bisogno, che quella discarica non ha alcun legame né con le bonifiche né con la produzione siderurgica, e neanche con i rifiuti urbani, che ormai da anni vanno a Grosseto, ma che dal 2016 è stata riempita, e purtroppo continueranno a farlo, da rifiuti speciali provenienti da ogni dove.

La Lega non può accettare tutto questo perché prima, per il nostro partito, viene sempre Piombino, e quindi vigilerà affinché siano rispettate le prescrizioni di legge battendosi affinché venga inserito un crono programma con i passaggi che indichino le date certe di bonifica e quelle di chiusura del sito che ospita la discarica.

LEGA SALVINI PREMIER
Piombino

_________________________________

COPPOLA (UDC-FI): NON CI FACCIAMO INTIMORIRE DA NAVARRA

Abbiamo appreso con stupore che Navarra stia procedendo per vie legali, chiedendo al comune di Piombino ed ad Asiu il conto dei danni per la contrarietà al progetto di ampliamento della discarica di Ischia di Crociano. Nel frattempo la regione  sembra tornare sui suoi passi, aprendo nuovamente ai conferimenti, anche se con vincoli precisi e perentori. L’auspicio è che li faccia rispettare tali vincoli, visto gli atteggiamenti equivoci in tal senso, che di fatto l’hanno portata a concedere, se pur con rigide prescrizioni, la VIA per il raddoppio della discarica. La nuova amministrazione che da giugno scorso governa la città ha elaborato atti amministrativi che hanno una precisa valenza politica, ma che solo in futuro potranno essere efficaci se portati a compimento per fermare il raddoppio. In tal senso il sindaco e l’assessore Palombi sono stati chiarissimi in consiglio comunale, usando parole che non lasciano interpretazioni diverse, nonostante gli avvocati di Navarra vogliano inficiarle, adducendo motivazioni sulle trascrizioni che a loro dire non sarebbero state espresse in un italiano corretto, con riferimento all’intervento consiliare del dott. Gianluigi Palombi. Chi era in consiglio può confermare che non vi sono state brutture dialettiche, tanto meno di sintassi, la realtà è che Navarra avrebbe forse voluto sentire ciò che gli sarebbe piaciuto, ma così non è stato.
Questo atto da parte di Navarra non è altro che una forma di intimidazione che rimandiamo direttamente al mittente. Noi siamo convinti del fatto che la salute dei cittadini sia più importante di qualsiasi altro interesse, in particolare in questo caso. Quando i soci privati hanno deciso di entrare in RiMateria, rilevando una parte delle quote pubbliche, sapevano bene, che non vi erano fino a quel momento precise autorizzazioni che garantissero il raddoppio dei volumi di discarica. Hanno ritenuto opportuno andare avanti, forse avevano ricevuto notizie che facevano riferimento a scenari diversi, ma il cambio di amministrazione gli ha rotto le uova nel paniere. Fra l’altro, a porre vincoli a Navarra sulla vicenda della discarica, vi è anche un un percorso giudiziario con una serie di capi di imputazione pesantissimi in cui la regione si è già costituita parte civile, nonchè tutte le questioni politiche che una commissione d’inchiesta consiliare ad hoc dovrà chiarire. Noi rappresentiamo quella parte moderata del centrodestra e dell’attuale maggioranza  che ha ricevuto democraticamente il mandato di mettere in campo tutti gli strumenti possibili per evitare il raddoppio della discarica.
Questa è la differenza fra noi e chi ci ha preceduto, che invece ha ritenuto di aprire le porte a Navarra ed Unirecuperi. D’altra parte, nel frattempo, le condizioni politiche sono cambiate e noi con i nopstri alleati siamo al governo della città. La variante che abbiamo adottato e che non è stata ancora approvata è il frutto di un dato inconfutabile: la prevalenza dell’interesse pubblico e della salute dei cittadini rispetto a quello privato”. Per questo motivo non siamo preoccupati, noi facciamo politica per il bene comune e siamo al servizio della nostra comunità. In tal senso siamo tutelati in primis dalla Costituzione e da tutte le norme che sanciscono il diritto dei rappresentanti dei cittadini ad esprimersi secondo coscienza e senza vincolo di mandato. Il nostro sindaco Francesco Ferrari si è impegnato in campagna elettorale in modo chiaro contro il raddoppio della discarica, noi siamo tutti uniti al suo fianco e con i cittadini, non faremo un passo indietro e tanto meno ci lasceremo coinvolgere emotivamente da chi ha come unico ed esclusivo obbiettivo i propri, anche se legittimi, interessi.

FI-UDC-CIVICI POPOLARI LIBERALI 

____________________________

LAVORO E AMBIENTE:”DISEGNATO UN FUTURO FUNESTO PER QUESTA CITTÀ”

La Regione Toscana ha revocato alla società Rimateria la sospensione dei conferimenti che aveva deciso con il decreto di novembre 2019 e con la successiva proroga, fissando nuovi termini indicati come perentori, senza la possibilità di proroghe ulteriori. Sinceramente ci sfugge il senso di questa revoca: l’impianto non è a norma, come del resto non lo è mai stato e le prescrizioni indicate nei provvedimenti precedenti non sono state ottemperate.

Riteniamo che l’atto della Regione rivesta particolare gravità, in quanto ignora non solo la chiara e decisa volontà del sindaco e dell’amministrazione comunale tutta, ma agisce in evidente spregio dell’interesse di un intero territorio che da anni grida contro quel mostro pervasivo che si è sviluppato all’ingresso della città ammorbando l’aria, il suolo e la falda.

La Regione Toscana ha evidentemente disegnato un futuro funesto per questa città, ormai in piena depressione demografica, produttiva e occupazionale e quindi di scarsa importanza sul piano elettorale: da una parte persegue imperterrita un progetto di smantellamento del servizio sanitario; dall’altra permette che continui a espandersi una discarica impattante per le persone e l’ambiente.

Riteniamo di dover mettere in atto delle azioni di protesta coinvolgendo tutta la società civile, come una grande assemblea di fronte al piazzale antistante la discarica, nonché sondare normative o strade legali interessando direttamente il Ministero dell’Ambiente.

Lavoro e Ambiente

 

 

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 27.2.2020. Registrato sotto ambiente/territorio, Foto, Toscana-Italia, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    40 mesi, 24 giorni, 2 ore, 2 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it