«SULLA DISCARICA IL SINDACO DI PIOMBINO NON DEVE ESSERE LASCIATO SOLO»

Lo slogan di rimateria

Il Sindaco di Suvereto Jessica Pasquini si unisce alla richiesta di sospensione della Via per l’ampliamento della discarica avanzata dal sindaco di Piombino Francesco Ferrari, mentre analoghe pressioni arrivano dal Gruppo 2019 al Sindaco di Campiglia per inviare analoga richiesta di archiviazione della Via a Rimateria.

“Ho provveduto – commenta il sindaco di Suvereto – ad inviare per posta certificata una nota alla Regione Toscana con cui esprimo pieno sostegno alla richiesta del sindaco di Piombino Francesco Ferrari di sospendere ogni iniziativa volta all’adozione della VIA rispetto alla richiesta della società Rimateria spa per il nuovo impianto di discarica sull’area LI53.

Coerentemente con quanto affermato durante la campagna elettorale e forte del mandato che i piombinesi gli hanno conferito il 9 Giugno, Ferrari ha preso subito l’iniziativa e ritengo giusto e doveroso che sia consentito alla nuova amministrazione del Comune di Piombino di pronunciarsi sulla questione in base alle proprie competenze in materia sanitaria ed urbanistica. – ha spiegato – Come sindaco di Suvereto, Comune della Val Di Cornia interessato e coinvolto nelle vicende che sul nostro territorio riguardano ambiente e salute, mi unisco alla richiesta del sindaco Ferrari sostenendo la sua posizione e chiedendo alla Regione Toscana di sospendere il procedimento di VIA in attesa delle azioni che, interpretando le volontà dei cittadini, il Comune di Piombino vorrà intraprendere con trasparenza e partecipazione.

“Oggi – commenta invece il Gruppo 2019 di Campiglia – è urgente che le Amministrazioni di tutta la Val di Cornia richiedano alla Regione la sospensione della procedura di Via. Farrari non deve essere lasciato solo in questa azione.  Pertanto chiediamo che anche Campiglia invii alla Regione Toscana la richiesta di archiviare la procedura della Valutazione d’Impatto Ambientale per il raddoppio della discarica. Lo faccia subito a tutela della comunità che è chiamata a rappresentare.

La discarica – continua la nota – oggi usata per importare rifiuti speciali da tutt’Italia, rappresenta un elemento crescente di rischio per la salute, l’immagine e la possibilità di uno sviluppo economico e produttivo dell’intera Val di Cornia. Le recenti rivelazioni sulla provenienza dei rifiuti speciali dai siti di tutt’Italia e sulla loro natura, sono l’ennesima conferma che certa politica, dicendo ai cittadini che Rimateria era la soluzione per le bonifiche del Sin di Piombino, raccontava baggianate”.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 19.6.2019. Registrato sotto ambiente/territorio, Foto, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    26 mesi, 20 giorni, 12 ore, 55 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it