FERRARI: “PROROGA INACCETTABILE, SERVE UN UNICO ATTO PER IL FUTURO”

il sindaco Francesco Ferrari

Piombino (LI) – Il sindaco Francesco Ferrari commenta la richiesta di proroga di Jsw per la presentazione del piano industriale.“Jsw Steel Italy ha chiesto una proroga di quattro mesi per la presentazione di un piano industriale preliminare: è inaccettabile che l’azienda continui a tenere un intero territorio appeso a un filo”.  Il sindaco Francesco Ferrari commenta la richiesta di proroga da parte della proprietà dell’impianto siderurgico piombinese.

“Il termine per la presentazione del piano industriale è scaduto, l’azienda aveva assicurato al Ministero dello Sviluppo economico che entro una settimana avrebbe presentato il piano di investimenti che la città aspetta dal luglio del 2018. Oggi, invece, arriva una richiesta di proroga adducendo la scusante del mancato adempimento da parte del Ministero e della Regione Toscana agli impegni contenuti nell’accordo di programma. Tutto ciò è inaccettabile: l’azienda prova e tenere in scacco le istituzioni e, di conseguenza, una città intera.

E mentre i lavoratori aspettano di conoscere quale sarà il proprio futuro, si continua solamente a sperimentare la lavorazione dell’acciaio al piombo. Jsw pretende concessioni giocando sulla condizione critica di un territorio: chiede ulteriori quattro mesi per presentare un piano industriale che dichiara essere preliminare e, dunque, ancora una volta non risolutivo.

È giunto il momento di avere il coraggio di smarcarsi dai ricatti dell’azienda, di cambiare strategia pretendendo conseguenze certe per il mancato rispetto degli impegni. È di certezza che Piombino ha bisogno, non di istituzioni superiori ricattate da un’azienda che si approfitta di un territorio.

È indispensabile cambiare approccio: oggi più che mai si impone la necessità di superare i numerosi accordi di programma e di stilare un unico atto concreto che affronti complessivamente tutti i temi cruciali del territorio, a partire dalle bonifiche, dalle opere infrastrutturali e dall’industria; il tutto con impegni economici certi da parte dei vari ministeri, anche sulla base dei finanziamenti che l’Europa ha dichiarato di mettere a disposizione per la riqualificazione ambientale. Solo così la siderurgia diventerebbe un tassello importante dell’economia del territorio ma non l’unico.

Piombino potrà rinascere solo diventando luogo di sperimentazione di una nuova politica nazionale ed europea. Questo è ciò di cui Piombino ha bisogno, è il contenuto del documento che abbiamo proposto al tavolo al Mise e l’unica azione veramente risolutiva per i problemi del territorio”.

_________________________

Convocata inoltre l’assemblea pubblica per parlare di ciò che è emerso alla riunione al Mise del 16 gennaio scorso e delle recenti novità che interessano l’impianto siderurgico: appuntamento giovedì 30 gennaio alle 18 al Centro giovani. 

“L’avevamo annunciato prima dell’incontro – ha dichiarato il sindaco di Piombino Francesco Ferrari – e credo che adesso, alla luce delle ultime novità che riguardano Jsw, sia ancora più importante che l’amministrazione si confronti con i cittadini, con i sindacati e le associazioni. L’abbiamo detto e lo ripetiamo:è essenziale cambiare approccio nei confronti dei problemi del territorio, affrontarli in modo unitario e stilare un atto unico che li metta in relazione. Non si può pensare di risolvere le criticità di Piombino continuando ad applicare soluzioni parziali e a breve termine, serve un progetto ampio e a lungo termine che includa il futuro della siderurgia, le bonifiche e le opere infrastrutturali. Ne parleremo insieme giovedì 30 alle 18 al Centro giovani”.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 25.1.2020. Registrato sotto Economia, Foto, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    31 mesi, 26 giorni, 16 ore, 39 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it