PIOMBINO: “REFERENDUM!” CONTINUA LA PROTESTA DEL COMITATO SALUTE

i manifestanti davanti al Comune

i manifestanti davanti al Comune

Piombino (LI) – Tra le ottocento e le mille persone sabato 27 ottobre in piazza Cappelletti a protestare insieme al Comitato salute pubblica per la seconda manifestazione organizzata per ribadire la richiesta di referendum sull’ampliamento della discarica di Rimateria e il “no” degli organizzatori alla cessione ai privati della maggioranza di Rimateria, società che attualmente controlla i 70 ettari al cui interno c’è la discarica di Ischia di Crociano. “Referendum” e “dimissioni” sono le parole scandite dai manifestanti per alcuni minuti nel corteo che ha raggiunto il municipio. Tra i partecipanti anche tanti giovani che finalmente sembra abbiano preso coscienza che le scelte di oggi influenzeranno inevitabilmente il loro futuro.

Il “comitato salute” ha potuto incassare lo slittamento della riunione fissata per lunedì dell’assemblea dei soci Asiu che doveva votare la cessione del secondo pacchetto alla società laziale Navarra, in quanto il sindaco Massimo Giuliani ha chiesto lo spostamento del voto di un paio di settimane per attendere l’esito della commissione referendaria.

In piazza cittadini di ogni età ed estrazione, presenti anche tanti studenti, che a gran voce hanno chiesto di potersi esprimere sul futuro della discarica con un referendum. Ai sindaci della val di Cornia e di castagneto il comitato chiede di sospendere la vendita delle quote di Rimateria ai privati e di dare il via ai carotaggi per conoscere la composizione dei materiali presenti in discarica e infine di permettere il pronunciamento dei cittadini con il referendum sul progetti di ampliamento del sito di Ischia di Criociano.

I toni, rispetto alla prima uscita in piazza, sono stati più pacati, con interventi più ragionati e concreti. «Il sindaco Massimo Giuliani ha detto di aver ricevito delle minacce – ha detto il vicepresidente del comitato Aldo Balzano – a lui va la mia solidarietà, perché questo non è il modo di affrontare i problemi. Io al contrario invito il sindaco a venire qui, ascoltare le domande dei cittadini e dare delle risposte, vogliamo sapere perché si vuole portare qui i rifiuti da fuori e che cosa c’è nella discarica».

A seguire l’intervento di Cristina Regini, che ha chiesto solo trasparenza e democrazia, e alle domande poste dal Comitato delle risposte dall’aministrazione comunale.

Luca Ciurli, guida ambientale Wwf all’Oasi di Orti Bottagone non lontana dalla discarica, spiega: «Porto decine di turisti in giro in questo splendido territorio, abbiamo aree bellissime, perché dobbiamo riempirle di rifiuti? Pensiamo al futuro, pensiamo ai nostri figli».

Ugo Preziosi ha fatto riferimento alla necessità di dare parola ai cittadini e al confronto da aprire sul tema del progetto della discarica, ricordando che la partecipazione è il sale di ogni democrazia.

Il sindaco di Suvereto Giuliano Parodi ha invece annunciato che questa volta dirà “No” alla vendita ai privati delle quote di Rimateria: «Tutto nasce dal debito Asiu, si vuole allargare la discarica per recuperare i soldi perduti. Ma i vertici Asiu dell’epoca, da Murzi a Barbarese a Tabani ci devono spiegare come è possibile che si sia creato un buco di decine di milioni, un debito che oggi pesa come un macigno».

Il Sindaco di Piombino Massimo Giuliani, che non era presente alla manifestazione, risponde alla popolazione tramite Facebook: «Un SIndaco ci accusa di non essere stato avvertito della nostra richiesta di posticipo della assemblea di lunedì. Neppure noi eravamo stati avvertiti nella decina (e passa) di occasioni in cui nelle assemblee dei soci votava in un modo e subito dopo andava a dire che non era d’accordo, lasciando intendere evidentemente alla gente di aver votato in modo contrario. Comportamento irrispettoso nei confronti dei soci e dell’azienda di cui è proprietario oltre che nei confronti di colleghi.
A comportarsi da brave persone spesso non ci si guadagna (nell’immediato, spesso ci vuole tempo perché la  gente ti capisca) e questa è per me l’ennesima riprova, per cui mi ritrovo a esternare questa ulteriore delusione, nonostante la mia indole estremamente riservata».

C’è da chiedersi a questo punto però se la deluzione che prova il sindaco Giuliani oggi, sia superiore oppure inferiore a quella provata dai cittadini di Colmata che da anni respirano i miasmi della discarica gestita da RImateria, senza che il comune abbia mai preso seri provvedimenti in proposito, al punto che la stessa questa estate è stata sequestrata dai Carabinieri dei NOE per gravi irregolarità.

_______________________________________

RIPORTIAMO QUI SOTTO INTEGRALMENTE ALCUNI DEGLI INTERVENTI LETTI SUL PALCO:

STANNO DISTRUGGENDO LA NOSTRA CITTA’

In primo luogo ci teniamo a dire che la nostra è sì, una battaglia , ma sempre ci siamo comportati nel rispetto  della correttezza, le nostre sole armi sono state  “parole” che abbiamo detto e scritto ai cittadini PER INFORMARLI visto che l’amministrazione se ne è guardata bene dal farlo e RIMateria lo ha fatto talvolta in maniera non veritiera oppure con il solo intento di difendere o giustificare l’azienda. Ma se persino esprimere e motivare l’opposizione ad un progetto, se questo non è più consentito, allora veramente la democrazia non esiste più in questa città. Qualche politico si è sentito offeso, noi affermiamo con forza che non abbiamo mai usato parole o scritti offensivi, se lo ha fatto qualche cittadino esasperato chiediamo addirittura scusa a suo nome, se i toni a volte  si sono alzati da entrambe le parti ce ne rammarichiamo.

La richiesta di Referendum è fatta proprio per aprire un confronto e non uno scontro, chi ha i migliori argomenti lo decidono i cittadini! I nostri politici si sono sentiti offesi e sono usciti per questo sui social. Questo ci preoccupa, molto, perché    SE  i nostri politici si sentono solo quando si ritengono offesi e al contrario non rispondono alle richieste dei cittadini , noi non ci sentiamo più rappresentati da loro.  Non era  nel loro programma l’ampliamento della discarica, quando li abbiamo mandati alla guida del Comune, non ci hanno mai detto che il nuovo programma dello sviluppo di Piombino si sarebbe rivolto al mercato dei rifiuti speciali. Ce lo fanno capire con l’arrivo in zona di società , ditte e dittarelle tutte dedicate alla lavorazione dei rifiuti  pericolosi e non pericolosi ,ma sempre di rifiuti industriali si tratta, del trattamento o del loro  stoccaggio. Ci troveremo con quasi 3 milioni di metri cubi di rifiuti provenienti dall’esterno del nostro territorio, oltre naturalmente  quelli che abbiamo già all’interno delle ex acciaierie e del SIN, e che non vengono rimossi. Diverse centinaia di cittadini hanno manifestato pacificamente per appoggiare il referendum consultivo ,un sacrosanto diritto , cioè quello di poter esprimere il proprio parere su una questione che condizionerà per decenni la vita di questa città. SI perché i nostri amministratori si stanno appropriando di un territorio come se fosse di loro proprietà: non è così , il territorio è di tutti i cittadini che ci vivono ed inoltre non possono pensare di costruire una nuova enorme discarica senza che gli stessi cittadini lo abbiano approvato.

Quello che noi invece vogliamo sottolineare oggi, è la grande partecipazione della città, vi ringraziamo dell’appoggio che ci avete dato e ci state dando con la vostra presenza  . E ci dispiace che la maggioranza che ci amministra si sia sentita offesa per alcuni interventi dei cittadini che sono saliti sul palco e non abbia invece voluto dare il giusto peso alla presenza di voi tutti. Ma noi riteniamo che in cuor loro siano invece intimoriti da questa partecipazione. Siamo noi che dobbiamo decidere il futuro della nostra città e dei nostri ragazzi, non loro che lo stanno facendo senza un  mandato.  Ma imperterriti continuano a non rispondere alle nostre richieste.

Silenzio totale!

Vogliamo che si facciano i carotaggi, per sapere cosa ci è andato in quella montagna di rifiuti, il sindaco ci dica perché non sono ancora stati fatti.

Per la questione RiMateria rispondono sempre i vertici dell’azienda, mai i proprietari, cioè le amministrazioni comunali.

Silenzio totale su un’azienda nata per riciclare rifiuti industriali all’interno del nostro territorio e che invece importa e accumula rifiuti speciali provenienti da tutta Italia senza aver fin’ora smaltito un chilo di rifiuti del nostro territorio.

Al contrario, anziché essere rassicurati dalle amministrazioni,  ogni giorno, giungono nuove notizie , sempre più preoccupanti .

Mentre ieri si parlava di querele nei confronti di alcuni cittadini è stata diffusa la notizia che lo scambio di Fiorentina verrà potenziato con 5,2 milioni di euro da Rete ferroviarie italiane per la ricezione di merce pericolosa.

Ci viene subito in mente che un’altra  azienda di trattamento rifiuti pericolosi che si chiama Wecologistic , che si insedierà in un capannone ex Dalmine, affianco a  RiMateria, utilizzerà oltre al porto, oltre alle strade di Piombino, note per la loro molteplicità, anche lo scambio di Fiorentina per ricevere e spedire le merci pericolose, rifiuti speciali pericolosi per intenderci. Forse, questo investimento di 5,2 milioni di euro per potenziare lo scambio di Fiorentina  potrebbe essere anche in funzione dello smercio dei materiali pericolosi provenienti da questa azienda ? E’ lecito pensarlo, o siamo maliziosi o peggio ancora passibili di denuncia se ce lo chiediamo oggi qui pubblicamente ? Ma se fosse così  dobbiamo allora preoccuparci moltissimo perché se si spendono 5,2 milioni di euro per lo scambio di Fiorentina , di merce pericolosa ne potrebbe arrivare ancora di più.

Per lo stesso scambio, ricordiamo  a chi non utilizza da molto tempo i treni da e per Piombino, transitano comunque i treni passeggeri per il porto turistico, su quegli stessi treni viaggiano i nostri ragazzi che vanno e tornano dalle Università, per non  parlare dei pendolari che giornalmente vanno a Cecina o a Livorno. Le nostre forze future, tutti i giovani che oggi sono presenti e che ringraziamo perché ci danno un motivo in più per andare avanti nella nostra battaglia, ci rimprovereranno di non aver fatto abbastanza per tutelare il loro territorio. Ma oggi , se dovesse passare il referendum, anche voi ragazzi, dai 16 anni in poi, sarete chiamati a dare un giudizio, ragazzi informatevi per favore, noi siamo a vostra disposizione sempre pronti a incontrarvi. Per non parlare delle famiglie che abitano vicinissime allo scambio di Fiorentina, famiglie che hanno investito in quella  zona e che già subiscono la vicinanza di RiMateria , che ci dicono non dia problemi di salute, ma se anche fosse, e gli esperti e le statistiche dicono l’esatto contrario, crea comunque un grosso disagio per gli odori che emette  ancora oggi nonostante la  messa a norma.

Noi siamo qui, per parlare con voi, i comitati nascono quando chi ci  amministra ha perso definitivamente il contatto con la propria cittadinanza.

_________________________

LA CITTA’ HA DIRITTO AD AVERE IL REFERENDUM SUI RIFIUTI

Il Comitato per il Referendum e il Comitato di Salute Pubblica Piombino-Val di Cornia hanno presentato e promosso due quesiti referendari da sottoporre al giudizio dei cittadini: uno dice no alla costruzione della nuova enorme discarica e l’altro dice no alla vendita della maggioranza delle azioni di Rimateria ai privati. La richiesta di referendum è stata accompagnata da 3000 firme e da una manifestazione cittadina a cui hanno partecipato centinaia di persone.

Due commissioni, formate da funzionari del Comune, un membro nominato dal sindaco e uno nominato dai referendari si riuniranno per la seconda volta lunedì 29 ore 16.30, per stabilire se i quesiti sono ammissibili e se i cittadini di Piombino possono dire si o no alla vendita delle azioni Rimateria ai privati e alla costruzione di una nuova enorme discarica. Ricordiamo un referendum CONSULTIVO!

La stampa locale ci informa che il 29 ottobre i sindaci si riuniranno per decidere la vendita della maggioranza delle azioni (l’altro30%)di Rimateria  ai privati! Ma questo era il tema di uno dei quesiti referendari, tema su cui lo stesso giorno alla stessa ora lunedì 29 Ottobre  la commissione referendaria doveva esprimere il giudizio di ammissibilità!

Ci sentiamo presi in giro. Potevano avvertirci prima che la nostra legittima richiesta di sottoporre a Referendum una questione così importante sarebbe stata nei fatti volutamente negata.

Non è possibile non notare l’assoluta mancanza di rispetto e l’arroganza con cui sono trattati i cittadini di Piombino!

Al nostro primo appello contro questa frettolosa manovra che vuole vendere, prima della verifica della validità dei quesiti referendari, alla Navarra SpA il secondo lotto di azioni non ha risposto la politica ma Rimateria! Eppure non ci eravamo rivolti a chi amministra Rimateria ma a chi la dirige!

Rimateria ha fra l’altro detto che se il 29 firmano il procedimento comunque non è concluso! No, se firmano la vendita è effettuata e quello che segue è solo burocrazia, non si torna indietro! Esso infatti se da una parte prevede, è vero, che i Comuni abbiano diritto di veto sulle modifiche del Piano Industriale, dall’altra prevede anche che qualora un socio privato dissenta dalla deliberazione di modifica del Piano Industriale, il  socio privato dissenziente avrà diritto di vendere la sua intera quota ad un prezzo determinato  in riferimento alla data di adozione della delibera di modifica del piano industriale, quota che il socio pubblico avrà l’obbligo di acquistare. Questo lega le mani, di fatto, ai soci di parte pubblica.

Lo Statuto suddetto specifica inoltre che la votazione di ogni nuovo Piano Industriale passi con la maggioranza assoluta dei voti: il pubblico dunque non avrà più neanche un teorico diritto di veto. Hanno detto che Navarra SpA è scagionato da tutte le inchieste e per fare questo hanno riportato un articolo scritto da S.Forte del  Marzo 2017, più di un anno fa! Ma a quanto ci risulta leggendo un articolo di M.Mingarelli del Maggio 2018 comparso su Frosinonetoday l’inchiesta partita nel 2017 a seguito dell’esposto presentato da quasi 300 persone per gli odori nauseabondi e l’aria irrespirabile sta continuando e Navarra non è ancora scagionato, purtroppo  non siamo riusciti a reperire notizie ancora più recenti in merito.

Oggi la lotta, condotta con mezzi democratici e nel massimo rispetto di tutte le opinioni,  per la difesa dell’ambiente e della salute del nostro territorio,  la lotta contro questa ultima frettolosa decisione diviene evidentemente una lotta per la difesa della democrazia! Perché i cittadini hanno tutto il diritto di esprimersi mediante un Referendum Consultivo! Potevano aspettare una decina di giorni e far pronunciare la Commissione che avrebbe stabilito se i referendum erano per come formulati ammissibili! Anche la commissione ed i suoi lavori, già iniziati, è stata ritenuta trascurabile! No hanno voluto ribadire che tutto è sotto il loro controllo, non vogliono interferenze, inutile ascoltare l’opinione dei cittadini!Non sentono la necessità di confrontarsi nemmeno quando prendono decisioni che segneranno la vita del nostro territorio, decisioni che non facevano parte del programma con cui si sono presentati alle precedenti elezioni.

Nella nostra ultima assemblea pubblica alcune forze politiche e associazioni si sono dichiarate d’accordo con le nostre richieste: si al referendum, carotaggi, no ad una nuova discarica, no alla vendita della maggioranza delle azioni di Rimateria a privati!

Ma oggi è tempo che chi non approva tale modo di procedere si esprima immediatamente e pubblicamente e lo faccia prima del 29 Ottobre quando i Sindaci potrebbero con una sola firma impedire il referendum e limitare la nostra democrazia, mettere nelle mani dei privati una azienda che tratterà rifiuti speciali, dire si alla costruzione di una nuove enorme discarica. Ci appelliamo a tutte le forze politiche, ai singoli consiglieri comunali, ai semplici iscritti a qualsiasi forza politica, ai cittadini tutti, alle associazioni cittadine di chiedere PUBBLICAMENTE al Sindaco di rimandare la firma sull’atto di vendita delle azioni! Ma questo va fatto ora prima del 29 Ottobre, dopo sarà del tutto inutile. Comunque anche se firmeranno non ci metteremo da una parte. La difesa dell’ambiente in cui viviamo continuerà, nemmeno se la Regione Toscana concederà la VIA alla nuova discarica ci fermeremo. Siamo convinti delle nostre ragioni per questo ci stiamo preparando per rivolgerci come ultima istanza al TAR nel caso in cui anche la Regione Toscana dica si al nuovo progetto Rimateria.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 28.10.2018. Registrato sotto ambiente/territorio, Foto, Toscana-Italia, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    16 mesi, 19 giorni, 11 ore, 32 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it