PIOMBINO: IL COMITATO SALUTE SCRIVE ALLA PROCURA DELLA REPUBBLICA

il SIN e in verde l’ampliamento Rimateria

Piombino (LI) – Riceviamo e pubblichiamo integralmente dal Comitato Salute Pubblica, che ha scritto alla Procura della Repubblica di Livorno.

_____________________________

Alla Procura della Repubblica di Livorno,

Con questa lettera il Comitato di Salute Pubblica Piombino-Val di Cornia si propone di sottoporre nuovamente all’attenzione della Procura della Repubblica la questione dei carotaggi richiesti da mesi sulla discarica RiMateria (ex-ASIU) di Ischia di Crociano a Piombino.

Nell’incontro del 4 luglio 2018 avvenuto tra un comitato di cittadini e i rappresentanti di alcuni Comuni del comprensorio (Sindaco di Piombino M. Giuliani, Sindaco di Suvereto G. Parodi, assessore all’ambiente del Comune di Campiglia M.ma V. Bartalesi, assessore all’ambiente del Comune di San Vincenzo A. Russo, Presidente di RiMateria V. Caramassi) furono presi dagli amministratori vari impegni, fra i quali quello di effettuare, appena possibile, dei carotaggi sulla discarica suddetta per escludere la possibilità che vi sia stato conferito materiale particolarmente pericoloso. Secondo quanto affermato dal Sindaco Massimo Giuliani ad oggi i carotaggi non sono ancora stati eseguiti perché è ancora in attesa dell’autorizzazione dell’Autorità Giudiziaria.

Concedere questa autorizzazione è, a nostro avviso, particolarmente importante in quanto ricordiamo che RiMateria è indagata in merito al traffico illecito di rifiuti provenienti dalle ditte Lonzi e RaRi di Livorno. Circa un terzo dei rifiuti con cui la discarica è stata innalzata da 26 a 32 metri provengono proprio da queste due ditte. RiMateria ha escluso che rifiuti pericolosi siano potuti finire in discarica e ha sottolineato che, nel caso, si riterrebbe lei stessa vittima di questa situazione. Siamo convinti che sia assolutamente necessario stabilire con certezza, attraverso i suddetti carotaggi, se dentro la discarica di Ischia di Crociano sono finiti rifiuti pericolosi: se così fosse si dovrebbe intervenire per eliminare il pericolo, sia per la tutela dell’ambiente e dei cittadini che abitano vicino alla discarica, sia per la tutela degli stessi lavoratori di RiMateria, che sopra la discarica operano quotidianamente.

Mentre nell’incontro del 4 luglio ai cittadini fu assicurato che la ditta che avrebbe eseguito i carotaggi sarebbe stata una ditta esterna a RiMateria e che i costi dell’operazione (carotaggi e analisi) sarebbero stati pagati dal Comune, in una recente dichiarazione a mezzo stampa il Sindaco, oltre ad imputare la non esecuzione dei carotaggi alla mancata autorizzazione della Magistratura parla anche di “carotaggi in autocontrollo”. Auspichiamo che questo non significhi affidare a RiMateria, diversamente da quanto promesso, l’esecuzione degli stessi e le analisi relative e che queste siano affidate a un Ente Pubblico, come l’ARPAT o i NOE, che si configuri come Ente qualificato e super partes.

Ci preme sottolineare che le preoccupazioni dei cittadini circa questi impianti, gestiti fino a pochi giorni fa senza alcun rispetto delle norme tecniche di riferimento e delle prescrizioni della Regione Toscana, sono del tutto legittime anche in considerazione dei notevoli disagi a cui i suddetti impianti hanno dato origine. Non dimentichiamoci che la discarica di RiMateria è menzionata più volte dalla Commissione parlamentare di inchiesta (presieduta dalla Sen. Laura Puppato e dall’On. Stefano Vignaroli) sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti e su illeciti ambientali ad esse correlati.

Abbiamo totale fiducia nella Magistratura e nella Procura della Repubblica: ci permettiamo di rivolgerVi questo invito dopo le ultime dichiarazioni fatte dal Sindaco e solo per sottolineare come i carotaggi e le analisi richieste potrebbero tranquillizzare i cittadini che, ad oggi, stanno seguendo la vicenda con crescente preoccupazione. Tutto ciò nel rispetto delle esigenze di indagine dei Magistrati che seguono il caso, al cui giudizio ci rimettiamo.

Comitato di Salute Pubblica
Piombino-Val di Cornia

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 12.10.2018. Registrato sotto ambiente/territorio, Foto, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    17 mesi, 13 giorni, 2 ore, 40 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it