RIMATERIA. APPROVATO LO STANZIAMENTO DI 350MILA EURO A FAVORE DELL’AZIENDA

Piombino (LI) – Approvata questa mattina in consiglio comunale la delibera con la quale si stanziano 350mila euro a favore di Rimateria per pagare la polizza fideiussoria della società alla Regione. Il provvedimento è stato presentato in apertura del consiglio dal presidente di Rimateria Valerio Caramassi ed è stato votato solo dalle forze di maggioranza (favorevoli PD e Spirito Libero, astenuto “Sinistra per Piombino”), mentre le forze di opposizione (Ascolta Piombino, M5S, Rifondazione Comunista, Un’altra Piombino, Ferrari sindaco Forza Italia), come annunciato durante la discussione, sono uscite dall’aula al momento del voto in segno di protesta.

Le risorse stanziate dall’amministrazione comunale, come ha spiegato Caramassi nella sua presentazione, serviranno a coprire costi futuri di gestione e post gestione della discarica di Ischia di Crociano, la sua messa in sicurezza in caso di chiusura. La somma finirà nelle casse di Finworld spa, intermediario finanziario accreditato da Banca d’Italia, che rilascerà la polizza e l’intera somma dovrà essere rimborsata entro il 31 dicembre prossimo.  Alla base della decisione  il rischio che le difficoltà finanziarie, se non prontamente affrontate, potrebbero comportare l’impossibilità di contrarre la polizza e quindi potrebbero portare alla sospensione dell’Autorizzazione integrata ambientale. Questo pregiudicherebbe gravemente la continuità aziendale e comporterebbe conseguenze ambientali imponderabili.

Tesa la discussione  in consiglio comunale, che ha visto il compattamento delle opposizioni su alcuni argomenti cruciali, già esternati in altre occasioni e relative a una critica generale nei confronti della gestione politica della discarica. Per le opposizioni sono elementi gravi la mancanza di trasparenza nella gestione della discarica e della politica dei rifiuti in generale, il non rispetto del piano industriale presentato a suo tempo da Rimateria che vede ora un possibile aumento incontrollato di rifiuti sul territorio attraverso i conferimenti previsti e il progetto di realizzazione di una nuova discarica di 2,5 milioni di m3, la non opportunità, secondo alcuni l’illegittimità,  di utilizzare fondi pubblici per aiutare una società per azioni come Rimateria.

Il PD  ha difeso con forza le scelte fatte dall’amministrazione e il piano industriale di Rimateria, nell’interesse generale del territorio e dell’ambiente, paventando situazioni di distruzione e fallimento in caso di non approvazione della delibera.

A seguire il presidente  di Rimateria, Valerio Caramassi, ha risposto alle sollecitazioni sollevate dalle minoranza.
“Non approvo che si dica che l’azienda sia reticente nel dare risposte – ha detto Caramassi –  In 35 mesi che sono a Piombino ho fatto 35 incontri pubblici, l’azienda la faccia ce l’ha messa sempre, ci sono molti luoghi dove si discute e le persone intervengono esprimendo la loro opinione. Questi 350mila euro sono fondamentali perché l’Aia non venga sospesa. Legittimo è discutere però preminente è il fatto che c’è un rischio che potrebbe essere esiziale per l’azienda. Si dice che è stato cambiato radicalmente il piano di Rimateria, in realtà non è cambiato niente. Fra il primo consiglio comunale del gennaio 2016 su questo argomento ed oggi, il nostro piano industriale è rimasto uguale, è ovvio che gli investimenti sono andati avanti in rapporto al contesto.

Oggi il contesto che ci troviamo davanti, con Jindal, offre delle possibilità da sviluppare per creare sinergie, se c’è la volontà di lavorare per l’interesse di questa città e se ci muoviamo ora e subito per le richieste di autorizzazioni con i ministeri. Bisognerebbe fare uno sforzo a prescindere dal passato per tentare di ragionare sugli elementi di interesse per la città. Il nostro obiettivo rimane la riqualificazione paesaggistica di quei 70 ettari.”

E anche il sindaco Giuliani ha difeso le motivazioni di interesse generale legate alla necessità di salvare Rimateria.
“Ci siamo posti il problema della discarica dal 2014 – ha detto Giuliani – contemporaneamente abbiamo pensato a come salvare un’azienda strategica e risanare l’ambiente. In sede istituzionale ne abbiamo discusso moltissimo. Allo stesso tempo il comune è sempre stato impegnato nella difesa di questo territorio, e lo dimostra l’impegno profuso per la recente firma dell’accordo di programma, per la difesa di tutti i lavoratori, per l’allontamento dell’industria dalla città. A questo punto si tratta di stringere su tutto questo.”

Fonte: Comune di Piombino

_____________________________________

I commenti dalle forze politiche non si sono fatti attendere: (PAGINA IN AGGIORNAMENTO)

M5S: APPROVATA LA DELIBERA CHE TANTO HA DIVISO, O FORSE HA UNITO, LA CITTÀ

il gazebo del M5S

Nel consiglio comunale odierno, la maggioranza al gran completo, stavolta con ampia copertura del numero legale necessario, ha approvato la delibera che prevede lo spostamento di risorse per ben 350.000 € in favore di Rimateria, la società di gestione della enorme discarica per rifiuti speciali, in procinto di raddoppio e privatizzazione. Si tratta di un’anticipazione di cassa, necessaria alla continuità aziendale, impossibile non approvarlo, dicono dalla maggioranza. Diversamente la pensano centinaia di cittadini che, in poche ore, si sono organizzati per raccogliere firme, creare comitati e portare avanti azioni comuni per fermare il progetto di semplice accumulo di rifiuti speciali alle porte della città.

Il partito democratico con la sua compagine di maggioranza si è assunto la responsabilità di approvare la delibera e perseverare nella linea tracciata fin’oggi, senza tener conto in alcun modo del parere della cittadinanza. Riteniamo questo comportamento increscioso.

L’impressione è che si voglia nascondere ancora la polvere sotto al tappeto, senza spiegare in che modo un’azienda a partecipazione pubblica, figlia di ASIU a gestione pubblica con la possibilità di coprire i costi di gestione attraverso la tassa sui rifiuti, si sia trovata in situazione di DEBITO MILIONARIO.

Rimateria è stata presentata ai cittadini per svolgere le funzioni di utilità pubblica e strategicitá per il territorio, proponendosi come lo strumento per mettere in pratica le bonifiche e come gestione dei flussi di materia secondo il principio di prossimità. Si è però di fatto passati al trattamento di rifiuti speciali provenienti da tutta italia, inizialmente per coprire il debito, e diventando, in prospettiva, una miniera d’oro per potenziali investitori privati.

Il MoVimento 5 Stelle sostiene, ed ha sostenuto, i cittadini che non accettano chinando il capo ogni decisione calata dall’alto e provvederà, se necessario anche insieme ad altre forze politiche di opposizione, a spiegare pubblicamente cosa la maggioranza attuale in continuità con quelle passate, ci sta nascondendo, evidenziando le responsabilità, ma proponendo le nostre soluzioni per invertire la rotta.

Stamani ci abbiamo provato, intanto cercando di fermare la vendita dei pacchetti azionari dell’azienda ai privati, ma la maggioranza ha respinto la nostra mozione al mittente, rigettandola.

Movimento 5 Stelle Piombino

____________________________

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 16.7.2018. Registrato sotto Economia, Foto, Toscana-Italia, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    15 mesi, 19 giorni, 23 ore, 57 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it