UGL: LA PAROLA CHIAVE DEVE ESSERE “LAVORO”, NON AMMORTIZZATORI SOCIALI

Il sindacato UGL

Piombino (LI) – Riceviamo e pubblichiamo dalla Segreteria provinciale UGLM Livorno e RSU Aferpi.

______________________________

Dopo la firma di Jindal ed il suo subentro abbiamo sempre preferito mantenere un distacco obiettivo per analizzare in maniera asettica l’evoluzione di una non semplice vertenza come quella della ex Lucchini.

Volutamente lontani da annunci vittoriosi ed addirittura nel vedere un grande traguardo raggiunto il rientro di una trentina circa di persone a lavoro ( non 50 come in molti preannunciavano). Non si tratta di “pessimismo cosmico ” o “tifoseria da stadio. Bastava rimanere ai fatti e tutti consapevoli che i numeri del progetto presentato dall’azienda erano ben chiari fin dall’inizio !!

Torniamo quindi alla realtà oggettiva delle cose: oggi abbiamo un soggetto industriale credibile, ma si tratta di un imprenditore con cui confrontarsi ma che, ovviamente, come tale ragiona ed ha finalità ben precise.

Anche per tale motivo la nostra sigla , UGLM, non ha tolto le bandiere dal cavalcavia. Il progetto è solo all’inizio. Pur volendo avere la massima fiducia occorre rimanere, noi lo saremo, sempre vigili e obiettivi su questa vertenza .

La mancanza di reali vincoli per JSW è sicuramente un elemento che deve tenere alta l’attenzione di tutti i soggetti coinvolti. Lo stesso accordo di programma, epurato da clausole di sorveglianza per la durata dell’intero progetto che la nostra sigla a quel tavolo ha sempre chiesto con forza, sarebbe stato un ulteriore elemento di garanzia visto, tra l’altro, la mancanza di un piano industriale dettagliato.

Per questi motivi, trattandosi di un territorio martoriato dalla crisi, riteniamo che occorrono forti investimenti da parte del Governo per uscirne: piani concreti per le infrastrutture (porto , strade e ferrovie) ma anche bonifiche ambientali delle quali oramai nessuno parla più come se la sicurezza e la salute non fossero tematiche da portare avanti. Questo noi chiederemo al nuovo governo. Non solo parlare di ammortizzatori sociali. La parola chiave deve essere : il lavoro !

Ma occorrera’ anche iniziare a pensare se, a fine progetto ci fossero degli esuberi quali percorsi intraprendere.

Senza entrare nel merito della vertenza Ilva di Taranto occorre ricordare che sono stati individuati degli strumenti ben precisi a salvaguardia di tutti che potrebbero essere valutati anche per Piombino .

Se poi non serviranno tanto meglio !!

Segreteria provinciale UGLM Livorno e RSU Aferpi

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 14.9.2018. Registrato sotto Economia, Foto, Toscana-Italia, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    16 mesi, 13 giorni, 8 ore, 53 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it