AFERPI: JSW E’ IL NUOVO PROPRIETARIO DELLE ACCIAIERIE DI PIOMBINO

Il momento della firma al MISE

Foto di gruppo con il sottosegretario Dario Galli

Foto di gruppo con il sottosegretario Dario Galli

Piombino (LI) – Verso le 13,30 di oggi il sindaco Massimo Giuliani ha comunicato tramite social in merito all’intensa giornata per il futuro dello stabilimento siderurgico piombinese.  “Stiamo firmando tutti l’accordo di programma. Quando tutti avranno firmato, ci sarà la transazione economica. Quando Cevital dirà che i soldi sono arrivati il notaio dichiarerà il positivo esito della transazione”.

“Le firme sono state apposte, le azioni girate, è in corso il trasferimento del valore pattuito – commenta anche il consigliere regionale Gianni Anselmi – Jindal è il nuovo proprietario delle acciaierie ex Lucchini di Piombino. C’è un importante interlocutore industriale, ci sono impegni assunti che andranno monitorati. Ora tocca a tutti noi scrivere una storia nuova di sviluppo, benessere, risanamento ambientale, diversificazione economica di questa parte della Toscana”.

Nel pomeriggio si è poi tenuto un incontro con le organizzazioni sindacali Fim-Cisl, Fiom-Cgil, Uilm-Uil e Ugl met presso il Ministero dello Sviluppo economico per una riunione di aggiornamento relativa all’accordo tra Cevital e Jsw per il passaggio dello stabilimento siderurgico di Piombino.

Il momento della firma al MISE

Domani 25 luglio, dalle ore 9.00 alle ore 10,30, le organizzazioni sindacali Fim Fiom Uilm, terranno nel piazzale AFERPI di fronte al consiglio di fabbrica, un’assemblea per informare tutti lavoratori dell’esito dell’incontro di oggi al Ministero dello Sviluppo Economico.

____________________

Ministero dello sviluppo economico

È stato sottoscritto oggi al Ministero dello Sviluppo economico il nuovo Accordo di programma per la reindustrializzazione e la riqualificazione ambientale dell’area di Piombino, dopo che nel corso della giornata era stato formalizzato il passaggio di proprietà dello stabilimento siderurgico ex Lucchini dagli algerini di Cevital agli indiani di JSW Steel Italy.
Hanno firmato l’accordo per la parte pubblica il Sottosegretario Dario Galli, il Presidente della Regione Toscana Enrico Rossi, il Sindaco di Piombino Massimo Giuliani, il Presidente della Provincia di Livorno Alessandro Franchi, il Ministero dell’Ambiente e della tutela del territorio e del mare, l’Autorità portuale di Livorno-Piombino, l’Agenzia del Demanio, mentre per la parte privata Aferpi, Piombino Logistic, JSW Steel Italy.
Con l’impegno di tutti si è arrivati finalmente alla conclusione positiva di questo accordo – ha dichiarato il Sottosegretario Dario Galli — che restituisce una prospettiva industriale al sito siderurgico di Piombino e garantisce un futuro ai lavoratori. Oltre ad essere soddisfatti confidiamo che con la realizzazione del piano industriale presentato dalla multinazionale indiana si possa ritornare nei prossimi anni alla piena occupazione dello stabilimento. L’importanza di questo accordo non risiede soltanto nel rilancio dell’acciaieria e del suo indotto, che per l’Italia è storicamente strategica e motivo di orgoglio, ma anche perché le parti si impegnano a rispettare le normative ambientali e a mettere in sicurezza il territorio.
Nell’Accordo di programma sono previsti dal Mise 33 milioni di euro di finanziamenti per realizzare progetti di tutela ambientale e di risanamento del territorio attraverso i contratti di sviluppo, mentre la Regione Toscana si impegna a finanziare con 30 milioni di euro, a valere sul Por Fesr 2014–2020, un progetto di efficientamento energetico e miglioramento ambientale del ciclo produttivo dello stabilimento ex Lucchini. Sono inoltre previste risorse per progetti di ricerca e sviluppo e per la formazione che saranno presentati dal nuovo proprietario del polo siderurgico.
Come garanzia dell’effettiva implementazione del piano industriale presentato da JSW Steel Italy, i finanziamenti verranno erogati soltanto alla fine del percorso di reindustrializzazione del sito di Piombino. Il Governo avvierà pertanto un attento monitoraggio degli impegni presi dal gruppo indiano con le Istituzioni.

____________________

I COMMENTI SINDACALI SULLA VICENDA:

Spera (Ugl): “Bene accordo di programma, ora nuovo incontro su ammortizzatori sociali per lavoratori diretti e dell’indotto” Si è tenuto oggi, presso il ministero dello Sviluppo Economico, l’incontro che di fatto segna l’inizio di una nuova gestione da parte di Jindal nella ex Lucchini di Piombino con la firma del passaggio da Cevital a Jsw e dell’accordo di programma alla presenza del Sottosegretario Dario Galli”.

“Ora occorre prendere visione concreta del piano industriale e fissare, in tempi brevi, un nuovo incontro con il Mise per la definizione degli ammortizzatori sociali dei lavoratori diretti e dell’indotto, vista l’imminente scadenza degli stessi in previsione della realizzazione del nuovo piano industriale per il sito”. Lo affermano in una nota congiunta Antonio Spera, Segretario Generale Ugl Metalmeccanici, Sabrina Nigro, Segretario Ugl Livorno, e Claudio Lucchesi, Coordinatore provinciale Ugl Metalmeccanici. “Importante sarà anche – affermano in conclusione – conoscere nei dettagli gli scenari previsti relativamente agli smantellamenti e alle bonifiche dell’intera area industriale”.

______________________

Fiom: Jindal Piombino. Firmato anche l’accordo di programma, ora l’acciaieria può ripartire

Si è tenuto nel pomeriggio di oggi, al ministero dello Sviluppo economico, l’incontro fra i rappresentanti di Jsw Steel, le Istituzioni nazionali e locali si ganizzazioni sindacali nazionali e territoriali per la firma dell’accordo di programma sul quale era già stata trovata una sostanziale intesa il mese scorso. Nella mattinata i rappresentanti del gruppo indiano avevano incontrato a Livorno i rappresentanti di Cevital per la firma definitiva del passaggio di proprietà dell’ex Lucchini.

Ora il gruppo indiano è ufficialmente proprietario dello stabilimento, per il quale il piano industriale presentato prevede le riattivazione de subito del treno di laminazione per rotaie, anche per consentirgli di partecipare al nuovo bando di gara della Rete ferroviaria italiana.

Questo comporta da subito 450 posti di lavoro, che il piano Jindal prevede di portare a circa 750 agli inizi del 2019 con il pieno riavvio anche dei laminatoi per vergella e barre. Poi 18 mesi per studiare e mettere in ordine un’acciaieria elettrica a cui seguirà il progetto di un nuovo treno di laminazione per prodotti piani, sui quali Jindal conta per il definitivo rilancio dello stabilimento.

Un piano complesso e ambizioso che richiederà un investimento di circa un miliardo di euro e che, alla fine del 2024, potrebbe portare l’ex Lucchini a produrre circa 3 milioni di tonnellate di prodotti finiti, tra i quali coils zincati e preverniciati.

Per Mirco Rota, coordinatore Fiom per la siderurgia, “la firma di oggi è molto importante sia per il risultato del lavoro di questi mesi sia per le possibili prospettive per Piombino”.
“Questo risultato. anche se parziale — continua — è dovuto alla caparbie. dei lavoratori ex Lucchini che hanno saputo gestire questa vertenza con molta convinzione e determinazione. Ci sono le basi affinché Piombino torni a produrre acciaio e possa tornare a essere un sito siderurgico importante, non solo sul piano nazionale. Al governo continueremo a chiedere non solo la garanzia degli ammortizzatori sociali per gestire questa fase ma che continui a vigilare rispetto agli impegni assunti da parte di Jindal.”

Fiom-Cgil Ufficio Stampa

___________________________

Lorenzo Fusco (UILM) ha dichiarato: «Lo stabilimento in questo momento è totalmente fermo e senza ordini e clienti. È fondamentale che la nuova proprietà parta con un piano di fornitura di semiprodotti costante per tutti e tre i treni di laminazione per far quanto prima ripartire la produzione e poter riacquisire così il mercato perso da ormai troppo tempo, a partire dalla commessa delle Ferrovie dello Stato fondamentale per il nostro stabilimento. Successivamente sarà fondamentale il ritorno alla produzione di acciaio nel minor tempo possibile con i due forni elettrici previsti per garantire il futuro di tutti i lavoratori, diretti e dell’indotto».

___________________________

FIM: Dopo il passaggio di Aferpi al gruppo Jindal, «adesso è necessario aprire un confronto al ministero del Lavoro con la nuova proprietà affinché si garantisca la copertura degli ammortizzatori sociali per tutta la durata del piano industriale e relativo sostegno al reddito». Lo affermano il segretario generale Fim Cisl Marco Bentivogli e il coordinatore nazionale siderurgia Fim Cisl Raffaele Apetino. «Con l’azienda inizieremo da subito una discussione per la riduzione dei tempi del cronoprogramma degli investimenti — sottolineano Bentivogli e Apetino in una nota -. I lavoratori e le famiglie aspettano oramai da troppo tempo, bisogna che piombino torni a colare acciaio al più presto, soprattutto in un momento in cui c’è una forte domanda di acciaio che da troppo tempo importiamo dall’estero a scapito delle aziende e dei lavoratori siderurgici italiani».

____________________________________________________

I COMMENTI POLITICI ENTUSIASTICI DEL PRESIDENTE REGIONALE ROSSI E DEL PD LOCALE NON SI SONO FATTI ATTENDERE:

Rossi: “Piombino riparte. Torneremo a produrre acciaio”

Enrico Rossi a Piombino nel 2014

Oggi la firma ufficiale per la cessione di Aferpi da Cevital a Jindal Steel West. Di seguito, un intervento del presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi.

“L’accordo di programma firmato oggi sull’area industriale di Piombino ha una valenza ambientale e industriale. Con esso, le istituzioni pubbliche dopo il passaggio di proprietà avvenuto tra privati definiscono il rapporto con il subentrante proprietario Jindal Steel West.

1. In base al nuovo accordo, Jindal si impegna a produrre acciaio costruendo due forni elettrici per una produzione di almeno due milioni di tonnellate. Una cosa mai vista e fatta a Piombino. Noi volevamo tempi più brevi dei 18 mesi richiesti dall’azienda per presentare i progetti di costruzione dei nuovi forni, ma apprezziamo anche la serietà dell’approccio e vogliamo aspettarci sorprese positive.

2. In cambio di questo progetto, le istituzioni, a fronte di un piano da un miliardo e 50 milioni di investimenti, si impegnano a sostenere con un contributo di 33 milioni del Ministero dello sviluppo economico progetti di tutela ambientale e di risanamento, a cui si aggiungono 30 milioni della Regione Toscana per l’efficienza energetica e ambientale del ciclo produttivo e altri 30 milioni, sempre della Regione, per progetti di ricerca e formazione. La Regione quindi mette a disposizione 60 milioni in totale a cui si sommano i 33 milioni del Ministero dello sviluppo economico: oltre 90 milioni che stanno nel quadro dei contributi tipicamente erogati in queste situazioni, cioè circa il 10% dell’investimento complessivo.

3. Inoltre, Jindal si è mostrato molto interessato anche al porto di Piombino realizzato dalla Regione Toscana. Presenterà presto un piano e potrà avere le concessioni dalla Port Authority.

4. Con l’atto del passaggio di proprietà l’occupazione di oltre 2000 addetti – confermata da Rebrab-Cevital, che per questo ringraziamo – passa automaticamente a Jindal. Non ci sarà subito il reimpiego di tutti i lavoratori. Si inizierà con 435 lavoratori ai laminatoi a settembre, cresceranno a 600, conteggiando anche gli impieghi per le demolizioni, fino a 1500 con l’allestimento degli impianti di produzione dell’acciaio. Per questo chiediamo al governo la protezione sociale della cassa integrazione. L’accordo alla fine prevede il riassorbimento di tutti i lavoratori.

5. Sul piano ambientale, l’azienda si impegna sulle demolizioni e a riorganizzare lo stabilimento in modo da allontanare le produzioni dal centro di Piombino e a fare i risanamenti ambientali. Bisogna sottolineare che verrà ridotto consistentemente l’impatto ambientale in termini di qualità dell’aria. Per tutti questi interventi, si può parlare tranquillamente di riconversione ecologica della siderurgia di Piombino.

6. La Regione e il presidente mantengono il ruolo di coordinamento del comitato esecutivo che ha il compito di monitorare e agevolare l’attuazione dell’accordo di programma.

La firma di oggi è un successo dei lavoratori e della loro lotta senza la quale non saremmo a questo punto. E’ un successo anche della serietà delle istituzioni, Comune, Regione e Stato. Ringrazio l’ex ministro Calenda e l’attuale ministro Di Maio. Avevo preso impegno che a Piombino o si sarebbe tornati a colare acciaio o mi sarei dimesso. Sono contento di quest’accordo per i lavoratori e per la Toscana. Vigileremo perché si attui compiutamente”.

Enrico Rossi

_________________________

Massimo Giuliani su Facebook

La firma delle azioni e del contratto c’è stata. Il contratto è in mano al notaio. Stiamo firmando tutti l’accordo di programma. Quando tutti avranno firmato, ci sarà la transazione economica. Quando Cevital dirà che i soldi sono arrivati il notaio dichiarerà il positivo esito della transazione.

_________________________

Gianni Anselmi sul Facebook

Le firme sono state apposte, le azioni girate, è in corso il trasferimento del controvalore pattuito.
Jindal SW è il nuovo proprietario delle acciaierie ex Lucchini di Piombino.
Le istituzioni pubbliche e la nuova proprietà hanno siglato l’Accordo di Programma. C’è un importante interlocutore industriale, ci sono impegni assunti che andranno monitorati. Ora tocca a tutti noi scrivere una storia nuova di sviluppo, benessere, risanamento ambientale, diversificazione economica di questa parte della Toscana. Rivolgo il mio pensiero e il mio ringraziamento a chi ha lavorato per nuove certezze, a chi non ha mai rinunciato a battersi ed essere positivo, a chi anche nei momenti più duri si ostina a credere che si possano fare cose e ottenere risultati, far vincere la speranza sulla sofferenza. Avanti, insieme, con coraggio e determinazione: la sfida comincia ora di questa parte della Toscana.
Rivolgo il mio pensiero e il mio ringraziamento a chi ha lavorato per nuove certezze, a chi non ha mai rinunciato a battersi ed essere positivo, a chi anche nei momenti più duri si ostina a credere che si possano fare cose e ottenere risultati, far vincere la speranza sulla sofferenza.
Avanti, insieme, con coraggio e determinazione: la sfida comincia ora. 

_________________________

PD: JSW è il nuovo proprietario di Piombino

Riceviamo e pubblichiamo integralmente.

«JSW, uno dei più importanti gruppi industriali del pianeta, è da oggi il nuovo proprietario del polo siderurgico ex Lucchini di Piombino. Nelle scorse ore le Istituzioni, a tutti i livelli, hanno siglato assieme alla nuova proprietà, un nuovo accordo di programma. É un momento storico per questo territorio, per i lavoratori e per le loro famiglie. Dopo un periodo di stallo terribile, finalmente è possibile guardare con rinnovata fiducia e ottimismo al futuro di questo angolo della Toscana.

Sviluppo sostenibile, rinnovamento ambientale, lavoro e diversificazione economica diventano opportunità da cogliere e non semplici buoni propositi. Siamo soddisfatti ma allo stesso tempo consapevoli che la sfida inizi adesso.

Facendo tesoro del recente passato, sappiamo che ci sono ancora importanti nodi da sciogliere, ad esempio la questione del sostegno al reddito delle famiglie per tutto il periodo necessario a mettere in atto il piano industriale, periodo che necessiterà di un costante e puntuale lavoro di controllo e verifica da parte delle Istituzioni, ad ogni livello. Piano industriale che ancora non conosciamo in dettaglio nella sua veste definitiva.

In questo momento rivolgiamo un pensiero ed un ringraziamento a tutti coloro Che, anche nei momenti peggiori e più bui, a tutti i livelli, hanno lavorato perchè si giungesse a questo nuovo e difficile inizio. A chi non si é dato per vinto, a chi si é ostinato a credere che si possano fare cose e ottenere risultati per il bene comune con il lavoro e l’impegno quotidiano. A chi non si é adagiato nel brodo rassicurante del pessimismo e della polemica, interessata o fine a se stessa. La sfida comincia adesso».

Circolo delle fabbriche PD

___________________________

CEVITAL: “Sono soddisfatto che tutti gli sforzi che abbiamo fatto in questi mesi per risolvere una questione così importante e difficile siano stati coronati dal successo, con l’aiuto del Ministero e della Regione, e che gli impianti e i suoi lavoratori abbiano la possibilità di proseguire la loro attività”.

Mr. Said Benikene, CEO Gruppo Cevital

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 24.7.2018. Registrato sotto Economia, Foto, Toscana-Italia, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

1 Commento per “AFERPI: JSW E’ IL NUOVO PROPRIETARIO DELLE ACCIAIERIE DI PIOMBINO”

  1. Louise

    Vai con l’inquinamento a palate altro che turismo!!! Il PD è pestilenziale.

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    16 mesi, 13 giorni, 9 ore, 37 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it