CAMPING CIG: MANI LIBERE A JSW E SALTO NEL BUIO PER LA CITTA’

gli operai del Camping CIG

Piombino (LI) – Riceviamo e pubblichiamo integralmente dall’ssociazione “Articolo uno-Camping CIG”, che riporta l’attento studio dell’accordo di programma stilato per lo stabilimento siderurgico Aferpi con la JSW (Jindal Steel). Due le frasi dell’associazione alle quali la politica deve dare risposte vere: “Non è affatto assicurato che si facciano le demolizioni (subordinate a studi di fattibilità e sostenibilità) e le bonifiche” e “mani completamente libere per la multinazionale e un vero salto nel buio per i lavoratori e per la città”. Di sicuro un “bellissimo” regalo per chi a maggio 2019 dovrà cercare di rimettere in sesto il futuro di questa martoriata città.  

_____________________________

La nostra associazione ha esaminato attentamente l’ Accordo di Programma (AdP)    e il “Business Plan” (B.P.)   relativi al caso Jindal/Piombino. Dalla discussione, con la partecipazione anche di tecnici del settore,  sono emerse valutazioni e interrogativi, che qui esprimiamo in sintesi e piu’ dettagliatamente in un documento di prossima diffusione.

JSW Steel si è assicurata un “pied à terre” in Europa, un porto in ottima posizione e con buoni fondali, aree industriali di discreto valore immobiliare, impianti vecchi o da demolire  ma pur sempre compresi in un  “pacchetto” corredato da consistenti sussidi, agevolazioni e incentivi pubblici. I modesti investimenti previsti  per il riavvio dei treni (“Fase 1” del B.P.) assicurano la fruibilità degli ammortizzatori  e la gestione “morbida”  della connessa questione sociale per un periodo di un paio d’ anni, quanto basta  a Jindal per uscire definitivamente dal periodo di sorveglianza ministeriale e avere completa libertà di manovra.

Uno “Studio di fattibilità”  “dovrebbe” (il condizionale è nel testo del B.P.) essere presentato a 18 mesi  dalla firma dell’ AdP.,  e indicherà se e come si darà  corso alla “Fase 2” del B.P. , quella cioe’ degli investimenti per nuovi impianti. JSW Steel deciderà in piena e assoluta libertà se e quanto investire, in che tempi, come e dove dislocare gli impianti: non si tratta di  impegni, ma di ipotesi subordinate all’ esito dello studio di fattibilità, sulla base del quale verrà anche revisionato l’ AdP.

Non è affatto assicurato che si coli acciaio a Piombino.

Non è affatto assicurato che si facciano le demolizioni (subordinate a studi di fattibilità e sostenibilità) e le bonifiche.

Nello AdP la parte pubblica (Governo locale e nazionale) si auto-obbliga ad una serie nutrita e precisa di oneri procedurali, amministrativi e finanziari, che JSW assume singolarmente (nessun escluso) come condizione necessaria per gli investimenti, a fronte della sostanziale assenza di impegni vincolanti e sanzionati per JSW Steel stessa.

Parte pubblica  firma  l’ AdP senza un vero piano industriale (come fu già con Rebrab: perseverare diabolicum !);  senza che ne venga minimamente discussa, nei Consigli Comunali e nella collettività, neanche la versione  “bignami”  ad uso divulgativo (l’ unica ad oggi nota).

Parte pubblica  non inserisce “paletti” che vincolino  benefici e concessioni ai tempi di realizzazione degli investimenti; non prolunga la vigilanza ministeriale oltre il biennio dalla firma,  contrariamente a quanto aveva promesso il viceministro Galli nell’ incontro al Mise con la nostra associazione ( quando aveva altresi’ promesso che, in mancanza dell’ avvio degli investimenti a 18 mesi dalla firma avrebbe avviato le procedure per la riacquisizione dello stabilimento da parte dello Stato);  non esplicita   limiti urbanistici per la collocazione degli impianti. Si dichiara  anzi la disponibilità dell’ amministrazione locale a rivedere gli strumenti urbanistici vigenti sulla base delle esigenze che l’ impresa manifesterà alla fine dello “studio di fattibilità” (inizio 2020). La scelta di “allontanare la fabbrica dalla città”,  tanto enfatizzata al tempo della “variante Aferpi”,   verrà rimessa in discussione?

Alla fine del percorso, che potrebbe essere tra il 2022 e il 2025 ( secondo cosa si attui della “Fase 2”)  ci saranno molti  esuberi: qualche centinaio  tra i dipendenti di JSW Steel,  nella ottimistica quanto improbabile ipotesi di piena realizzazione degli investimenti evocati; o piu’ di un migliaio,  nella pessimistica ipotesi (malaugurata ma possibile) che a Piombino si lamini ma non si coli piu’ acciaio. Cio’ senza contare la strage (in buona parte già avvenuta) di posti di lavoro nell’ indotto .

In sostanza l’ AdP rispecchia una trattativa a senso unico: mani completamente libere per la multinazionale e un vero salto nel buio per i lavoratori e per la città.   E’ indispensabile guardare negli occhi questa  realtà (la cui responsabilità ricade sul governo precedente quanto sull’ attuale) impedendo nuove narrazioni felici e invertendo le politiche che hanno prodotto questa “débacle” del pubblico interesse.

                                                           Coordinamento Art 1 – Camping CIG

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 29.8.2018. Registrato sotto Economia, Foto, Toscana-Italia, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    17 mesi, 11 giorni, 18 ore, 31 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it