RIFIUTI: «RIMATERIA NON BONIFICA, MA AMPLIA LA DISCARICA»

un consiglio comunale con Caramassi

Piombino (LI) – Indagine da “Terra dei fuochi” in provincia di Livorno, con ducento mila tonnellate di rifiuti che sembra siano stati smaltiti irregolarmente nelle discariche di Scapigliato gestita dalla Rea Impianti di Rosignano, e in quella piombinese di “Rimateria” , tra il 2015 e il 2016 e una presunta organizzazione criminale “in salsa livornese” che agiva in totale spregio delle normative. I carabinieri forestali, con le telecamere issate sopra i muri dei centri raccolta di Scapigliato e Piombino, hanno filmato i camion che entravano carichi di rifiuti e uscivano pochi secondi dopo con il medesimo carico, immutato, oppure conversazioni che rivelavano anche raccomandazioni tipo che i rifiuti siano ben triturati in modo da non rivelarne la loro natura. 

Gestore del “servizio” Emiliano Lonzi che aveva ideato il meccanismo perfetto per garantire prezzi concorrenziali sul mercato ai suoi clienti: conferire nelle discariche di Rosignano e Piombino anche i rifiuti che invece necessitano di un trattamento speciale e quindi più costoso. Il suo ruolo – spiegano gli inquirenti – trova piena conferma nelle intercettazioni. Altro ruolo chiave sarebbe quello del cognato, Stefano Sulceri, responsabile del piazzale rifiuti della Lonzi Metalli che aveva, secondo la tesi dell’accusa, la piena consapevolezza di quello che arrivava e di quello che ripartiva dal piazzale dell’impianto.

Per gli inquirenti l’associazione a delinquere potrebbe aver fruttato un giro illecito da 26 milioni di euro.

L’indagine, coordinata dal procuratore capo di Livorno Ettore Squillace Greco, quando ricopriva l’incarico di sostituto procuratore della Dda di Firenze,  ha quindi portato ieri a sei arresti e al sequestro delle due principali aziende livornesi operanti nel settore del trattamento rifiuti, Lonzi Metalli srl e Rari srl.

Agli arresti domiciliari sono finiti Emiliano Lonzi, 61 anni proprietario e gestore di fatto della Rari srl; Stefano Fulceri, 49 anni, responsabile del piazzale rifiuti della Lonzi Metalli; Mauro Palandri, 55 anni, collaboratore e gestore della Rari; Anna Mancini, 62 anni, moglie di Emiliano Lonzi, dipendente e funzionaria amministrativa della Rari; Stefano Lena, 47 anni, responsabile del piazzale Rari srl, e Alessandro Bertini, 60 anni, collaboratore della Fbn srl di Prato e addetto all’invio rifiuti a Lonzi Metalli.

Interdetti da ogni attività imprenditoriale Paola Calligari, 44 anni, di Castel San Pietro, gestore della Callegary Ecology Service di Bologna, Massimiliano Monti, 50 anni di Camaiore, procuratore e gestore di Rea Impianti Unipersonale srl e di Rit, Dunia Del Seppia, 57 anni, già assessore allo sviluppo economico del Comune di Rosignano nella prima giunta Franchi e ora responsabile accettazione discarica di Rit e Alessandro Vanni, 55 anni amministratore delegato della Vanni Autotrasporti di Viareggio.

Il Gip di Firenze Angelo Antonio Pezzuti ha inoltre disposto il sequetsro preventivo dei beni aziendali di Lonzi Metalli e Rari, nominandone custode il dottor Riccardo Forgeschi, di Firenze, con autorizzazione al proseguimento delle attività aziendali.

«Oggi i Carabinieri forestali hanno acquisito gli atti reputati d’interesse – ha spiegato il presidente di Rimateria, Valerio Caramassi su Greenreport – Per quanto ci riguarda siamo tranquilli. Nel nostro caso dovrà essere accertata la corretta gestione dei formulari sui rifiuti in ingresso, e il corretto svolgimento dei controlli su questi rifiuti secondo quanto stabilito dalle autorizzazioni che ci permettono di operare. Sono queste autorizzazioni a dire in che mondo, quando e quali controlli effettuare: a campione e a sorpresa».

Benchè il focus dell’inchiesta sia su Rosignano sono non poche le proteste riguardo la discarica “Rimateria” di Piombino, per gli ampiamenti fatti ed i terribili odori che fuoriescono quotidianamente da quell’impianto, per la quale vi riportiamo a seguire due interventi, il primo di un gruppo di cittadini che risiedono nella zona, il secondo della consigliera Bezzini della lista civica “Un’Altra Piombino”.

_______________________________________

PIOMBINO: «RIMATERIA NON BONIFICA, MA AMPLIA LA DISCARICA»

Il 1° ampliamento della discarica Asiu

Leggiamo sul Tirreno del 14/12/2017 una delle soliti interviste rilasciate dal Presidente di Rimateria. Molte sono le inesattezze contenute nell’articolo. Caramassi, il Presidente, adopera termini che sia in italiano sia da un punto di vista tecnico hanno un significato completamente diverso da quello da lui usato. Rende così impossibile capire quello che realmente sta facendo Rimateria.

Riporto alcune frasi: “C’erano altre tre discariche ignorate, accanto a quella “ufficiale” e da bonificare di cui Asiu non aveva alcuna responsabilità.”, “Siamo gli unici che bonificano un’area di circa 70 ettari”.
I 70 ettari a cui fa riferimento comprendono la discarica ASIU, le ex-Lucchini e la LI53aR. Chiariamo la terminologia. Quante in Italia sono state le discariche bonificate? Per bonifica si intende la eliminazione delle fonti inquinanti. Il contenuto di una discarica è la fonte inquinante, quante sono le discariche svuotate? Le discariche una volta esaurite generalmente non si bonificano ma vanno messe in sicurezza permanente isolandole completamente dall’ambiente.
Questo può essere fatto in vario modo: coprendole con teli per impedire alle piogge di infiltrarvisi e successivamente ricoprendole con vari strati di terreno, piantandovi essenze vegetali, ecc.. Se poi vi sono delle perdite di percolato dal telo di fondo si può provvedere con una palancolatura (serie di lastre di metallo che circondano la discarica) , pozzi di aspirazione, ecc..
Rimateria non bonifica le discariche esistenti ma nemmeno le mette in sicurezza come l’articolo erroneamente lascia trasparire! Rimateria ricomincia a coltivarle: porta nuovi rifiuti speciali, nelle discariche presenti! Ne prolunga la vita rimandando per la quarta volta la chiusura della discarica ASIU!
Perché la discarica ASIU è esaurita e da molto tempo andava chiusa! Si pensi che il telo di fondo era stato progettato per sopportare un carico di rifiuti che non doveva superare l’altezza massima di dieci metri! Con i rifiuti speciali, grazie ai quali Rimateria sta facendo profitti, la discarica ASIU ha superato, circa, i trenta metri!
Successivamente riempirà lo spazio che separa la discarica ASIU dalla ex-Lucchini e sempre con altri rifiuti speciali! La discarica ex-Lucchini sarà ugualmente sopraelevata e servirà ad accogliere parte del materiale abbancato nella Li53aR. Infine sulla Li53aR , una volta tolti i rifiuti industriali, sorgerà una nuova discarica per rifiuti speciali. Questo è il piano industriale: nuovi spazi per discariche che accolgono rifiuti speciali.
Quindi Rimateria non riqualifica, non bonifica ma trasforma un’area di circa 70 ettari in una rinnovata zona di discariche per rifiuti speciali provenienti da tutta Italia mentre i nostri rifiuti urbani vanno a Grosseto.
Fra l’altro la gestione della discarica ASIU continua ad essere disastrosa! Basta leggere la diffida che la Regione Toscana ha inviato a Rimateria il 29 Novembre 2017. In tale diffida si ordina a Rimateria di mettersi in regola entra trenta giorni. Molte sono infatti le mancanze che la Regione Toscana chiede che siano sanate: il bio-gas(metano, anidride carbonica, ecc.) fuoriesce dalla discarica e si libera direttamente nell’aria senza essere trattato, hanno accettato rifiuti con documentazione allegata incompleta, non hanno effettuato regolarmente le coperture, si ipotizza che il percolato potrebbe essere fuoriuscito dal fondo vasca della discarica, non hanno effettuato verifiche analitiche in loco sui rifiuti in ingresso ammessi allo smaltimento, e la lista continua.
Per ora più che di azione di bonifica si continua ad inquinare certamente l’aria e forse anche la falda stando a quello che scrive la Regione Toscana.
Mentre ulteriore gravissima preoccupazione desta, mentre scriviamo, quanto leggiamo dal giornale on-line www.firenzetoday del 14/12/2017 in merito al traffico illecito di rifiuti pericolosi scoperto dai Carabinieri:” Secondo l’accusa i rifiuti, dopo essere stati mescolati ad altri, sarebbero poi stati conferiti nelle discariche della provincia di Livorno di Rea Impianti Srl (Rosignano Marittimo) e Rimateria Spa (Piombino), gestite da aziende a partecipazione pubblica”. Siamo preoccupati per la nostra salute e per quella dell’ambiente.
Lettera Firmata

_______________________________________

BEZZINI: IL “BUCO” LASCIATO DA ASIU STA TRASFORMANDO COLMATA IN UNA ENORME DISCARICA

Valerio Caramassi presidente Asiu/Rimateria

Sembra che RiMateria, insieme a Rea Impianti di Rosignano, sia finita nel mirino degli inquirenti che dal 2015 stanno indagando su un traffico di rifiuti illeciti.  Oltre 200 mila tonnellate di rifiuti provenienti da varie regioni, tra cui speciali e pericolosi, certificati falsamente come ‘puliti’ e spediti in discarica,  arresti domiciliari e misure interdittive a carico di imprenditori, funzionari e collaboratori accusati a vario titolo di associazione a delinquere, traffico di rifiuti e truffa alla regione Toscana.

Nelle intercettazione  emergono particolari inquietanti: uno degli indagati, parlando di una discarica  vicino a una scuola, ha infatti detto: “Ci mancavano i bambini che vanno all’ospedale, che muoiano”. Tra le risate degli altri presenti. I rifiuti  smaltiti abusivamente nelle due discariche toscane,  tra il 2015 e il 2016 sono pericolosi e speciali ( vernici, oli per motori, stracci imbevuti di sostanze tossiche, toner per stampanti e chissà cos’altro) triturati e mescolati a rifiuti ordinari, così da eludere gran parte dell’ecotassa dovuta per lo smaltimento.

Ci auguriamo che RiMateria risulti estranea  alla vicenda e che non un grammo di questi rifiuti sia finito nelle nostre discariche.

Ma ci troviamo  comunque di fronte a una situazione estremamente grave e preoccupante. Siamo di recente venuti a conoscenza di una diffida della regione Toscana alla società RiMateria per una gestione della discarica non conforme alle normative e alle prescrizioni autorizzative: nella diffida, la regione muove alla società accuse pesanti e cicostanziate: inadeguati controlli analitici sulla composizione dei rifiuti, mancanza di  un’area attrezzata per ospitare la quarantena dei rifiuti sottoposti a verifica analitica, mancato invio della documentazione  necessaria per la verifica del corretto funzionamento della discarica.  mancata aspirazione del biogas prodotto, con conseguente emissione incontrollata in atmosfera, mancata regimazione delle acque meteoriche, con conseguente infiltrazione di tali acque nei rifiuti e conseguente mancata minimizzazione della produzione di percolato.

A queste si aggiungono altre osservazioni, sulla base delle quali la regione toscana ha diffidato RiMateria “ad attuare tutti gli interventi necessari a ricondurre la gestione della discarica nel rispetto delle prescrizioni dettate dalle normative, ed ha ordinato l’attivazione immediata, non oltre il termine massimo di 30 gg dalla data di adozione dell’atto (29.11.2017) ,  di tutte le azioni necessarie a eliminare le inosservanze”.

Già avevamo  presentato per il prossimo CC  un odg in cui si chiedeva   al  Sindaco  di attivarsi  presso ARPAT al fine di una verifica immediata circa lo stato delle acque e dell’aria,  come chiesto dalla regione ,  e di intervenire presso la società RiMateria  per il rispetto delle prescrizioni , nei tempi e nei modi stabiliti. Alla luce delle notizie apparse circa le indagini sui traffici illeciti di rifiuti pericolosi, questa diffida assume un significato ancora più preoccupante. Da tempo la nostra lista pone domande sulla sicurezza della discarica, sul tipo di rifiuti che vi afferiscono , sui controlli e sulla situazione degli impianti, che sembra ormai chiaro non essere  a norma: nella consapevolezza che il  delicato e  lucrativo mercato dei rifiuti  apre pericolosi spazi per infiltrazioni di vario tipo. .

Tutto ciò nasce dalla  fallimentare gestione di ASIU che ha lasciato una voragine debitoria , che  i comuni  conoscevano,  ma che facevano finta di non vedere e  di cui nessuno sembra  dover rispondere. Una voragine che oggi paghiamo con l’arrivo di rifiuti da ogni dove,  con una discarica che si è  innalzata oltre misura  e che  sembra  non immune da rischi di  inquinamento delle falde e dell’aria.

Un disastro finanziario, come l’ha definito lo stesso presidente di RiMateria,  per riparare  al quale tutta la zona di Colmata si sta trasformando in una grande discarica: perché non è vero che si stanno bonificando terreni: si stanno semplicemente allargando i volumi delle discariche , riempiendole con rifiuti provenienti da fuori senza toccare un solo grammo del SIN.

Un’Altra Piombino

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 15.12.2017. Registrato sotto ambiente/territorio, Foto, Toscana-Italia, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

3 Commenti per “RIFIUTI: «RIMATERIA NON BONIFICA, MA AMPLIA LA DISCARICA»”

  1. Piero C.

    Ma dove vogliamo andare? La città è a pezzi, sudicia, trasandata, priva di manutenzione, la gente è disperata, i ragazzi, appena possono, fuggono via, i politici locali sembra vivano in una realtà parallela e quel poco che viene fatto non porterà che benefici a pochissimi eletti e figli di… Dove vogliamo andare in una situazione del genere? Una discarica maleodorante a ridosso di una cittadina che già boccheggia per ritrovare una minima identità… vi pare abbia senso? Quel tratto di strada, oltre a puzzare, da’ l’impressione di trovarsi a Beirut dopo la guerra, tutto è transandato, abbandonato, distrutto, in attesa di… di cosa? La nostra vita non vale nulla, come quella dei nostri figli (l’intercettazione di ieri non ha fatto altro che confermare questa certezza), siamo solo dei rompiballe perché vorremmo un’esistenza dignitosa e quindi siamo d’ostacolo ai giochi di potere. La realtà non può essere che questa perché mi rifiuto di credere che qualcuno stia effettivamente, onestamente, altruisticamente facendo qualcosa di concreto e pragmatico per noi. Chi dice il contrario mente e, se ci crede, mente anche a se stesso. Piombino si sta raggomitolando in un grande, mefitico, cancerogeno guazzabuglio di nullità assoluta. Ancora un po’ e l’ultimo dovrà veramente chiudere la porta.

  2. giacomo agostini

    Metterli al muro come traditori

  3. Pero percaumentarci le bollette ogni anno gli serviamo con i ns soldi ma che bonifiche volevano aumentarsi lo stipendiovdella modica cifrav150000 euuro l anno e possono anche permettersi di dponsorizzare una squadra sportiva bastardi coi soldi dell altri

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    14 mesi, 18 giorni, 14 ore, 42 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it