EDITORIALE: SICUREZZA E IMMIGRAZIONE, UN PROBLEMA SOTTOVALUTATO?

L’EDITORIALE                                   di Giuseppe Trinchini trinchini

___________________________

EDITORIALE: SICUREZZA E IMMIGRAZIONE, UN PROBLEMA SOTTOVALUTATO?

Corriere Etrusco “numero 106” del 12 giugno 2015.

Due notizie sono arrivate ieri sulla cronaca locale e nazionale: la prima è quella del sindaco di Suvereto Giuliano Parodi, che annuncia che “In questi giorni sta prendendo corpo la possibilità che 50 migranti possano essere inviati dalla prefettura a Suvereto, e che il comune è pronto ad aprire le porte e tendere la mano con tutta la solidarietà possibile, ma con le idee chiare e con un patto preciso legato alla possibilità di far svolgere a questi uomini lavori socialmente utili per la comunità”.

Dall’altra l’ennesimo fatto di cronaca a danno di un controllore, in questo caso delle ferrovie milanesi, al quale è stato amputato un braccio a colpi di machete, in quanto “colpevole” di aver chiesto a degli extracomunitari il biglietto ferroviario.

Come può testimoniare chiunque, è prassi comune che molti di questi “signori” montino senza biglietto, idem per la violenza di alcuni migranti quando viene chiesto loro di esibirlo a bordo dal controllore.

La novità sta nel fatto che adesso alcuni di questi “signori” montano sui mezzi pubblici armati di machete, arma tristemente nota per il genocidio tra Hutu e Tutsi del 1994, nel quale morirono almeno un milione di persone. Il Mechete da noi è usato principalmente in agricoltura, un arma che è in vendita a partire da 5 euro e di facile reperibilità anche nei supermercati.

Senza generalizzare quindi, ci troviamo di fronte ad un problema di sicurezza, o comunque percepito come tale dai cittadini, che riguarda tutto il territorio nazionale, proprio in una fase in cui i barconi in arrivo nei primi sei mesi di questo anno sono già in numero equivalente a quanti sono arrivati sulle nostre coste nell’intero 2014.

E allora ben venga che a queste persone venga dato l’obbligo, anche se di difficilissima realizzazione dal punto di vista giuridico, di fare lavori socialmente utili fino a quando non trovano un lavoro regolare, ricevendo magari in cambio un Pass per i mezzi pubblici, in modo da distinguere in modo netto i veri profughi, dai “furbetti” di turno di qualsiasi razza, etnia o religione essi siano, che in un albergo gratis nemmeno ci entrano, se non è munito di Wi-Fi e aria condizionata, o che avendo “bighellonato” tutto il giorno, la sera hanno anche la forza per andare in giro senza pagare, magari armati di Machete.

Giuseppe Trinchini

_______________________

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 13.6.2015. Registrato sotto Editoriali, Foto, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

1 Commento per “EDITORIALE: SICUREZZA E IMMIGRAZIONE, UN PROBLEMA SOTTOVALUTATO?”

  1. Ciuco nero

    Non è affatto un problema. Tanto chi si riempie la bocca di belle parole come solidarietà accoglienza, fratellanza ect ect viaggia con la scorta manda i figli a scuole private e vive in ville blindate.quindi ce ne sia in italia 1,5,o 40 milioni di questi sbandati con loro non avranno mai a che fare direttamente.

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    15 mesi, 16 giorni, 13 ore, 28 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it