EDITORIALE: L’ESSENZIALE E’ INVISIBILE AGLI OCCHI

L’EDITORIALE                                   di Giuseppe Trinchini trinchini

___________________________

EDITORIALE: L’ESSENZIALE E’ INVISIBILE AGLI OCCHI

 

Corriere Etrusco “numero 104” del 29 maggio 2015.

Domenica 31 maggio è il giorno di votazioni per le regionali. Ad oggi non so chi vincerà o meno le elezioni in Toscana, ma già ora, che scrivo a due giorni dal voto, posso fare delle riflessioni su come è andata questa campagna elettorale che se dovesse avere un titolo, questo sarebbe “Insofferenza elettorale”.

E’ palese che la popolazione si è ormai divisa in tre raggruppamenti:

I primi sono gli scettici, probabilmente la maggioranza, quelli del “sono tutti uguali” che andranno al mare e si guarderanno bene dall’andare alle urne;

Poi ci sono quelli del voto di protesta, Lega o Cinque Stelle poco importa, che, dopo aver infamato il partito al potere a livello locale per giorni e giorni andranno a sfogare la loro rabbia, secondo loro giustificata, contro degli amministratori che li hanno spremuti come un limone;

E si conclude con i “clientelari” quelli che vanno a votare per difendere posizioni o posti in ruoli di potere che probabilmente, se saltasse l’attuale situazione, domani starebbero un po’ peggio di come vivono attualmente.

Da questo elenco ho volutamente tolto i “convinti” quelli che votano il partito di maggioranza o la sua lista associata, perché credono nell’operato dei loro rappresentanti.

Per anni infatti il governo regionale ha fatto più annunci che fatti, e specie nella costa Toscana la crisi in questi ultimi cinque anni è stata così dura che le famiglie sono veramente oggi in difficoltà.

E le risposte date sono state finora fallimentari, e tutto questo ha avuto riscontro diretto nella partecipazione in piazza di questi ultimi giorni.

La “scomparsa” della 398 sostituita dal casello a Vada a 3 euro, la vicenda dei “fanghi di Bagnoli”, la Concordia ormeggiata a Genova; Khaled che ha preso in giro la città e gli operai, “Città Antica” e “Città Futura” mai partite; l’ospedale a Riotorto, l’Asiu a un passo dal fallimento, e le tasse sempre più alte, hanno scoraggiato anche i più convinti, e portato la città in una situazione nella quale il numero di fondi con il cartello Vendesi/Affittasi ha superato il numero dei negozi aperti.

Siamo ormai tra i più poveri della Toscana e la classe operaia invece che il paradiso si sta guadagnando l’inferno della cassa integrazione e della miseria; i nostri ragazzi fuggono all’estero e la delinquenza e l’immigrazione clandestina sono in perenne aumento.

Votate per chi vi pare, ma andate alle urne, e prima di fare la vostra croce chiudete gli occhi e ricordatevi la frase del piccolo principe: «Non si vede bene che col cuore. L’essenziale è invisibile agli occhi».

Giuseppe Trinchini

__________________________

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 29.5.2015. Registrato sotto Editoriali, Foto, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    17 mesi, 13 giorni, 0 ore, 41 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it