EDITORIALE: L’ESSENZIALE E’ INVISIBILE AGLI OCCHI

L’EDITORIALE                                   di Giuseppe Trinchini trinchini

___________________________

EDITORIALE: L’ESSENZIALE E’ INVISIBILE AGLI OCCHI

 

Corriere Etrusco “numero 104” del 29 maggio 2015.

Domenica 31 maggio è il giorno di votazioni per le regionali. Ad oggi non so chi vincerà o meno le elezioni in Toscana, ma già ora, che scrivo a due giorni dal voto, posso fare delle riflessioni su come è andata questa campagna elettorale che se dovesse avere un titolo, questo sarebbe “Insofferenza elettorale”.

E’ palese che la popolazione si è ormai divisa in tre raggruppamenti:

I primi sono gli scettici, probabilmente la maggioranza, quelli del “sono tutti uguali” che andranno al mare e si guarderanno bene dall’andare alle urne;

Poi ci sono quelli del voto di protesta, Lega o Cinque Stelle poco importa, che, dopo aver infamato il partito al potere a livello locale per giorni e giorni andranno a sfogare la loro rabbia, secondo loro giustificata, contro degli amministratori che li hanno spremuti come un limone;

E si conclude con i “clientelari” quelli che vanno a votare per difendere posizioni o posti in ruoli di potere che probabilmente, se saltasse l’attuale situazione, domani starebbero un po’ peggio di come vivono attualmente.

Da questo elenco ho volutamente tolto i “convinti” quelli che votano il partito di maggioranza o la sua lista associata, perché credono nell’operato dei loro rappresentanti.

Per anni infatti il governo regionale ha fatto più annunci che fatti, e specie nella costa Toscana la crisi in questi ultimi cinque anni è stata così dura che le famiglie sono veramente oggi in difficoltà.

E le risposte date sono state finora fallimentari, e tutto questo ha avuto riscontro diretto nella partecipazione in piazza di questi ultimi giorni.

La “scomparsa” della 398 sostituita dal casello a Vada a 3 euro, la vicenda dei “fanghi di Bagnoli”, la Concordia ormeggiata a Genova; Khaled che ha preso in giro la città e gli operai, “Città Antica” e “Città Futura” mai partite; l’ospedale a Riotorto, l’Asiu a un passo dal fallimento, e le tasse sempre più alte, hanno scoraggiato anche i più convinti, e portato la città in una situazione nella quale il numero di fondi con il cartello Vendesi/Affittasi ha superato il numero dei negozi aperti.

Siamo ormai tra i più poveri della Toscana e la classe operaia invece che il paradiso si sta guadagnando l’inferno della cassa integrazione e della miseria; i nostri ragazzi fuggono all’estero e la delinquenza e l’immigrazione clandestina sono in perenne aumento.

Votate per chi vi pare, ma andate alle urne, e prima di fare la vostra croce chiudete gli occhi e ricordatevi la frase del piccolo principe: «Non si vede bene che col cuore. L’essenziale è invisibile agli occhi».

Giuseppe Trinchini

__________________________

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 29.5.2015. Registrato sotto Editoriali, Foto, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    9 mesi, 19 giorni, 4 ore, 39 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it