VAL DI CORNIA: ALCUNI COMUNI FIRMANO PER L’ASSOCIAZIONE DEI COMUNI TOSCANI

I sindaci alla firma

I sindaci alla firma

Piombino (LI) – Una nuova forma di organizzazione territoriale. Prende il via l’associazione dei Comuni con Piombino, Campiglia e San Vincenzo. Suvereto non pervenuto.

I sindaci di Piombino, San Vincenzo, Campiglia Marittima hanno firmato questa mattina nella sala consiliare del palazzo comunale di Piombino la convenzione che regola i rapporti per la gestione dell’associazione dei Comuni toscani. La firma è avvenuta nell’ambito di una riunione operativa tra i sindaci e i segretari generali.

L’Associazione dei Comuni toscani, approvata nei consigli comunali dei tre Comuni nei mesi scorsi, rappresenta uno strumento per sviluppare una rete di cooperazione tra i Comuni dello stesso territorio ma anche tra loro e le altre organizzazioni presenti (imprese, scuole, associazioni, cittadini). Un modello di organizzazione territoriale proposto e già realizzato da almeno 10 anni in un centinaio di altri comuni italiani del Lazio, Sardegna, Lombardia, Puglia ecc. dall’associazione “Impresa Insieme” diretta dal professor Renato Di Gregorio.

“L’intendimento principale è quello di aggregarsi intorno a obiettivi comuni per fare del marketing territoriale – ha detto il sindaco di Piombino – Guardiamo a tutti i Comuni limitrofi auspicando l’adesione di altre enti a livello regionale”.

Anche il sindaco di Campiglia M.ma Rossana Soffritti ha espresso soddisfazione e ha sottolineato l’importanza di allargare gli orizzonti dell’associazione ad altri Comuni. L’associazione infatti è lo strumento e non il mezzo e proprio cominciando a realizzare in concreto l’omogeneizzazione delle pratiche e la standardizzazione delle procedure tra i Comuni della Val di Cornia sarà possibile capire meglio come e cosa associare in termini di funzioni.”

Non solo, ma finalmente ci sarà un luogo comune dove i sindaci si riuniranno e, sulla base degli indirizzi che i consigli comunali o le giunte daranno, potranno coordinare le scelte e individuare i progetti comuni da portare avanti, anche utilizzando fondi nazionali ed europei per il loro finanziamento.

“Uno strumento che non va confuso con l’Unione dei Comuni che ha tutt’altra specificità – ha sottolineato Massimo Bandini sindaco di San Vincenzo – Qui si valorizza la collaborazione tra i Comuni coinvolgendo i giovani, con una formula aperta a tutti e non solo alla Val di Cornia. Una cosa sono gli assetti istituzionali, un’altra la volontà politica di collaborare e creare sinergia.”

Il primo passo dal punto di vista operativo sarà una selezione per la formazione di giovani laureati al di sotto dei 35 anni. Nel mese di maggio, infatti, si procederà a selezionare giovani laureati del territorio da formare. Il primo compito sarà quello di insegnare un metodo generale di lavoro sull’organizzazione territoriale da applicare ai diversi temi che verranno affrontati: turismo, istruzione, sanità ecc. La selezione sarà effettuata da Impresa Insieme, la società che opera a livello nazionale nei campi dell’organizzazione, della formazione, del marketing e che per l’associazione seguirà i progetti dell’associazione.

La struttura organizzativa è guidata infatti da un comitato guida costituito dai sindaci che rappresentano i Comuni associati e presieduto da un presidente eletto dai propri colleghi di Comitato, nessuno dei quali percepisce retribuzioni di alcun genere. La struttura verrà seguita poi da una segreteria con il compito di supportare le progettualità necessarie ricorrendo ai finanziamenti pubblici e mettendo a disposizione delle reti strumenti web che consentano la progressiva omogeneizzazione delle pratiche amministrative gestite da ciascun ente aggregato, della comunicazione complessiva, dell’immagine coordinata, del marketing territoriale.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 20.4.2015. Registrato sotto ambiente/territorio, Foto, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

1 Commento per “VAL DI CORNIA: ALCUNI COMUNI FIRMANO PER L’ASSOCIAZIONE DEI COMUNI TOSCANI”

  1. lino

    Associazione comuni toscani, un’altro pippone megagalattico. Quei cinque della foto non sono in grado di amministrare un condominio, piccolo s’intende. Vediamo fra quanto tempo questa associazione fra alieni produrrà qualcosa di tangibile a favore della collettività. Campa cavallo……Alieni sta per “estranei ai problemi della gente ” e quindi interessati ad altro.

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    9 mesi, 20 giorni, 16 ore, 22 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it