PARODI: AUTOSTRADA, INFRAZIONI EUROPEE E SOCI CHE SI DEFILANO

il sindaco Giuliano Parodi

il sindaco Giuliano Parodi

Suvereto (LI) – Riportiamo un intervento di Giuliano Parodi, sindaco di Suvereto e coordinatore NO SAT sulle novità della vicenda autostrada Tirrenica. Ricordiamo ai nostri lettori inoltre che continua l’iniziativa della nostra testata affinché sia recepita la mozione dei consiglieri regionali del Pd Matteo Tortolini e Marco Ruggeri che hanno chiesto il 22 gennaio scorso al Presidente della Regione Toscana Enrico Rossi la rimozione del balzello da 60 centesimi alla barriera di Vada, richiesta che potrebbe essere presentata da Rossi nel prossimo incontro a Roma il 27 Marzo prossimo.

«Sulla autostrada Tirrenica, alla luce degli ultimi sviluppi, sembra si stia procedendo verso un accanimento terapeutico. Ma andiamo per ordine: Febbraio 2015 Autostrade per l’Italia, che già deteneva il 24,98% del capitale di Società Autostrada Tirrenica (SAT) sottoscrive accordi con Banca Monte Paschi di Siena, Società Autostrada Ligure Toscana (gruppo Sias), Holcoa, Vianco (100% di Vianini Lavori del Gruppo Caltagirone) per l’acquisto di un ulteriore 74,95% del capitale della società elevando così la propria partecipazione al 99,93%. Il controvalore dell’operazione ammonta complessivamente a circa 84 milioni di euro.

Niente di strano a prima vista, un operazione finanziaria come altre, se non fosse che nel maggio 2011 Autostrade per l’ Italia, che controllava gia’ il 94% di Sat cede il 69,1% della sua partecipazione a Banca Monte Paschi di Siena, Holcoa, Vianco Società Autostrada Ligure Toscana (Gruppo Sias) per oltre 67 milioni di euro. In 4 anni Autostrade per l’Italia vende e compra azioni di SAT agli stessi soggetti rimettendoci oltre 12 milioni di euro.

“Un operazione fallimentare dettata dal fatto che, in seguito alla procedura di infrazione europea nei confronti dell’Italia, per l’allungamento della concessione e l’affidamento dei lavori della Tirrenica a SAT senza gara europea” interviene Giuliano Parodi che ne ha parlato anche a novembre del 2014 all’interno della trasmissione televisiva REPORT u Rai3 ”il Ministro dell’infrastrutture ha dovuto ridurre da 18 a 15 anni la proroga, e soprattutto ha vietato alla SAT l’affidamento in house dei lavori (possibili in via ordinaria per legge fino al 40% dell’investimento complessivo), imponendo al contrario gare europee per effettuare il 200% dei lavori.Con questo scenario mutato i soci privati: cooperative edilizie e Vianini Lavori (gruppo Caltagirone), entrati negli anni scorsi proprio per fare i lavori in house, si sono sfilati dall’operazione”.

A completare il quadro, Antonio Bargone, presidente della SAT indagato in questi giorni nell’inchiesta partita dal sotto-attraversamento Tav di Firenze, in relazione alla promessa della direzione lavori all’ingegnere Stefano Perotti da parte della società consortile Ilia Orme che proponeva il project financing per la realizzazione dell’autostrada Civitavecchia-Orte-Mestre.
Bargone ex deputato del Pci, oggi uomo Pd, in passato sottosegretario (con delega alle autostrade) dei governi Prodi prima e D’Alema poi, è stato protagonista assoluto in questi anni dell’affare Tirrenica, di cui dal 2005 ad oggi sono stati realizzati appena 4 km, da Cecina nord a Rosignano, in quella veste un po’ bizzarra che gli aveva dato il Governo di controllore di se stesso.

“In questo scenario confuso e pieno di infrazioni” conclude Parodi “Autostrade per l’Italia rilancia e vuol chiudere il corridoio tirrenico con una spesa ridotta (ricordiamo che nel 2008 il progetto costava 3,5 miliardi, poi e’ sceso nel 2010 a 2,2 miliardi e ora siamo intorno a 1,5 miliardi di euro) senza caselli e quindi senza pedaggio nel tratto Cecina-Grosseto sud. Di annunci specie nelle imminenze delle campagne elettorali ne abbiamo sentiti tanti, certo che Autostrade per l’’Italia ci dovra’ mostrare rapidamente il suo piano economico finanziario per capire come e quando rientrera’ dell’investimento visto che, fino a pochi mesi fa la SAT, per ottenere un equilibrio di bilancio sull’opera e con 200 km di pedaggio, e’ stato costretta a bussar cassa allo Stato per oltre 270 milioni di euro”.

Giuliano Parodi
Sindaco Suvereto
Coordinatore NO-SAT

_______________________

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    12 mesi, 15 giorni, 0 ore, 7 minute fa
  • Print Friendly, PDF & Email
    Scritto da il 18.3.2015. Registrato sotto Foto, Toscana-Italia, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

    Scrivi una replica

    DA QUANTO TEMPO...

    • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

      Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
      12 mesi, 15 giorni, 0 ore, 7 minute fa

    Pubblicità

    Galleria fotografica

    CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
    I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
    Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it