TIRRENICA: LA REGIONE TOSCANA CHIEDE CHIARIMENTI A SAT

In un comunicato la Regione Toscana chiede chiarimenti a SAT su tutta una serie di azioni, a partire dal pedaggio, alla SS398 fino al porto di Piombino e la variante dei colli a Orbetello. Con l’occasione ricorda anche che deve essere fatto il “lotto 0” (Romito) a Livorno, tutto come da prescrizioni CIPE del 2008. Questo può voler dire solo due cose: o la regione ha deciso di ostacolare la realizzazione dell’opera conscia dell’errore che si stava per compiere, oppure SAT sta valutando di abbandonare la realizzazione del restante adeguamento dell’Aurelia…  i vostri commenti possono essere lasciati al termine dell’articolo.

FIRENZE – Sulla Tirrenica la Regione Toscana conferma la volontà di veder realizzata la nuova autostrada, ma pretende chiarezza e la certezza di aver valutato tutti gli aspetti correlati alla realizzazione di un’opera così importante per il territorio. Per questo la Giunta regionale ha approvato oggi una delibera che contiene richieste di chiarimento rivolte a Sat circa aspetti essenziali per la realizzazione della nuova autostrada tra Cecina e Civitavecchia. L’atto sarà trasmesso alla speciale commissione di VIA del Ministero dell’Ambiente per la verifica e poi inoltrato a Sat, con l’obiettivo di giungere entro breve all’approvazione definitiva del Cipe.

 L’istruttoria regionale ha lavorato su due fronti: per il tratto Rosignano-Grosseto sud (in cui è prevista la trasformazione dell’attuale Variante Aurelia in autostrada) ha verificato se fossero o meno rispettate le prescrizioni definite dal Cipe nel 2008 con l’approvazione del progetto preliminare; invece per il tratto a sud di Grosseto, l’istruttoria ha affrontato la proposta di tracciato elaborata da Sat e trasmessa alla Regione nel giugno scorso e le opere ad essa connesse, avviando un nuovo procedimento di valutazione di impatto ambientale.

 Tre i punti principali toccati dalla delibera:

 – richiesta di chiarimenti sul pedaggiamento: la Regione conferma la scelta di gratuità (già sancita dalla prescrizione 11 del Cipe) per tutti gli svincoli compresi tra Rosignano Sud e Riotorto e tra Follonica nord e Grosseto sud. I documenti attualmente presentati da Sat non chiariscono come la società intende gestire il pedaggiamento per tutti i residenti e per coloro che utilizzano frequentemente l’autostrada. Per questo la Regione chiede ulteriori chiarimenti e integrazioni che dimostrino che la prescrizione 11 sarà ottemperata. Nel caso Sat decida di non rispettare quanto previsto dal Cipe nel 2008 e di prevedere forme di pedaggiamento su tutto il tracciato autostradale, sarà inevitabile il riversarsi di una grande mole di traffico sulla viabilità locale. In questa prospettiva, la Regione pretende che le siano forniti dettagliati studi sull’impatto che questa scelta avrebbe sull’ambiente ed in particolare sulla qualità dell’aria, sul rumore e sulla sicurezza e che si prevedano opere per migliorare la viabilità locale e mitigare gli effetti del pedaggiamento sull’ambiente.

 – richiesta del progetto definitivo completo della bretella di Piombino: nel progetto presentato manca l’ultimo tratto e invece la Regione vuole da Sat una versione definitiva ed uno studio di impatto ambientale di tutto il tratto della ss 398 che collegherà la Tirrenica al porto di Piombino.

 – richiesta una variante al tracciato autostradale nel Comune di Orbetello: L’attuale progetto di Sat (progetto definitivo con studio di impatto ambientale presentato) è completamente nuovo rispetto a quello approvato dal Cipe nel 2008 e prevede che l’autostrada tirrenica nel territorio di Orbetello segua rigorosamente il tracciato della ss1 Aurelia, anche quando questa attraversa i centri abitati di Fonteblanda e Albinia. La Regione ritiene invece necessario garantire adeguati livelli di vivibilità nei centri abitati adiacenti al tracciato, senza sconti né per la sicurezza dei cittadini, né per la tutela del paesaggio. Per questo sono state chieste a Sat ipotesi di tracciato autostradale diverse da quella presente nel progetto attuale relativamente al Comune di Orbetello e un adeguato raccordo con la viabilità locale.

 Si ricorda, inoltre, che contestualmente alla realizzazione dell’autostrada Tirrenica è prevista quella a Livorno del Lotto 0 Maroccone-Chioma, intervento che il Governo si è impegnato a finanziare lo scorso 16 giugno con la firma della nuova Intesa Stato-Regione Toscana.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 16.11.2011. Registrato sotto Economia, Foto, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

2 Commenti per “TIRRENICA: LA REGIONE TOSCANA CHIEDE CHIARIMENTI A SAT”

  1. marzia

    Della politica non ci fidiamo..abbiamo tutti fede nella santa crisi..che metterà a posto tutto.
    Le istituzioni non possono continuare a chiedere sacrifici solo ai cittadini…pagare il pedaggio, perdere una strada statale ed il suo collegamento con tutto il territorio, inquinamento ..tutto in cambio di una trincea di asfalto e cemento…
    Stanno veramente esagerando..e la casta che fà crede di rimanerne intatta?
    Solo un anno fa lo scenario economico e politico era un altro!!…chissà se tra 6 mesi non riusciamo ad azzerare,,,tutta la casta!

  2. giuliano parodi

    “Nel caso Sat decida di non rispettare quanto previsto dal Cipe nel 2008 e di prevedere forme di pedaggiamento su tutto il tracciato autostradale, sarà inevitabile il riversarsi di una grande mole di traffico sulla viabilità locale. In questa prospettiva, la Regione pretende che le siano forniti dettagliati studi sull’impatto che questa scelta avrebbe sull’ambiente ed in particolare sulla qualità dell’aria, sul rumore e sulla sicurezza e che si prevedano opere per migliorare la viabilità locale e mitigare gli effetti del pedaggiamento sull’ambiente.”…LA rEGIONE tOSCANA SI ACCORGE SOLO ADESSO DI QUESTO POSSIBILE SCENERAIO, SONO ANNI CHE LO ANDIAMO IPOTIZZANDO E SOPRATUTTO I DATI SULL’INQUINAMENTO GIA’ CI SONO IN UN DOCUMENTO CHE CONTIENE LA SIMULAZIONE DELL’INNALZAMENTO DELLA VELOCITA’ SULLA VARIANTE E L’AUMENTO DEI PM10 E DELLA CO2…E POI QUALI ALTRI OPERE VUOL VEDERE LA REGIONE PER MITIGARE IL TRAFFICO LOCALE? IL PROGETTO CHE SAT HA DEPOSITATO NON NE PREVEDE PER MANCANZA DI FONDI, GIA’ SCARSI E POCHI CERTI SE DOVESSE DAVVERO DARE LA GRATUITA’ A TEMPO INDETEMINATA AI RESIDENTI, GLI UNICI CHE FANNO TRAFFICO E QUINDI REDDITO SULLA VARIANTE….

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    38 mesi, 18 giorni, 11 ore, 19 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it