AUTOSTRADA AURELIA: SEL E IDV CHIEDONO LE DIMISSIONI DI BARGONE

Antonio Bargone, presidente Sat

I due caselli alla barriera di Rosignano

Antonio Bargone, presidente Sat e commis. straordinario Livorno-Civitavecchia

Riportiamo integralmente un comunicato congiunto di Ilio Benifei coordinatore di Sinistra e Liberta e Andrea Serni coordinatore dell’Italia dei Valori sulle continue indiscrezioni che escono ormai quotidianamente sulla futura Autostrada Tirrenica. Queste creano un certo imbarazzo e hanno portato Sinistra e Libertà e Italia dei Valori a chiedere maggiore trasparenza su tutta l’opera. Leggiamo insieme integralmente.

«La vicenda della autostrada Tirrenica sembra senza fine – inizia il comunicato congiunto di SEL e IDV – non passa giorno senza nuove rilevazioni, mezze verità, che non fanno che avvalorare la MANCANZA DI TRASPARENZA.

C è stato detto dal Ministro Matteoli che (l’opera ndr.)  non costava niente allo Stato, poi s’è saputo che la SAT avrebbe riavuto al termine della concessione ( 2046) i 3787milioni di euro spesi per la realizzazione. Poi che si doveva cambiare il progetto , accettato dopo anni di discussioni, incontri, rinvii, perché i costi di realizzazione erano troppo onerosi quando invece è stato il Ministro Tremonti , facente parte del solito governo di Matteoli, a far saltare il tutto perché evidentemente era troppo anche per lui che lo  Stato per ritornare in possesso dell’autostrada dovesse ricomprarsela.

I caselli alla barriera di Rosignano

Quindi sono state affermate cose non vere, ed ora si vorrebbe fare una autostrada che ricalca interamente l’attuale Aurelia , quindi con costi minori rispetto al progetto concordato, ma senza nessuna complanare, , senza il completamento fino al porto della SS398, in più facendo pagare i residenti il pedaggio, che per spostarsi saranno obbligati a prendere l’autostrada.

E’ evidente che a tali condizioni, per il nostro territorio, non avremmo benefici sia dal punto di vista della mobilità che per nuove opportunità di sviluppo.

CI VUOLE CHIAREZZA E TRASPARENZA.

Bisogna ripartire dall’accordo del  gennaio 2010 tra Governo e Regione Toscana.

Il che significa completamento della SS398 fino al porto, complanari e viabilità alternativa, niente pedaggio per i residenti da Rosignano a Follonica.

Il Governo, e non la SAT, deve dire con chiarezza cosa vuole fare dell’autostrada Tirrenica. Noi non accetteremo ricatti del tipo “ si fa così o l’autostrada non si fa”, perché quello che leggiamo di ipotesi progettuale sulla stampa e nelle “mezze dichiarazioni “ della SAT e del Ministro sono soluzioni peggiorative.

Proprio perché si chiede TRASPARENZA è inaccettabile l’attuale conflitto di interessi del Dot. BARGONE.  NON  può fare il controllore di se stesso: commissario Governativo per vigilare i lavori della Tirrenica e Presidente della SAT (Società Autostrada Tirrenica).

E’ un problema – concludono – che si trascina da anni e che non fa che alimentare nuove polemiche e sospetti».

Ilio Benifei coordinatore di SEL

Andrea Serni coordinatore di IDV

Piombino- Val di Cornia

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 14.4.2011. Registrato sotto Foto, politica, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    27 mesi, 14 giorni, 13 ore, 46 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it