PIOMBINO: PIU’ DI DUEMILA IN CORTEO, LA SERA IL VIDEO DI CIVILI SUL RIGASSIFICATORE

un momento della manifestazione

Max Civili

la platea al Centro Giovani

un momento della manifestazione

Piombino (LI) – Più di duemila persone, ma c’è anche chi parla di tremila manifestanti, giovedì 20 ottobre 2022 in piazza contro la Golar Tundra, l’ormai tristemente famosa nave rigassificatrice che il precedente governo Draghi e il Commissario Giani vogliono mettere nel porto di Piombino.

La città non molla e sta per arrivare al capolinea il braccio di ferro tra i residenti e il presidente della Toscana e commissario straordinario Eugenio Giani, che ha annunciato per il 27 ottobre la decisione finale sul rigassificatore nel porto, ma che da mesi non manca occasione per manifestare il suo ottimismo in proposito. Il tempo stringe e alla vigilia dell’ultima conferenza dei servizi, prevista per venerdì in Regione a Firenze, dove è già annunciato il presidio di una delegazione di manifestanti, la città risponde con una manifestazione con migliaia di persone e uno sciopero generale indetto dal sindacato Usb.

Max Civili

Davvero tanta gente: lavoratori in cassa integrazione delle acciaierie, pensionati, studenti delle superiori e delle elementari, impiegati, commercianti che per l’occasione hanno abbassato la saracinesca. Tutti insieme per dire ancora una volta “no” alla nave rigassificatrice che dallo scorso aprile il ministro per la Transizione ecologica Roberto Cingolani ha calato con una mossa a sorpresa sul porto di Piombino per rispondere all’emergenza energetica legata alla situazione in Ucraina.

Cori, contro Draghi e le multinazionali, ma sopratutto contro Giani. “Buffoni”, “La sicurezza non si compensa”, “abbiamo dato anche troppo, adesso basta” sono solo alcuni degli slogan che si leggono negli striscioni, alludendo alle bonifiche già promesse negli anni, al tristemente famoso “Monte puzzo” la discarica all’ingresso della città e a tanti altri impegni mai mantenuti da governo e regione e che Giani ha pensato di rilanciare in cambio del rigassificatore anche se senza alcun successo.

la platea al Centro Giovani

Il pomeriggio poi altro importante appuntamento. La presentazione in anteprima, dopo quello alla stampa estera il 18 ottobre scorso, del documentario del giornalista Max Civili «Il metodo Piombino ” L’Italia oltre la legge”» alla presenza dell’autore. La sala piena e tanti applausi hanno evidenziato il gradimento dei presenti a ringraziamento del lavoro svolto dall’autore.

Il video può essere visto al termine di questo articolo e merita di essere guardato integralmente perché mostra i fatti per quel che sono, e non in base alla sola narrazione “main stream” che vuole far credere alla nazione che i piombinesi siano solo i soliti “NIMBY”.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 21.10.2022. Registrato sotto ambiente/territorio, cronaca, Foto, Toscana-Italia, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    65 mesi, 6 giorni, 13 ore, 13 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it