PIOMBINO: PIU’ DI 2000 PERSONE PER DIRE “NO” AL RIGASSIFICATORE

Un’immagine di una affollata Piazza Bovio

Piombino (LI) – L’incontro di venerdì tra il neo Commissario Giani e i sindaci della Val di Cornia ha davvero disturbato gli abitanti della Val di Cornia che numerosissimi, almeno 2000 persone, si sono riversate in Piazza Bovio per dare supporto alle oltre 100 imbarcazioni che protestavano contro il rigassificatore in città.

Oltre ai sindaci della Val di Cornia, Ferrari, Ticciati, Pasquini e Riccucci, è intervenuto Francesco Cappello di Livorno, e i rappresentati delle varie associazioni ambientaliste e di salute pubblica della città. Assenti i sindacati.

Nei vari interventi si è vista la grande preoccupazione per un impianto ad alto rischio che potrebbe bloccare definitivamente l’economia di Piombino e di tutta la Val di Cornia.

Vediamo insieme l’intervento di Ugo Preziosi:
https://www.facebook.com/1598202959/videos/1187584808479324/

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 18.6.2022. Registrato sotto ambiente/territorio, Foto, Toscana-Italia, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    59 mesi, 24 giorni, 7 ore, 15 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it