RIGASSIFICATORE PIOMBINO: LANDI, GIANI AMMETTE DI NON AVER RICHIESTO CHIAREZZA SU SCELTA

Il consigliere Marco Landi

FIRENZE  – Secondo il Consigliere regionale della Lega Marco Landi, il presidente della Toscana Eugenio Giani ha ammesso di non aver richiesto chiarezza sulla scelta, a detta di molti scellerata, di mettere l’impianto all’interno del piccolo porto di Piombino. Sotto il video e a seguire la nota.

“Sul rigassificatore di Piombino chiediamo trasparenza, a partire dalle procedure che hanno portato alla localizzazione. Domanda legittima a cui il presidente della Regione, visibilmente innervosito, risponde testualmente ‘che ne so io’ e ‘non so di cosa si parla’. Mi aspettavo al contrario che prima di assumere l’incarico avesse approfondito la questione, nell’interesse dei toscani e degli amministratori dei territori coinvolti. Prendiamo atto che il presidente Giani non ha ritenuto di chiedere al governo come si era arrivati alla scelta di Piombino, limitandosi al ruolo di soggetto esecutore, in conflitto con quello di presidente dei toscani”.

Così Marco Landi – consigliere regionale della Lega e Portavoce dell’Opposizione in Consiglio regionale – replicando alla risposta del Presidente della Giunta regionale Eugenio Giani a una sua interrogazione sull’iter che ha portato alla scelta di Piombino quale sede della nave rigassificatrice.

“Come se non bastasse, sull’impatto ambientale sostiene di aver rispettato l’iter, che non prevede la Via. Ma le ricordo che è stato Lei, un paio di mesi fa in quest’aula ad affermare che avrebbe chiesto addirittura una doppia Via. Chiediamo e continueremo a chiedere chiarezza e trasparenza, nell’interesse dei cittadini di Piombino e della Valdicornia e di tutto il territorio”.

Marco Landi

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 8.9.2022. Registrato sotto Foto, politica, Toscana-Italia, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    62 mesi, 23 giorni, 22 ore, 55 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it