TOSCANA: I RISULTATI DELLE ELEZIONI REGIONALI 2020

Firenze – Vince Eugenio Giani con otto punti di distacco (48,6%) sulla candidata del centro destra Susanna Ceccardi (40,5%). Il Pd resta primo partito, cresce FDI, dimezzato il M5S, nessun eletto per le forze della sinistra. Buona l’affluenza, arrivata in Toscana al 62,61%, con un incremento di quasi15 punti rispetto al 48,28 del 2015m anche se allora si votò soltanto un giorno e non c’era anche il referendum costituzionale per tagliare i parlamentari (in Toscana ha prevalso il sì con il 65,96% dei voti contro il 69,63 del dato nazionale). In provincia di Livorno rinnovato successo per il consigliere uscente Gianni Anselmi (PD) il più votato, anche se con oltre quattromila voti in meno rispetto alle elezioni del 2015.

Ha vinto Eugenio Giani, il 61enne candidato alla presidenza della Regione Toscana sostenuto da una coalizione di centrosinistra formata da Pd, Italia Viva +Europa, Sinistra civica ecologista e tre liste civiche. I consiglieri saranno in tutto 40 e così ripartiti: Pd 22 seggi, Italia Viva 2 seggi, M5S 2 seggi, Lega 9 seggi, Fratelli d’Italia 4 seggi, Forza Italia 1 seggio.

Eugenio Giani ha vinto nelle province di Firenze (57,4% dei voti contro il 31,4% della Ceccardi), Siena (52,6% contro il 37,3%) Livorno (46,2% contro il 38%), Pisa (47,5% contro il 41,5%),  Prato (46,7% contro il 43%).

Susanna Ceccardi ha primeggiato ad Arezzo (46% contro il 44,4% di Giani), Grosseto (47,8%% contro il 42%) Lucca (50,4% contro il 39.7%) Massa Carrara (45,6% contro 43,9%) e Pistoia (45,5% contro il 44%).

Dimezzato il consenso del Movimento 5 Stelle (con la candidata presidente Irene Galletti ha raccolto il 7% dei consensi contro il 15% conquistato nel 2015 da Giacomo Giannarelli) mentre non entra in Consiglio regionale Tommaso Fattori di Toscana a sinistra, fermo intorno al 2,86% dei voti (nel 2015 arrivò al 6%) e quindi non ci sarà nessun rappresentante di sinistra alternativa al PD nel Consiglio regionale toscano.

TUTTI I RISULTATI IN DETTAGLIO PROVINCIA PER PROVINCIA PER POSSONO ESSERE CONSULTATI A QUESTO INDIRIZZO:

https://elezioni2020.regione.toscana.it

________________________

COMMENTI A CALDO DEI CANDIDATI PRESIDENTE GIANI E CECCARDI:

Alle 19 Eugenio Giani ha annunciato la sua vittoria, rivendicando con orgoglio l’iscrizione al PD e il sostegno di Zingaretti: “Abbiamo un risultato straordinario a Firenze e provincia ma anche a Siena e a Prato – ha detto Giani – Anche a Pisa siamo sopra la Ceccardi. La competenza prevale sull’ignoranza, l’esperienza sul pressapochismo, la passione sulla forma e l’immagine. Con queste caratteristiche ritengo di aver intercettato e colto tanta gente in Toscana”.

In un post su Facebook la Ceccardi ha invece così commentato: “È stata una bella partita. Io ci ho creduto fino alla fine e non mi sono risparmiata un secondo. Ci ho messo anima e cuore, insieme a tutti quelli che mi hanno aiutata.Grazie in primis ad Andrea, il mio primo supporter, consulente, amico, il mio grande amore. Grazie ai ragazzi del mio staff: siete stati fantastici. Grazie a tutti voi amici, perché siete sognatori che amano la nostra Toscana come nessuno. Adesso buon lavoro a Eugenio Giani, con l’auspicio che lavori per il bene di tutti i Toscani”.

_____________________________

RISULTATI IN PROVINCIA DI LIVORNO:

Gli eletti per la provincia di Livorno sono 3: Gianni Anselmi e Francesco Gazzetti del Pd e l’elbano Marco Landi della Lega.

Anselmi ha raccolto preferenze 8.188 preferenze confermandosi il più votato in tutta la provincia di Livorno nella lista Pd davanti a Francesco Gazzetti (6.560). Per il centro destra passa il consigliere elbano Marco Landi (3358).

Il conteggio delle preferenze però non è completato e potrebbero cambiare i risultati in campo.

Per quanto riguarda le precentuali di voto in Val di Cornia:

A Piombino Eugenio Giani ha conquistato il 48,74% delle preferenze (7.653 voti), Ceccardi 37,54% (5.895 voti), e a seguire Irene Galletti del Movimento 5 Stelle (8,5%), Tommaso Fattori di Toscana a sinistra (2,39%), Marco Barzanti del Partito Comunista Italiano (1,59%), Salvatore Catello del Partito Comunista (0,94%) e Tiziana Vigni del Movimento 3V/Libertà di scelta (0,32%).

A Campiglia Marittima quasi un pari merito tra Giani (2.897 voti 46,32%) e Ceccardi (2.667 voti 42,64%), seguono Irene Galletti del Movimento 5 Stelle (7,16%), Marco Barzanti del Partito Comunista Italiano (1,39%), Salvatore Catello del Partito Comunista (1,14%), Tommaso Fattori di Toscana a sinistra (1,1%), e Tiziana Vigni del Movimento 3V/Libertà di scelta (0,24%).

A San Vincenzo Eugenio Giani ha vinto con il 47,92% dei voti (1.556) rispetto al 41,02% ottenuto da Susanna Ceccardi (1.332). Dietro Irene Galletti del Movimento 5 Stelle (7,02%), seguono Tommaso Fattori di Toscana a sinistra (1,29%), Marco Barzanti del Partito Comunista Italiano (1,23%), Salvatore Catello del Partito Comunista (0,89%), e Tiziana Vigni del Movimento 3V/Libertà di scelta (0,62%).

A Suvereto  Eugenio Giani conquista il 47,15%, Susanna Ceccardi il 39,04%, Irene Galletti del Movimento 5 Stelle l’8,88%, Tommaso Fattori di Toscana a sinistra il 2,89%, Marco Barzanti del Partito Comunista Italiano lo 0,92%, Salvatore Catello del Partito Comunista lo 0,7% e Tiziana Vigni del Movimento 3V/Libertà di scelta lo 0,42%.

A Sassetta , Eugenio Giani ha raccolto 92 voti (46,23%) mentre Susanna Ceccardi ne ha raccolti 81 (40,7%). Quindici i voti per la candidata del Movimento 5 Stelle Irene Galletti (7,54%), 5 per Marco Barzanti (2,51%) del Partito Comunista Italiano, 3 per Tommaso Fattori (1,51%) di Toscana a sinistra, 2 per Salvatore Catello (1,01%) del Partito Comunista e 1 per Tiziana Vigni (0,5%) del Movimento 3V/Libertà di scelta. 208 i votanti, voti validi 199.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 22.9.2020. Registrato sotto Foto, politica, Toscana-Italia, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    39 mesi, 29 giorni, 13 ore, 11 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it