JSW: FORTI CRITICHE DA UGL ED USB PER IL PRESIDIO DEI CONFEDERALI

Piombino (LI) – Forti critiche da parte di UGL metalmeccanici e USB per l’iniziativa di mobilitazione a sostegno della vertenza Jsw da parte dei sindacati confederali, con un presidio delle Rsu Fim-Fiom-Uilm Jsw Steel Italy, Piombino Logistics e Gsi presso la portineria dello stabilimento piombinese. Riportiamo integralmente le due note stampa.

_______________________________________

UGL: I CONFEDERALI METTONO UN GAZEBO E NON VOGLIONO SOLIDARIETA’

Il logo dell’UGL

Riceviamo e pubblichiamo dalla segreteria provinciale e dalle RSU dell’UGL.

«Nell’ultimo consiglio di fabbrica Fim Fiom e Uilm hanno  deciso di fare un’occupazione della portineria per sollecitare il Governo e le Istituzioni  ad occuparsi della vertenza Jindal, in attesa dell’incontro richiesto alla proprietà, che dovrebbe esserci nei prossimi giorni.

Come UGLM sono mesi che proviamo a dire che c’è bisogno di mobilitarsi.Inascoltati dalle altre Sigle sindacali. Abbiamo anche organizzato un Presidio il 24 Febbraio in Largo Caduti sul Lavoro. Presidio al quale altri sindacati hanno deciso di non  partecipare. In un momento delicato e difficile come quello attuale, riteniamo di dover dire che ci saremmo aspettati molto di più.

Ci saremmo aspettati iniziative molto più incisive. Si mette un Gazebo dentro la portineria, immaginiamo dopo aver chiesto il permesso all’Azienda.

Dunque contro chi si sta protestando?
– Contro una proprietà che in due anni e mezzo  sta facendo cadere a pezzi uno stabilimento?
– Contro un Governo che non ha ancora convocato l’Azienda e le Parti Sociali a Roma?
– O contro l’amministrazione locale?

Si dice chiaramente di non volere solidarietà da altri soggetti, sindacati o associazioni. Come dice un proverbio: “Il pallone è mio e ci gioco io”.

Si vuole dividere la protesta invece di unirla, come sarebbe saggio e giusto fare? Un comunicato, quello di fim fiom e uilm, che ci lascia molto perplessi, anzi delusi e amareggiati.

Come UGLM abbiamo sempre supportato e supporteremo sempre qualsiasi tipo di iniziativa  volta ad attirare l’attenzione sulla vertenza Jindal.   In questo caso però, abbiamo dei dubbi quantomeno su quale sia l’obiettivo della protesta.

Ci auspichiamo  che l’iniziativa non si traduca solo in una passerella ad uso e consumo di stampa e televisione».

-Segreteria Provinciale UGLM

 -RSU JSW UGLM

______________________________________

A FIANCO DEI  LAVORATORI SEMPRE.  MA NON CON  LE  SEGRETERIE SINDACALI  PER DELLE PASSERELLE POLITICHE

Riceviamo e pubblichiamo dalla Federazione  provinciale  di Livorno  e  Piombino dell’USB.

«Dopo  mesi  di  torpore  finalmente  le  segreterie  dei  sindacati  confederali  si  svegliano  dal  letargo  e decidono  di  promuovere  un  presidio  (con  tanto  di  permesso  da  parte  della  multinazionale)  dentro alla  portineria  JSW  di  Piombino.

Lo  fanno  scrivendo  un  lungo  comunicato  in  cui  si  scagliano  inizialmente  con  le  istituzioni  e  i  partiti “che  hanno  lasciato  soli  i  lavoratori”.  Ma  come?  Solo  adesso,  dopo  aver  accompagnato  per  anni  i lavoratori  tra  un  tavolo  in  Regione  (con  l’ex  Presidente  Rossi  acclamato  da  tutti  neanche  fosse Giuseppe  Di  Vittorio),  una  passerella  elettorale  e  una  “trattativa”  al  Ministero,  si  rendono  conto che  le  istituzioni  ci  hanno  mentito?  Invece  di  investire  sulle  mobilitazioni  e  sull’unica  vera  forza su  cui  i  lavoratori  possono  davvero  contare  e  cioè  loro  stessi,  ci  hanno  detto  per  anni  che dovevamo  fidarci  e  che  Piombino  sarebbe  rinata..  Con  quale  faccia  adesso  ci  vengono  a  dire questo?

Il  comunicato  continua  parlando  di  una  imminente  crisi  sociale  se  non  ci  sarà  un  piano  nazionale della  siderurgia  in  grado  di  rilanciare  il  settore.  Benvenuti  nel  mondo  reale  cari  compagni.  Che nella  migliore  delle  ipotesi  (ancora  tutta  da  conquistare)  ci  sarà  posto  per  700/800  lavoratori  a Piombino  ormai  lo  sanno  anche  i  muri.  Quale  scandalo  parlare  di  incentivi  all’esodo  per  quei lavoratori  prossimi  alla  pensione  che  non  rientreranno  mai  nello  stabilimento?    Si  citano  altri  paesi europei  come  ad  esempio  la  Germania  e  poi  si  definisce  “utopistico”  qualsiasi  intervento  diretto dello  stato.  Cosa  pensano  che  negli  altri  paesi  un  settore  strategico  come  la  siderurgia  sia lasciato  in  mano  al  primo  “padrone”  che  passa?   Evidentemente  sperano,  o  ci  vogliono  ancora  far sperare,  che  tutto  si  possa  risolvere  grazie  ad  una  multinazionale  che  fino  ad  oggi  non  ha  investito un  soldo.

Ma  proviamo  a  tenere  un  attimo  da  parte  le  polemiche.  E’  assolutamente  evidente  che  Piombino sia  stata  relegata  ai  margini  del  dibattito  ministeriale  e  nazionale  sulle  crisi  aziendali.  Ed  è altrettanto  evidente  che  solo  con  una  mobilitazione  forte  dei  lavoratori  questa  situazione  potrà essere  sbloccata.  Per  questo  motivo,  così  come  a  Taranto  e  Terni,  USB  è  e  sarà  sempre  dalla  parte dei  lavoratori  che  decidono  di  lottare.  Siamo  disponibili  a  fare  la  nostra  parte  ma  solo  e  soltanto portando  avanti  una  piattaforma  chiara  e  concreta  ma  soprattutto  condivisa.  Di  storielle  da  parte di  segretari,  di  partito  o  di  sindacato,  ne  abbiamo  già  sentite  abbastanza.  Adesso  ci  vogliono  i  fatti».

Usb  Federazione  provinciale  di Livorno  e  Piombino
Usb  Settore  Nazionale  Industria

 

 

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 9.3.2021. Registrato sotto Economia, Foto, Toscana-Italia, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    49 mesi, 2 giorni, 10 ore, 44 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it