LEGA: QUALCUNO DICA A CARRAI CHE PIOMBINO NON VUOLE LA “CITTA’ DEI RIFIUTI”

Piombino (LI) – La locale sezione della Lega ha inviato un comunicato di risposta alla proposta targata “Jindal Italy” per attivare, dentro l’area industriale, un polo per il riciclo insieme alla Montello Spa. Leggiamo insieme la nota stampa.

«È dal mese di agosto che la città di Piombino – inizia la nota del partito del Carroccio – sta aspettando il nuovo piano industriale di JSW Italy, promesso dal suo A.D. Marco Carrai, annunciato solennemente anche questo anno, come da tradizione, prima di ogni tornata elettorale.

Un piano che prevedeva contributi da parte di Invitalia, che però sembra si sia già fatta parzialmente indietro, e programmava l’avvio del forno elettrico (già promesso dall’azienda nel lontano 2018) a partire dal 2025.

Jindal Italy, che solo nell’ultimo trimestre ha “collezionato” un ulteriore perdita per 12,5 milioni di euro, continua però, dopo quasi tre mesi, a non presentare alla città il suo piano industriale e anzi, con il recente annuncio di un polo per il riciclo insieme alla Montello Spa, sembra spostare le proprie scelte aziendali a sfavore del settore siderurgico, mirando a progetti che vanno nella direzione opposta a quanto voluto dall’intera città che, con il voto amministrativo dell’aprile 2019, ha chiaramente detto il suo “no” a trasformare Piombino nella “città dei rifiuti”.

Dopo lo spegnimento dell’altoforno nell’aprile del 2014, ci sono 1700 famiglie che attendono da ormai sei anni in cassa integrazione quel sempre solo annunciato piano industriale, prima da Issad Rebrab, poi da Sajjan Jindal e adesso da Marco Carrai.

Il tempo è scaduto, ed è l’ora che JSW mostri le carte – conclude la nota della Lega – altrimenti con grande celerità avvieremo quel famoso “Piano B” che la città chiedeva anche alla precedente amministrazione, e che noi invece siamo pienamente intenzionati a realizzare».

Lega Piombino

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 29.10.2020. Registrato sotto Foto, politica, Toscana-Italia, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    40 mesi, 22 giorni, 22 ore, 3 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it