LEGA: L’ASL CONTINUA A NON MANTERE GLI IMPEGNI DI RILANCIO A PIOMBINO

Piombino (LI) – «Le cronache di questi giorni – inizia la nota stampa della Lega – parlano molto della nostra ASL Nord Ovest, che sembra, come sempre, molto concentrata sull’area livornese, che si trova “solo” a quasi 90 chilometri dalla città di Piombino, mentre sembra quasi dimenticarsi, se non per portare malati Covid19 nel nosocomio di Campiglia, della nostra Val di Cornia.

E così leggiamo di 143 nuovi assunti in provincia di Livorno, per poi scoprire però che di questi la Val di Cornia vedrà solo 14 addetti sanitari, mentre contemporaneamente si parla di un nuovo ampliamento dell’Ospedale di Livorno «immerso nel parco».

Mentre contemporaneamente quanto è stato deciso dall’Asl per il Centro di riabilitazione di Campiglia non è dato sapere.

Non solo l’Azienda sanitaria deve spiegare come sia stato possibile che due persone positive al Coronavirus siano state ricoverate in una struttura che ha presentato come “centro per i pazienti in uscita dalle Terapie intensive negativizzati al Covid-19”, ma anche perché i 24 posti letto saranno sdoppiati, e per metà utilizzati come da progetto, mentre i restanti dodici usati per positivi al coronavirus. Una decisione presa dall’ASL senza concertazione con la politica locale, preferendo la linea del silenzio.

I numeri irrisori sul rafforzamento del personale dedicato poi all’ospedale di Piombino danno, ancora una volta, il segno da parte ASL di non voler recuperare il gap sui servizi che potrebbe erogare Villa Marina.

Auspichiamo un utilizzo turistico del porto con navi da crociera e pertanto anche i servizi ospedalieri dovrebbero essere all’altezza della sfida dell’accoglienza.

Già da inizio marzo l’ASL avrebbe potuto pianificare la riorganizzazione dei servizi sia nella fase di emergenza, sia nella fase di post emergenza, ma di tutto questo nessuno ci ha dato notizia, con decisioni da parte dell’ASL che sembrano testimoniare invece una grave carenza di strategia e progettualità.

Questo modo di agire da parte dell’Azienda Sanitaria è inaccettabile.

La ASL – conclude la Lega – deve comprendere che vi sono 60 mila abitanti in Val di Cornia e non possono essere considerati cittadini di “Serie B”».

LEGA SALVINI PREMIER PIOMBINO

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 26.4.2020. Registrato sotto Foto, politica, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    39 mesi, 26 giorni, 17 ore, 10 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it