PIOMBINO: LEGA PREOCCUPATA PER I RISULTATI DELLA COMMISSIONE SANITA’

La 3° commissione del 9 gennaio 2020

Piombino (LI) – Un preoccupante comunicato è giunto in redazione dai consiglieri comunali della Lega, in riferimento ai risultati della 3° commissione consiliare sulla sanità che si è tenuta il 9 gennaio scorso. Riportiamo la nota integralmente.

«Il 9 gennaio si è riunita la III Commissione Consiliare del Consiglio Comunale. Argomento unico la situazione della sanità Piombinese e in particolare dell’ospedale di Villa Marina. Erano presenti 4 dirigenti della ASL tra cui la responsabile della Val di Cornia Dott.ssa Donatella Pagliacci. Il Presidente della Commissione Dott. Atzeni e i vari consiglieri presenti, per la Lega Anselmi, Ceccarelli, Cosimi e Giannellini (Presidente del Consiglio Comunale); Infine l’assessore Palombi e Bezzini.

Tutti hanno esaminato la situazione dell’ospedale esponendo le sue numerose criticità. Si è evidenziato che tutta la struttura e i suoi reparti ha problemi di organico e necessita di interventi importanti su risorse umane e materiali. Pronto Soccorso inadeguato negli spazi e nella carenza di personale, mancata applicazione del Codice Rosa per le vittime di violenza sessuale (non c’è una stanza dedicata per loro).

E’ stato chiesto anche il punto sul progetto di trasferimento al piano terreno. La Cardiologia che era un reparto funzionante ed efficiente è senza medici e Direttore dell’Unità operativa complessa. Un reparto fondamentale per la nostra comunità date le statistiche negative sulle patologie cardiovascolari sopra la media di altri territori; tenendo presente una viabilità inefficiente che complica i tempi di trasporto per emergenze in altri ospedali che possono essere fatali per i pazienti. Neurologia con un medico prossimo alla pensione e un’altra già pensionata. Anche qui resiste solo un medico, del tutto insufficiente alle esigenze della città. Reparto Medicina con carenza organico e la problematica della gestione dei pazienti psichiatrici che non hanno una degenza a loro dedicata.

Anche qua il progetto del reparto psichiatria che fine ha fatto?  Area chirurgica altro tasto dolente, due medici in trasferimento e un altro in pensionamento. Urologia stesse difficoltà. Ortopedia senza reperibilità notturna con pazienti trasferiti a Cecina e Livorno con gravi disagi. Otorino un medico in pensionamento e uno già pensionato. Oculistica con importante contrazione degli interventi chirurgici. Laboratorio analisi con due pensionamenti entro giugno.

Infine il Punto Nascita chiuso da giugno ma non solo, tutti i servizi ginecologici di riferimento fermi al palo. Insomma un quadro che dire preoccupante è dire poco. Infine si è evidenziato il progetto di Ospedale Unico (Cecina/Piombino) che avrà mille difficoltà a decollare data la distanza (45 km) e il pericolo di cannibalizzazione di alcuni servizi in favore del nosocomio Cecinese. Detto questo le risposte che sono arrivate dai Dirigenti ci paiono fumose, e concretamente impegni certi se ne vedono pochi.

Attivazione di telemedicina che presuppongono la non assunzione di nuovi medici sul territorio. Addirittura è stato affermato che le risorse del Punto Nascita chiuso siano state utilizzate per potenziare i Consultori, magra consolazione secondo noi. Sul nuovo Pronto Soccorso c’è da trasferire i servizi del piano terreno dell’ospedale alla palazzina rossa antistante e pertanto i tempi si allungano e si parla di anni. Sul Punto Nascita nessun concreto passo al momento, c’è una deroga Ministeriale che non arriva. C’è una Commissione Tecnica in regione che si è riunita una sola volta e da lì passano gli stanziamenti economici per poter rilanciare l’ospedale di Villa Marina. Quindi il mega piano regionale è allo stato dell’arte solo su carta o poco più. Come mai stenta a lavorare?

In conclusione solo piccoli passi che non risolvono neppure nell’immediato le gravi problematiche evidenziate, risposte cortesi ma con pochi impegni concreti da parte di tecnici che certamente non possono soddisfarci. D’altra parte la Dott.ssa Casani, Direttore Generale della ASL Toscana Nord Ovest non ha ritenuto di venire in Commissione, era l’interlocutore vero con cui affrontare le questioni Piombinesi ma evidentemente ha altro cui pensare. Da parte nostra continuerà il pressing attraverso tutti i canali istituzionali possibili per restituire dignità alla sanità cittadina nell’interesse esclusivo della nostra comunità».

Gruppo Consiliare
Lega Salvini Premier

 

 

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 11.1.2020. Registrato sotto Foto, politica, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    34 mesi, 27 giorni, 17 ore, 46 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it