POLITICA E ASSOCIAZIONI COMMENTANO LA MANIFESTAZIONE DEL 22 OTTOBRE A FIRENZE

un momento della manifestazione

Piombino (LI) – Riportiamo tutte le note stampa giunte in relazione a commento della manifestazione del 22 ottobre a Firenze in attesa della pronuncia la pronuncia del NURV sulla VIA che si terrà il prossimo 30 ottobre 2019.

____________________________

COMITATO SALUTE: PRIORITARIO DIFENTERE L’AMBIENTE

Desideriamo ringraziare i Cittadini ieri presenti in gran numero a Firenze, che a proprie spese e sacrificando  tempo libero o prendendo permesso da lavoro si sono recati nel Capoluogo a testimoniare la propria avversità al raddoppio della discarica di Ischia di Crociano. Erano presenti Associazione varie e Rappresentanti di alcuni Partiti a dimostrare che l’interesse per quanto avviene alle porte di Piombino, non è diminuito.

Quella di Martedì è stata una dimostrazione di forte volontà a proseguire la battaglia in difesa dell’ambiente e della salute dei Cittadini, contro meri interessi economici  di gruppi esterni, favoriti dalle precedenti amministrazioni nel loro insediamento e nei loro programmi di trasformare Piombino in un centro nazionale di raccolta di ogni tipo di rifiuti. Cogliamo l’occasione di invitare tutte le forze politiche e tutti coloro che hanno visto una precisa connotazione politica nella manifestazione di ieri, di riconsiderare la loro posizione e di rinnovare, con generosità ,l’impegno comune a combattere contro il raddoppio della discarica e non solo, per il bene di tutti, superando le divisioni ideologiche e i distinguo.

La battaglia prosegue, sviluppandosi verso nuove strade oltre a quelle politiche, quindi dobbiamo farci trovare uniti con una unica volontà che è quella del rispetto della legalità e della vittoria della civiltà su progetti il cui fine ormai è chiaro a tutti e che ormai non si nasconde più dietro la parola bonifica o la promessa vacua di creare nuovi posti di lavoro ,ma parla chiaramente solo di proprio tornaconto a scapito della salute di tutti i cittadini della Val di Cornia.

Comitato Salute Pubblica Piombino

________________________________

I SINDACI DI CAMPIGLIA E SAN VINCENZO A FIRENZE

“Non siamo per il raddoppio della discarica, ma per le bonifiche e la messa in sicurezza del territorio”.

Alberta Ticciati e Alessandro Massimo Bandini a Firenze in occasione della conferenza dei servizi dove si parla di Rimateria narrano il clima che dalla Val di Cornia giunge nel capoluogo toscano: “Vergognatevi”. Questo il grido che emerge dalla folla sospinto dalle prime parole di Giuliano Parodi contro due Amministratori, i  Sindaci di Campiglia Marittima e di San Vincenzo che, come lui, cercano di dare il proprio contributo alla comunità. “L’ intervento viene dopo quello del Sindaco Ferrari – dicono i due sindaci –  che si è fatto accompagnare dalla consorte rimasta in piazza con il megafono in mano, Sindaco che si fa, per questo, aspettare dal tavolo tecnico. Squallore e imbarazzo.

Tutto questo all’indomani di un’assemblea Asiu richiesta dai sottoscritti per parlare del tema oggi oggetto di VIA, nella quale Jessica Pasquini, Sindaca di Suvereto (anche lei in piazza indossando la fascia, fatto gravissimo e inqualificabile) che rassicura sul fatto che il rispetto istituzionale non sarebbe mai mancato”.  “Abbiamo assistito ad una manifestazione politica con la quale Ferrari pensa di poter continuare a fare campagna elettorale  – affermano Bandini e Ticciati – senza rendersi conto che oggi è lui che deve trovare risposte e soluzioni che non troverà gridando, incitato da una piazza arrabbiata e strumentalizzata”. “Per noi fare politica significa altro – puntualizzano i due sindaci –  amministrare significa assumersi responsabilità e soprattutto rispetto.

Rispetto nei confronti di tutti a maggior ragione delle istituzioni e di chi le rappresenta. E nel merito”. E proseguono con un sollecito al sindaco di Piombino: “ Ferrari si attivi per far partire le bonifiche, lavori per il futuro industriale ad oggi nebuloso, si occupi delle numerose discariche abusive presenti in città, che quelle sì che rappresentano un problema per la salute pubblica”. “Noi non siamo per il raddoppio della discarica – precisano i sindaci di San Vincenzo e Campiglia –  ma vogliamo mantenere fermi gli obiettivi che stanno alla base della nascita di Rimateria: le bonifiche di discarica e del sito industriale, la messa in sicurezza del territorio, investire in riciclo da sostituire all’impiego di materie prime”.

E concludono: “Attenderemo la pronuncia del NURV sulla VIA ribadendo che troppo facilmente si va in piazza a dire no, ma molto più difficilmente si costruiscono proposte concrete in grado di portare soluzioni efficaci”.

_____________________________

M5S: C’E’ ANCORA TANTO DA FARE PER FERMARE IL RADDOPPIO

Oggi 22 Ottobre eravamo in Piazza a Firenze in attesa della decisione della Conferenza dei Servizi inerente il rilascio della VIA per il raddoppio dei volumi di discarica.

Alle ore 14.00 la Conferenza ha proseguito la riunione a porte chiuse per la decisione finale, l’esito della quale sarà ufficializzato nei prossimi giorni.

In attesa di poter visionare le carte ufficiali, non ci sembra comunque condivisibile l’atteggiamento del Sindaco che, in caso di pronunciamento favorevole della Conferenza, ha demandato esclusivamente alle sfere politiche regionali l’unica ulteriore facoltà di impedimento del progetto.

È ancora troppo presto per iniziare la campagna elettorale per le regionali. In realtà ci sono ancora numerose possibilità di intervento sia in ambito amministrativo locale che attraverso i propri rappresentanti nominati all’interno dell’azienda.

Questo per dire no, non solo al raddoppio dei volumi della discarica, ma anche alla rimodulazione del progetto che prevedrebbe un arretramento dell’impianto per il solo rispetto della distanza dal centro abitato, senza diminuire l’impatto negativo sul territorio.

Movimento 5 Stelle Piombino

__________________________

FRATELLI D’ITALIA: RIBADIAMO IL NOSTRO NO ALLA DISCARICA

Martedì mattina Fratelli d’Italia Piombino insieme a FDI Campiglia e all’associazione ambientalista AISA hanno partecipato alla manifestazione a Firenze per dire NO ALL’AMPLIAMENTO. Una bella manifestazione dove la politica si è unita ai cittadini, Piombino non vuole mollare: La difesa del territorio e della salute pubblica non ha colore politico e quindi tutti insieme, sotto il palazzo del potere, abbiamo ribadito il NO.

La questione della discarica non è un problema solo della nostra città, e bene hanno fatto i cittadini della Val di Cornia a partecipare. Registriamo la colpevole assenza di una parte dei partiti, nella fattispecie il Partito Democratico che però si è presentato alla Conferenza di Servizi con i Sindaci di Campiglia Marittima e San Vincenzo per dire SI all’ampliamento di Rimateria. L’assise, verificati gli atti, si è presa altro tempo per deliberare. “Come Fratelli d’Italia, crediamo nelle tesi della Giunta del Sindaco Ferrari e siamo fiduciosi che i tecnici capiscano la bontà degli atti prodotti, e quindi possano bloccare l’ampliamento.

La questione tecnica- afferma Luca Baragatti, Coordinatore FDI Piombino-, è ovviamente ancora aperta e sappiamo che la battaglia non finisce certo oggi. Adesso la questione è puramente politica con dei responsabili ben precisi che non fanno certo capo a questa amministrazione e, qualora la Regione dovesse rilasciare la via, ne dovrà rendere conto a tutti i cittadini di un territorio ormai esausto, spogliato delle proprie ricchezze e reso il cestino d’Italia. Il 26 Maggio scorso, nonostante un referendum non concesso ai cittadini, i cittadini Piombinesi hanno dato una chiara risposta alle politiche della sinistra, e Fratelli d’Italia lavorerà con le altre forze del centrodestra per dare un altro chiarimento nel prossimo Maggio “.

Luca Baragatti FDI PIOMBINO
Giovanni Sironi FDI CAMPIGLIA MMA
Roberto Marotta AISA

___________________________

MARCHESCHI: SARO’ A FIANCO AL TERRITORIO DELLA VAL DI CORNIA

Il Consigliere regionale Paolo Marcheschi (Fdi) ha partecipato alla manifestazione di protesta dei cittadini e comitati anti-discarica che stamani si sono dati appuntamento, in piazza dell’Unità d’Italia a Firenze, in occasione della Conferenza dei servizi nella sede della Regione Toscana.

Firenze – “Abbiamo letto i documenti presentati da Asl e Arpat e la soluzione può essere soltanto una: no al raddoppio della discarica di Piombino! -ha dichiarato  Paolo Marcheschi, Consigliere regionale Fdi, presente alla manifestazione di protesta dei cittadini e comitati anti-discarica che stamani si sono dati appuntamento in piazza dell’Unità d’Italia a Firenze in occasione della Conferenza dei servizi nella sede della Regione Toscana- Se la decisione sarà contraria a quello che sostengono le analisi tecniche, l’ampliamento della discarica sarà soltanto una scelta politica voluta dal Pd.

In Regione devono prendere atto che anche le condizioni politiche a Piombino sono cambiate, gli elettori hanno premiato chi è da sempre contro il raddoppio. Chi ha da troppo tempo ha governato i Comuni la Province e la Regione ha consentito che la Valdicornia, ma anche a Scarlino e zone vicine, diventassero siti inquinati adesso da bonificare. La zona è stata sfregiata per troppi anni, bonifiche promesse e mai effettuate I cittadini chiedono di avere un futuro senza veleni e il volere dei residenti e la battaglia del sindaco di Piombino Ferrari non può essere calpestato dai palazzi del potere, in Consiglio regionale sosterrò la battaglia dei cittadini e del sindaco contro la discarica più grande d’Italia che si va prefigurando.

La discarica in Valdicornia diventerebbe, con l’ampliamento, la pattumiera d’Italia perché per i rifiuti speciali non vale il principio di prossimità ma potrebbero arrivare da tutta la penisola, ed è una cosa da scongiurare con forza”.

________________________________

SEGUIRANNO ALTRI COMUNICATI SEMPRE IN QUESTA PAGINA…

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 24.10.2019. Registrato sotto ambiente/territorio, Foto, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    28 mesi, 18 giorni, 1 ora, 0 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it