PIOMBINO: «HANNO BOCCIATO I REFERENDUM, MA NON CI FERMERANNO»

Piombino (LI) – Il comitato Salute pubblica di Piombino – Val di Cornia, ha inviato una nota stampa relativa alla bocciatura dei due quesiti referendari da parte della commissione tecnica del comune. Ricordano che il 29 novembre si terrà il consiglio comunale che può ribaltare la situazione e che il 27 novembre alle 21 al Centro Giovani si terrà un’altra assemblea pubblica per dare la parola ai cittadini di Piombino.

«Dopo il pronunciamento  negativo delle commissioni istituite per valutare l’ammissibilità dei due quesiti referendari sul raddoppio della discarica di Ischia di Crociano e sulla sua privatizzazione,  è stata convocato per giovedì  29 novembre  il Consiglio Comunale che dovrà prendere atto di tali deliberazioni e ratificarle. In realtà, il Regolamento adottato dal Comune di Piombino prevede che il  Consiglio Comunale possa deliberare in difformità,  a maggioranza qualificata dei due terzi dei consiglieri in carica. Cioè il Regolamento  riconosce la sovranità del Consiglio comunale come massima istanza rappresentativa  della comunità.

Tremila cittadini hanno firmato per chiedere la possibilità di esprimersi  su un progetto tanto impattante sul futuro del territorio, due  imponenti manifestazioni  hanno portato in piazza centinaia di persone ,  affollate assemblee pubbliche hanno visto una partecipazione interessata  e crescente di cittadini spinti dal desiderio di saperne di più e dalla determinata volontà di contare.

Niente di tutto questo è valso a fermare la protervia di amministratori che continuano ad ignorare la volontà popolare  riparandosi dietro una concezione elitaria della democrazia, la cosiddetta “democrazia di mandato”, in base alla quale la democrazia  si esplica esclusivamente in occasione del voto: tra un voto e l’altro chi governa decide in barba a qualunque verifica, nemmeno quando sia richiesta con tanta forza come in questo caso.

Nemmeno quando certe scelte politiche, di enorme rilievo, siano fatte senza che chi governa ne abbia ricevuto legittimo mandato: nel programma elettorale di questa amministrazione  non era previsto il progetto della montagna di rifiuti che è sorta a Ischia di Crociano e ancor meno il suo raddoppio.  Tanto varrebbe, a questo punto, cancellare l’istituo referendario dallo Statuto del Comune!

Ma  noi non ci arrendiamo: non vogliamo  il raddoppio di una discarica che sarà la più grossa di Italia e una delle più grandi d’Europa: incastrata tra il mare, due fiumi, un’oasi  WWF, in una zona a forte rischio idraulico e a pochi metri da  un centro abitato. Vogliamo i carotaggi che ci sono stati promessi. Vogliamo poter esercitare un diritto democratico sancito dalla Costituzione: il diritto di  esprimerci e di  partecipare alle scelte che condizioneranno per molti anni il futuro  del nostro territorio e la salute dei nostri figli.

Le forze di minoranza, insieme al consigliere di Spirito Libero, avevano chiesto che il Consiglio Comunale si potesse svolgere al teatro Metropolitan, per permettere la partecipazione dei cittadini, e  che il Comitato potesse avere diritto di parola. Richieste negate, per  discutibili e soggettive interpretazioni di cavilli procedurali.

Ma cercheremo ugualmente di far sentire la nostra voce: martedì 27 novembre alle ore 21,00 al Centro Giovani faremo un’altra assemblea pubblica per dare la parola ai cittadini e decidere il percorso da intraprendere. Non ci fermeranno».

Comitato Salute Pubblica – Piombino

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 25.11.2018. Registrato sotto Foto, sociale, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    17 mesi, 16 giorni, 6 ore, 0 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it