PIOMBINO: «LAVORO E AMBIENTE» BEZZINI PRESENTA LA NUOVA LISTA

lavoro e ambiente per Piombino

Piombino (LI) – E stata presentata in un bar a pochi passi dal comune la nuova lista civica “Lavoro & Ambiente”, che si inserisce all’interno della coalizione per la candidatura a sindaco di Francesco Ferrari. Guidata da Carla Bezzini, consigliera comunale uscente di “Un’altra Piombino”, la lista si propone di portare al centro del dibattito l’ambiente, la salute e il lavoro affinché tornino ad avere un ruolo nevralgico nelle scelte di sviluppo e futuro della città. Al tavolo anche Sabrina Nigro (sindacalista UGLm) e i medici Giovanna Bianchi e Mario Atzei.

Sul sostegno alla coalizione guidata da Francesco Ferrari (che ha al suo interno anche Giuliano Parodi e Riccardo Gelichi) l’appoggio alla coalizione nasce – secondo Carla Bezzini – dal percorso condiviso sui principali temi di questo territorio,  «e con Francesco in questi mesi sono emerse convergenze proprio per le battaglie sui temi del lavoro e dell’ambiente».

Poi Bezzini ha illustrato il tema portante di questa lista alla cui presentazione erano presenti, anche se a titolo personale, buona parte dei membri del direttivo del Comitato salute pubblica.

«A Piombino esiste un’emergenza ambientale e la popolazione ne ha preso coscienza – ha iniziato Carla Bezzini – e noi oggi ci troviamo in un quadro desolante, con una discarica all’ingresso della città, con accanto a questa un altro impianto di trattamento rifiuti, ed è stato autorizzato un progetto di trattamento pneumatici e quello per la rottamazione delle navi; per fortuna (mancando i finanziamenti, ndr.) è stato bloccato il progetto Creo. Tutto questo ha un impatto ambientale fortissimo che preclude la possibilità di diversificazione, in cambio di pochissimi posti di lavoro.

La discarica di Ischia di Crociano sarà una ferita difficile da eliminare, ma si può mettere a norma e fermare. Secondo noi è possibile bloccare la discarica, in questi anni mi sono battuta per questo e continueremo a percorrere questa battaglia e a chiedere le bonifiche».

Sabrina Nigro, alla sua prima esperienza politica, ha messo il punto sul lavoro. «Ho deciso di unirmi a questo percorso per vedere lavoro e ambiente in un’unica ottica. Piombino è sia un SIN  (Sito di interesse nazionale) che un’area di crisi complessa ma viene ricordato troppo poco al governo nazionale. Chiediamo con forza che queste tematiche vengano portate avanti insieme e che chi andrà a governare questa città abbia una visione completa per imprimere una vera svolta per questa città».

«Chi ha governato negli ultimi decenni non ha saputo né vedere la crisi annunciata né saputo gestirla, cercando disperatamente il salvatore di turno e consegnando le chiavi della città e della programmazione urbanistica. – si legge nella nota di presentazione della lista – Una politiche che dietro a proclami e promesse ha scavato un profondo fossato tra il cittadino e la politica. Il rifiuto di consultare i cittadini tramite un referendum sulla realizzazione della nuova discarica ha segnato una delle pagine più buie nella storia democratiche della nostra città. Bisogna invece ripensare la città partendo dalle risorse che abbiamo».

I due medici Giovanna Bianchi e Mario Atzei hanno invece posto sul tavolo il tema della salute dei residenti. Entrambi (medicina generale e pediatra) hanno evidenziato l’aumento delle malattie croniche in città e l’aumento dei tumori dovuti all’inquinamento. Un quadro davvero desolante è stato presentato ai giornalisti sulla situazione sanitaria di Piombino, nella quale sono carenti anche i dati del registro tumori, al punto che alla fine della conferenza i giornalisti non hanno sentito il bisogno di fare altre domande.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 5.4.2019. Registrato sotto Foto, politica, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    21 mesi, 23 giorni, 2 ore, 29 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it