PARODI CON FERRARI: PD “TRASFORMISMO”, LEGA “MACCHINA DEL FANGO”


Piombino (LI) – L’ingresso di Giuliano Parodi nella coalizione guidata dal candidato Francesco Ferrari (e l’errore di un giornale locale che legava Parodi a Rifondazione comunista, affermazione da cui lo stesso partito di sinistra si è dissociato in un comunicato simile a quello precedentemente fatto anche per Nicola Bertini) ha prodotto due note politiche importanti. La prima del Partito Democratico e la seconda della Lega. Leggiamole insieme integralmente.

_______________________

PD: OPERAZIONE TRASFORMISTICA E DI RICICLAGGIO POLITICO

Il logo del Partito Democratico

Nella vita come in politica si può cambiare opinione, basta spiegarne i motivi con chiarezza e senza risibili camuffamenti. A Piombino c’è una candidatura di destra, quella di Ferrari,  che è espressione della lista Fratelli d’Italia di Giorgia Meloni, sostenuta legittimamente dalla Lega e Forza Italia. Attorno a questa candidatura è in corso, già a partire dal primo turno quindi con un patto politico esplicito, un assemblaggio trasformistico di personalità che venivano dal PD e anche da Rifondazione Comunista che si sono messe al servizio di una candidatura che è una chiara ed inequivocabile espressione della destra piombinese. Qui non siamo di fronte ad una lista civica indistinta e non caratterizzata politicamente; la lista infatti porta il nome di Ferrari ed è al servizio della destra che legittimamente si sta attrezzando come meglio crede per le elezioni.

Parodi, già esponente di idee e appartenenze comuniste, dopo aver fatto pubblicamente un appello alla Festa dell’Unità a Suvereto di agosto 2018 “all’ unità delle forze democratiche per arginare l’avanzata della destra e degli incompetenti sui territori “ cambia opinione a due mesi dal voto. È tutto legittimo e praticabile, ma tutto ciò va chiamato per quello che è: questo non è il nuovo, questa è la più classica e vecchia delle operazioni trasformistica e di riciclaggio politico, con l’obiettivo di fornire una spruzzata di sinistra ad una candidatura di destra.

In realtà il problema di fondo non è solo una valutazione di principio su questa operazione, il punto è che questo assemblaggio viene fatto esclusivamente per il raggiungimento del potere creando, in caso di vittoria, seri problemi di ingovernabilità per il Comune di Piombino, per i suoi cittadini, per le imprese e per i lavoratori. La sicurezza, i migranti, le politiche sociali, le scelte urbanistiche, lo sviluppo economico, il ruolo delle imprese: come faranno a fare una politica comune ex comunisti, ex pd, leghisti, esponenti di Fratelli d’italia ? Questo è il problema di fondo che scaturisce da queste scelte. Gli avventurieri di per sé non sono mai affidabili, figuriamoci quando vogliono trascinare una istituzione, un Comune ed una intera comunità su un disegno di esclusiva presa del potere a prescindere dalla coerenza delle proprie idee e dei propri valori.

Ci sono già esempi concreti: a Suvereto una lista che pur avendo una connotazione più civica della proposta della destra piombinese, ha vinto il Comune avendo dentro di sé esponenti della sinistra più radicale e anche della destra. Quella maggioranza è arrivata a stento a fine legislatura e,  in virtù di pesanti divisioni interne, non è riuscita nemmeno a ricandidare il sindaco Parodi. Questo è lo scenario migliore a cui deve andare incontro una città come Piombino ?

Noi come Pd ci preoccuperemo nei prossimi giorni di presentarci alle elezioni con un fronte largo e coeso, con proposte che tengano conto delle scelte di questi anni, introducendo tutti gli elementi di novità che serviranno. Siamo aperti a discutere delle scelte fatte, certamente anche degli errori compiuti, ma sempre nel quadro di una politica che ha portato la città ad avere un interlocutore industriale, a rilanciare scelte sul fronte del lavoro e della tenuta sociale della nostra comunità. Di fronte alla destra e agli avventurieri è il tempo di proporre un orizzonte di governo serio e concreto per la città di Piombino. Una città medaglia d’oro per la Resistenza e figlia di profonde tradizioni democratiche che noi vogliamo rinnovare e rendere sempre più attuali.

Federazione PD Val di Cornia Elba
Unione Comunale PD Piombino

_____________________________________

LEGA: BENVENUTO A PARODI, LA “MACCHINA DEL FANGO” NON FERMERA’ FERRARI

Tiziano Rombai con Matteo Salvini

Tiziano Rombai, commissario Lega Val di Cornia da il suo benvenuto in coalizione a Giuliano Parodi e osserva che chi sta avviando la “macchina del fango” contro la coalizione ed il candidato sindaco Ferrari, mostra solo di aver paura dell’inevitabile sconfitta elettorale.

“Diamo il benvenuto a Giuliano Parodi nella coalizione che sostiene Francesco Ferrari come sindaco del Comune di Piombino alle prossime amministrative.

Parodi – commenta Rombai – è un amministratore sensibile e competente, che ha mostrato in cinque anni di governo a Suvereto il proprio indiscusso valore, e ha giustamente compreso l’importanza del progetto civico di Francesco Ferrari, unica proposta concreta per dare finalmente una spallata a quel sistema di potere marcio e incancrenito rappresentato da decenni di malgoverno all’ombra del Partito democratico”.

“La coalizione che Francesco Ferrari sta costruendo – continua il Commissario della Lega Val di Cornia – è plurale, aperta, dialogante, e fonda la propria solidità su una visione chiara del “bene comune” e sulla largamente diffusa volontà di cambiamento. Giuliano Parodi, in questo progetto, darà il proprio contributo onesto e prezioso, proprio perché sa, come noi, come restituire benessere ed equità a tutti i piombinesi.

Non sorprende, quindi, sentire e leggere dileggianti commenti di un “sistema” che guida vergognosamente la solita “macchina del fango”, scesa in soccorso del “Partito”, oggi tanto impaurito quanto morente. A questi non restano altro che mezzucci patetici e parole squallide per provare a gettare discredito su Giuliano Parodi e sul candidato sindaco Francesco Ferrari. Ma non ci riusciranno, ma non c’è da stupirsi comunque di tutto questo.

Per fortuna oggi i cittadini hanno compreso chi sono i responsabili della situazione drammatica in cui versa Piombino, e hanno la possibilità concreta di sbarazzarsi una volta per tutte di chi ha condotto la città nel baratro, con una squadra di governo che si arricchisce ogni giorno delle menti migliori che offre oggi la Val di Cornia.

TIZIANO ROMBAI
Commissario LEGA Val di Cornia

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 17.3.2019. Registrato sotto Foto, politica, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    23 mesi, 19 giorni, 7 ore, 41 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it