VENTURINA: LAVORO E SVILUPPO I TEMI DELL’ULTIMO INCONTRO DEL “GRUPPO 2019”

Venturina (LI) – Saletta stracolma e tanti interventi all’incontro promosso dal Gruppo2019, la nuova lista civica che si è costituita a Campiglia, sui rifiuti speciali di Rimateria e sulle richieste di ampliamento delle cave a San Vincenzo e Campiglia. Ma il vero convitato di pietra del dibattito è stata la crisi e l’assenza di strategie credibili per risollevare una zona da troppo tempo in grande sofferenza.

Dopo l’introduzione di Nicola Bertini, del Gruppo 2019, il dibattito è stato animato dai lavoratori delle cave (in cassa integrazione da anni) che chiedono garanzie per il loro futuro e pensano che le cave siano un settore non trascurabile;  dai sindacalisti del settore siderurgico (per il quale non si vede ancora una chiara prospettiva di ripresa, mentre  si riducono gli ammortizzatori sociali) che pensano che dall’industria siderurgica non si possa prescindere; dai rappresentanti del Comitato per la Salute pubblica di Piombino che hanno espresso preoccupazione per la montagna di rifiuti speciali che cresce a Ischia di Crociano.

«Un fenomeno, quest’ultimo – commenta il gruppo 2019 – che ha origini nel gigantesco debito lasciato in eredità dalla vecchia ASIU. Ora i Comuni tentano di ripianarlo con il business dei rifiuti speciali provenienti da fuori zona, indipendentemente dall’avvio delle bonifiche del SIN, senza le quali non sarà possibile risanare un territorio strategico per il rilancio produttivo della zona. Molti interventi hanno invece posto l’accento sulla necessità di prefigurare una fuoriuscita dalle crisi (siderurgia, cave, gestioni fallimentari di aziende pubbliche, ecc.) senza compromettere le risorse di cui disponiamo: le coste, le campagne, il patrimonio storico e paesaggistico, la qualità e la salubrità degli ambienti in cui viviamo.

Nessuno ha sottovalutato il dramma di chi vive sotto il ricatto dei licenziamenti o con gli ammortizzatori sociali. E’ stato ricordato anche chi il lavoro lo ha già perso e chi non lo ha mai trovato e fugge da questa zona, come i giovani.

Il Gruppo 2019, che ringrazia tutti gli intervenuti, ha trovato nel dibattito conferme sull’urgenza di una strategia complessiva per la rigenerazione di un modello di sviluppo in crisi che nel secolo scorso si è retto sul traino dell’industria siderurgica e dell’edilizia. Le cave sono state  parte di quel modello. In quei settori potremo contenere i danni, ma non saranno più il traino occupazionale per il futuro. Chi esprime preoccupazioni per l’ambiente, la salute, il paesaggio,il patrimonio culturale, non la fa per contrapporsi a chi legittimamente difende il lavoro.

Il problema è comporre la difesa del lavoro che resta, la valorizzazione delle risorse che abbiamo e la creazione di nuovi lavori. E’ quello che spetta alla  istituzioni ed è ciò che,purtroppo,  non hanno fatto le amministrazioni della zona».

Su questi argomenti sta lavorando il Gruppo 2019 con proposte che saranno contenute nel programma per le prossime elezioni  amministrative.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 8.12.2018. Registrato sotto Foto, politica, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    17 mesi, 9 giorni, 22 ore, 41 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it