AFERPI: DIFFIDA A REBRAB E UNA SETTIMANA PER TROVARE NUOVI PARTNER

I manifestanti sotto il MISE

Roma – Nuovo incontro al Mise oggi pomeriggio alle 15 per la vertenza sullo stabilimento Aferpi di Piombino al quale hanno preso parte il ministro Calenda, la viceministra Teresa Bellanova, il commissario straordinario Piero Nardi, il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi, il sindaco di Piombino Massimo Giuliani e i rappresentanti sindacali nazionali e territoriali.

Il ministro ha informato sugli ulteriori passaggi del percorso avviato: in particolare è stata inviata oggi la diffida ad Aferpi per la convocazione dell’assemblea degli azionisti dell’azienda entro 15 giorni. Se questa non verrà convocata entro il termine stabilito, il ministro presenterà le istanze di insolvenza per Cevital e l’avvio dell’amministrazione straordinaria per Aferpi.

Dopo questi passaggi, ci sarà ancora un mese di tempo per valutare ulteriormente l’esistenza delle condizioni e per decidere sull’insolvenza prospettica che deriverebbe dall’incapacità dell’azienda di portare avanti le attività industriali. Immediata invece sarebbe l’avvio dell’amministrazione straordinaria.

Calenda ha riferito inoltre di aver ricevuto una lettera di Cevital con la quale Rebrab dichiara l’esistenza di trattative in corso con altri soggetti industriali. Se queste trattative fossero confermate da un accordo formale, ci sarebbe ancora la possibilità di bloccare l’azione legale in corso, ma tutto questo dovrebbe essere confermato entro una settimana. Per questo il ministro si è impegnato a riconvocare una nuova riunione con le parti. entro una settimana, dieci giorni.

Un giudizio positivo sull’azione messa in campo dal governo è stata espressa dal sindaco Giuliani: “La posizione del ministro Calenda è coerente con il percorso intrapreso. L’accelerazione impressa è sicuramente inevitabile ma allo stesso tempo è importante anche aver messo ancora una volta la proprietà in condizioni di scegliere se intraprendere la strada dell’amministrazione straordinaria o se tentare una trattativa con un partner. E’ una posizione responsabile e molto condivisibile, consapevoli del fatto che così la situazione non può più continuare.”

Fonte: Comune di Piombino


________________________________________

SINDACATI:  «PARTITA DIFFIDA AL COLLEGIO SINDACALE DI AFERPI»

Roma – Si è tenuto nel pomeriggio di oggi l’incontro presso il ministero dello Sviluppo economico per la vertenza sullo stabilimento Aferpi di Piombino. All’incontro erano presenti il ministro Calenda, la viceministra Bellanova, il commissario Nardi, il presidente della Regione Toscana Rossi, il sindaco di Piombino Giuliani, i rappresentanti sindacali nazionali e territoriali.

«Il ministro ha infomato – commentano Fim, Fiom, Uilm Piombino – che oggi è partita la diffida al collegio sindacale di Aferpi per la convocazione dell’assemblea che dovrà essere tenuta entro 15 giorni, in quanto a un mese di distanza dalla prima richiesta formale quella assemblea deve esprimersi ed assumersi la responsabilità sullo stato di insolvenza di Aferpi.
Trascorso questo termine il ministro ha annunciato che presenterà le due istanze, di insolvenza per Cevital e di amministrazione straordinaria per Aferpi. Successivamente i tempi previsti per queste due istanze sono: immediato per l’amministrazione straordinaria e un mese dalla presentazione della richiesta per l’insolvenza. Una procedura questa al riparo anche da eventuali tentativi di ricapitalizzazione in quanto – come dichiarato dal ministro – Aferpi rischia di non partecipare alla gara avviata dalle Ferrovie dello Stato, con un grave rischio di perdita del patrimonio aziendale.
Il ministro, infine, ha annunciato di aver ricevuto questa settimana una lettera di Cevital in cui l’imprenditore ha dichiarato di voler incontrare Jindal per ricercare un accordo tra le parti. Accordo che se fosse confermato da un atto formale il ministro è in condizione di fermare la procedura e riconvocare le parti per valutare insieme come procedere.
Su nostra richiesta – continua la nota – il ministro si è impegnato a riconvocare il tavolo entro una settimana, dieci giorni. Fim, Fiom e Uilm, con tutte le cautele del caso dettate dalla complessità della procedura, esprimono un giudizio positivo in quanto non solo sono state confermate le anticipazioni del precedente incontro ma registrano quell’accelerazione richiesta che tende a delineare un quadro di prospettive che, sia nel caso del commissariamento che della cessione dello stabilimento, portano a una discontinuità e aprono alla possibilità di tornare a produrre acciaio».

________________________

Aferpi: il presidente della Toscana si augura si arrivi presto ad un risultato positivo

ROMA – Il presidente della Regione Toscana si augura che sulla vicenda di Aferpi e della ripresa della produzione di acciaio a Piombino si arrivi presto ad un risultato positivo.

È quanto ha detto alla fine della riunione che il ministro per lo sviluppo economico ha tenuto questo pomeriggio al Ministero presenti, oltre alla Regione, le organizzazioni sindacali e il Comune di Piombino, oltre alla viceministro.

Il presidente della Toscana ha precisato di essere in contatto costante con il ministro e lo ha ringraziato per il buon lavoro che sta facendo.

La linea d’azione illustrata oggi dal ministro prevede l’invio immediato di una diffida scritta indirizzata al Collegio sindacale affinché convochi l’assemblea dei soci. Nel frattempo sono infatti trascorsi i trenta giorni dalla richiesta formale avanzata in tal senso, senza che si sia avuta convocazione alcuna.

Poi, se nel frattempo non ci saranno positive novitá di rilievo nei rapporti tra Issaad Rebrab e gli indiani di Jindal, il ministero invierà al Tribunale di Livorno, già intorno alla fine di febbraio, una richiesta di dichiarare l’insolvenza prospettica di Aferpi.

Questa azione potrebbe quindi determinare la messa in amministrazione straordinaria dell’azienda con il ritorno di un commissario dotato di pieni poteri.

_______________________

Fagioli FIM: Aferpi, bene la rapidità messa in campo dal Ministro

Si è da poco concluso l’inconro presso il MiSE l’incontro sulla vertenza Aferpi (ex-Lucchini) alla presenza del ministro Calenda, della viceministra Bellanova, del commissario Nardi, del sindaco di Piombino Giuliani e del governatore della Regione Rossi e dei rappresentanti di Fim, Fiom, Uilm nazionali e territoriali.

Il ministro durante l’incontro ha riferito che è pronta la richiesta di insolvenza per Cevital, la società algerina guidata da Issad Rebrab, che attualmente detiene la proprietà dello stabilimento toscano e la diffida al collegio per la mancata convocazione dell’assemblea.

Ora entro 15 giorni verranno depositate al Tribunale di Livorno le istanze di insolvenza e di richiesta di amministrazione straordinaria.

Il ministro ci ha inoltre riferito che Aferpi ha comunicato di avere iniziato una discussione con Jindal per trovare un accordo tra le parti; visti i tempi oramai allungati il ministro ha dato tempo ad Aferpi di produrre entro una settimana la documentazione comprovante tale soluzione impegnandosi subito dopo a riconvocare un tavolo ministeriale per aggiornare su tali sviluppi.

E’ chiaro che su tutta la vertenza pesa l’incertezza, ma diamo un giudizio positivo per la presa di posizione del ministro tesa ad accorciare i tempi per trovare una soluzione che restituisca a Piombino la possibilità di avere un nuovo interlocutore, capace di investire per tornare a produrre acciaio.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 6.2.2018. Registrato sotto Economia, Foto, Toscana-Italia, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    14 mesi, 17 giorni, 13 ore, 50 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it