AFERPI: «BASTA CON QUESTA AUTOREFERENZIALITA’ E DIFESA»

la consigliera comunale di Piombino Carla Bezzini

Val di Cornia (LI) – Riceviamo e pubblichiamo integralmente un comunicato delle liste civiche unite in risposta al segretario di federazione del PD Valerio Fabiani sul futuro di Aferpi e sulle continue “maldicenze” nei confronti di chi pone dubbi od obiezioni al progetto.

«Il comunicato del segretario della federazioe PD Val di Cornia, lascia a dir poco perplessi: di fronte alla tragica situazione che si sta delineando per il nostro territorio, con l’evidente inadempienza da parte di Aferpi degli impegni a suo tempo sottoscritti,  si continua  sulla strada dell’autoreferenzialità e della difesa, ormai del tutto immotivata,  delle politiche perseguite. A seguire, per completezza d’informazione, il comunicato preso da “La Nazione” di ieri.

Lo spettacolo che questo partito sta offrendo di sè denota una grande confusione, che potrebbe essere solo un problema interno se non avesse conseguenze tanto  devastanti sul futuro della nostra città:  mentre personalità politiche che hanno fortemenete impattato sulle sorti di questo territorio stanno cercando di defilarsi e di declinare ogni responsabilità, altre continuano a rivendicare successi inesistenti.

Si elencano le “nuove occasioni di sviluppo” create dalle scelte di questa dirigenza politica: le bonifiche, che Fabiani e Velo continuano ad annunciare (lo fanno da anni) e a riproporre, ma che sono lontanissime da venire e ancora da finanziare; la 398, da anni declamata e ancora tutta da riprogettare e da finanziare; variante Aferpi spacciata come successo, ma che in realtà è solo la cessione del territorio  nelle mani  di un imprenditore che ha ampiamente dimostrato la propria inaffidabilità; il porto, sul quale sono stati investiti milioni e che rischia di rimanere una cattedrale nel deserto se non si apprestano adeguate infrastrutture di collegamento e non se ne definisce la potenzalità retroportuale.

Si cerca anche di prendere le distanze dai facili trionfalismi della prima ora, quando si tappezzava la città di cartelli “mercì Cevital” e si conferivano premi ai personaggi dell’anno, quando era già chiaro che a Piombino si stava profilando un futuro di ammortizzatori sociali e di disoccupazione. Di pari passo a questa assurda autoreferenzialità, continuano gli strali contro “lo sciacallaggio di chi oltre a remare contro non ha fatto altro che tifare perché tutto andasse a rotoli per mera speculazione politica”.

Coloro,  noi e molti altri, che  hanno fin da subito sollevato dubbi e perplessità sulle incongruenze di un accordo, che poi lo stesso AD di Aferpi ha dichiarato impossibile da realizzare, sono stati  delegittimati con i peggiori epiteti (gufi, cassandre, frustrati), accusati di remare contro e di tifare per il fallimento.  Queste affermazioni sono estremamente gravi e da sole testimoniano l’arroganza e la supponenza di una forza politica,  incapace di governare, che tratta con disprezzo le opposizioni, rifiuta di ascoltarle come una normale dialettica democratica vorrebbe, salvo poi fare riferimenti sarcastici a proposte che le opposizioni non fanno mai. 

Con tutta evidenza le preoccupazioni e i dubbi erano fondate. Il PD governa a tutti i livelli, nazionale, regionale e locale: nessuno, a nessun livello di governo, può declinare responsabilità, nè continuare con la strategia suicida dell’attesa che un magnate faccia in 5 mesi quello che non ha fatto in due anni.  Serve un intervento centrale: se una parte dei miliardi regalati al MontePaschi (anch’esso a marchio PD)  fossero stati destinati alla bonifica di questo territorio, nel quadro di una programmazione industriale nazionale, forse oggi si sarebbe aperta una reale prospettiva per la Val di Cornia».

 Liste civiche unite:
Un’Altra Piombino
Comune dei Cittadini
Assemblea Sanvincenzina
Assemblea popolare Suvereto

____________________________

La Nazione dell’8-01-2017
«Il progetto è ancora convincente ma Rebrab non può più rinviare»

– PIOMBINO –

Il segretario PD Val di Cornia ValerioFabiani

«A NOI IL progetto con cui il gruppo Cevital si è aggiudicato la proprietà dello stabilimento Lucchini convince ancora, è l’investitore che ci deve convincere con i fatti e non a parole». Il segretario della Federazione Pd Valerio Fabiani parla di Aferpi, dei ritardi ingiustificati del piano industriale, e replica duramente alle liste civiche unite.

«Da mesi come Pd, spesso un po’ in solitudine, ripetiamo che tocca all’investitore fare la sua parte e dimostrare, producendo fatti nuovi, che anche lui continua a crederci. Non ci hanno mai convinto i trionfalismi così come abbiamo sempre combattuto lo sciacallaggio politico di chi oltre a remare contro non ha fatto altro che tifare perchè tutto andasse a rotoli per ragioni di mera speculazione politica. Abbiamo ripetuto più volte in queste settimane quello che andiamo dicendo da tempo».

 «DOPO le riassunzioni – continua Fabiani – adesso siamo ad un altro passaggio decisivo, quello in cui la proprietà è chiamata a dimostrare la capacità di realizzare l’investimento assicurando anche quella continuità produttiva necessaria sia per mettere in sicurezza i contratti di solidarietà sia per scongiurare il rischio di perdere strategiche porzioni di mercato. I ritardi e le incertezze di cui Rebrab è responsabile sono intollerabili e a questo punto, ingiustificabili. Ma noi vogliamo ribadire con forza che, in ogni caso, non siamo disposti a retrocedere nemmeno di un millimetro sulla strada che abbiamo tracciato insieme ai sindacati e ai lavoratori, alle imprese e alle loro associazioni, orientata verso un processo di riconversione economica che abbiamo messo in campo e di cui i progetti Cevital sono solo una parte per quanto rilevante.
La nostra idea di puntare su una siderurgia moderna e meno impattante dal punto di vista ambientale, in grado essa stessa di dare impulso a nuovi settori produttivi come l’economia circolare con bonifiche e riuso, e capace di lasciare spazio ad altre voci come turismo sostenibile e una nuova economia del mare di cui il nuovo porto sia perno principale, continua ad essere un’idea che non abbandoneremo solo per l’eventuale incapacità di un soggetto privato di mantenere gli impegni».
Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 9.1.2017. Registrato sotto Foto, politica, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    9 mesi, 19 giorni, 4 ore, 25 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it