AFERPI: LE NOTE “DOLENTI” PER IL SINDACATO A PIOMBINO

Un momento di un'assemblea Lucchini

Un momento di un’assemblea Lucchini

AGGIORNAMENTO:  Riportiamo nel link sottostante, la relazione trimestrale del Commissario Nardi del 29 aprile 2016 che riporta buona parte delle perplessità sull’argomento.

http://archivio.lucchiniamministrazionestraordinaria.it/Relazione_Trimestrale_num_7.pdf

______________________

Piombino (LI) –  L’assemblea sindacale al Phalesia del 3 maggio è servita a tracciare la road map dei prossimi mesi fissando gli obiettivi di Fim, Fiom e Uilm. Per quanto riguarda l’azienda entro la fine di maggio Aferpi dovrà versare circa 40 di milioni per poter far partire i finanziamenti delle banche necessari a raggiungere i 250 milioni che, secondo l’imprenditore algerino, servono per pagare acciaieria elettrica e nuovo treno rotaie prodotto dalla Sms.

Il primo obiettivo del sindacato, è adesso quello di garantire i contratti di solidarietà per tutti i lavoratori che secondo gli accordi entro novembre devono rientrare in Aferpi.  Ma per riuscirci è necessario che tutti i treni lavorino a pieno regime, altrimenti qualcuno rimarrà a casa.

Priritaria anche la necessità che Rebrab finanzi Aferpi con più vigore in un mercato difficilissimo nel quale l’azienda deve impegnarsi per ritrovare i suoi spazi. Nel prossimo incontro al Mise, che si terrà il 18 o 19 maggio prossimo, i sindacati chiederanno il nuovo cronoprogramma di Aferpi e il rispetto degli impegni su agroindustria e logistica, in quanto, ma solo fino al prossimo 1 luglio 2017, il Governo è garante degli accordi.

Riportiamo integralmente l’intervento di “Minoranza sindacale” nell’incontro che si è tenuto martedì 3 maggio dopo la firma di Rebrab per l’acciaieria elettrica di Aferpi.

__________________________________

INTERVENTO DI PAOLO LUPPOLI (MINORANZA SINDACALE)

Il 16 febbraio 2016 sotto la prefettura di Livorno

Il 16 febbraio 2016 sotto la prefettura di Livorno

Lavoratori,

Prima di entrare nel merito della firma del contratto, vorrei fare un passo indietro e tornare per un momento all’ accordo difensivo del 3 giugno 2015, sottoscritto da azienda, sindacati, governo, regione e comune. Accordo che come ben sappiamo ha tagliato gli stipendi del 30 % ed ha cancellato i diritti acquisiti conquistati negli anni ma che nel contempo avrebbe garantito però il posto di lavoro per tutti i lavoratori di Lucchini e Lucchini Servizi. Per questo motivo i lavoratori a larga maggioranza lo approvarono con un referendum, accettando i sacrifici che quell’ accordo difensivo conteneva e che in merito il posto di lavoro prevedeva che:    

Le parti confermano l’espressa finalità finalità di consentire ,con il presente accordo,la piena realizzazione del piano industriale presentato alle Organizzazioni Sindacali presso il Mimistero dello Sviluppo Economico e la finalità di sostenere la salvaguardia della massima occupazione del personale ,oggi parzialmente eccedentario , occupato negli acquisendi succitati  Rami di a zienda della società Lucchini SpA in AS e Lucchini Servizi SrL in As.

Confermano altresì di voler sostenere , con lo stesso accordo , la migliore realizzazione degli investimenti correlati all’ innovazione dell’ attività siderurgica mediante l’impiego di forni elettrici di nuova generazione ,oltre che l’avvio delle nuove attività produttive ,commercialie logistiche previste dal Piano industriale medesimo.”

Inoltre a questo c’è un allegato, del Ministero dello Sviluppo Economico, Regione Toscana e Comune di Piombino, all’ accordo del  3.06.2015 e  che è parte integrante dell’ accordo  che recita :

“ Il Ministero dello Sviluppo Economico la Regione Toscana e il comune di Piombino esprimono apprezzamento per il lavoro svolto dalle parti che hanno sottoscritto in data odierna l’accordo per il passaggio dei lavoratori, ai sensi dell’ art 47 c. bis della legge 29 12 90 nr 428, in lucchini in As alla soc AFERPI S.p.A . ( Gruppo Cevital ).  L’esito positivo del confronto consente di avviare la fase conclusiva del complesso processo di cessione della lucchini ai nuovi investitori e, quindi, la realizzazione del piano industriale che darà importanti prospettive al territorio di PiombinoLe istituzioni , nel confermare gli impegni e gli obiettivi contenuti nell’ accordo di programma firmato il 24 aprile 2014 ,  proseguiranno , presso il ministero dello sviluppo economico, l’azione di monitoraggio e di confronto con le parti ( proprietà e OO SS ) sullo stato di attuazione delle intese raggiunte con l’obiettivo di concorrere a riparare ogni eventuale controversia e/o ritardo che dovessero frapporsi al concreto e pieno raggiungimento dei risultati attesi.”

 Cosa dice il Piano industriale

 Il piano industriale per la rinascita di Piombino si pone tre (3) obiettivi:
Progetto siderurgico: 1450 occupati
Progetto Piombino Agroindustria: 700 occupati
Porto e Logistica: 50 occupati
Con un totale di 2200 lavoratori occupati

 

Progetto siderurgico 1450 occupati
L’obiettivo strategico prevede a regime una produzione/vendita di acciai di qualità e speciali di 2 milioni di tonnellate di prodotti finiti (rotaie, barre e vergella). La produzione sarà assicurata a regime da due forni elettrici istallati nell’area vicino ai laminatoi barre e vergella.
Ad oggi di questo progetto è stato firmato il contratto   per la fornitura tecnologica complessiva dei nuovi impianti produttivi. per un’acciaieria elettrica da un milione di tonnellate l’anno e un laminatoio per rotaie a barre da 750 mila tonnellate l’anno

Piombino Agroindustria 700 occupati
Cevital prevede, nelle zone dell’Area a Caldo, dopo smontaggio e smantellamento degli impianti, la creazione di un complesso di triturazione di semi oleosi (3 milioni di tonnellate) e di un complesso di raffinazione e trattamento di oli vegetali. Ad oggi di questo progetto niente è stato fatto

Porto e Logistica (comune ai 2 progetti precedentemente descritti) 50 occupati
Cevital prevede la creazione di 2 banchine per l’agroindustria, con 2 gru di scarico e 1 di carico con capacità di 1000 tonnellate/ora per gru, e 1 banchina per la siderurgia.
Ad oggi di questo progetto è stata costituita la Soc.  Piombino  Logistic che è  né più e né meno il vecchio reparto LOGISTICA della Lucchini.

Per quanto elencato, domando ai sindacati: se l’eventuale non rispetto di un punto così importante (ovvero l’attuazione del piano industriale nella sua totalità come sottoscritto dalle parti nell’ accordo difensivo del 3 giugno ,  e ribadito nell’ allegato firmato dalle istituzioni)   potrebbero venire a mancare i presupposti per cui i lavoratori approvarono l’accordo con il referendum nel giugno 2015 e se  di conseguenza  l’accordo è comunque valido?

Entrando nel merito della firma dell’accordo per la fornitura tecnologica complessiva dei nuovi impianti produttivi, da quello che abbiamo potuto capire leggendo l’articolo di Siderweb del 30 aprile è che:

Sms Demag fornirà entro maggio il progetto di dettaglio, consentendo ad Aferpi di progettare e affidare l’appalto per le opere civili. Successivamente si passerà alla fase operativa, la realizzazione delle macchine per un’acciaieria elettrica da un milione di tonnellate e un laminatoio per rotaie a barre da 750 mila tonnellate l’anno

Il percorso che porterà Piombino a colare di nuovo acciaio è ancora lungo, i problemi da affrontare sul piano della tenuta sociale ancora irti di difficoltà, ma la strada è stata aperta. Rebrab ha versato un anticipo a Sms, di cui al momento non si conosce l’entità, salvo il bonifico di 2,5 milioni versato ieri per i progetti d’ingegnerizzazione. Almeno altri 30 milioni Rebrab dovrà trovarli nella fase di avvio dell’esecuzione degli impianti, mentre, con il contratto firmato, Aferpi si potrà mettere concretamente alla ricerca dell’appalto del sistema bancario all’investimento che, solo per la parte siderurgia, richiederà un impegno di almeno 500 milioni

Quello che vorremmo capire ponendo alcune domande sul contratto che è stato firmato e precisamente:

PER LE OPERE CIVILI DELL’ ACCIAIERIA E DEL LAMINATOIO PER ROTAIE
Le autorizzazioni sono già state rilasciate?
Quando inizieranno i lavori delle fondazioni?
Quando inizieranno le costruzioni degli edifici e dei capannoni?

 

PER L’ACCIAIERIA E IL LAMINATOIO PER ROTAIE
Quando inizierà la fornitura, ovvero quando Sms Demag inizierà la costruzione degli impianti?
Quando inizierà il montaggio degli impianti?
Quando inizierà l’avviamento degli impianti?

 

OCCUPAZIONE
Quanti lavoratori saranno occupati per un’acciaieria da un milione di tonnellate a fronte dei 1450 che erano previsti per un’acciaieria da due milioni di ton.?
Gli esuberi del progetto siderurgico come saranno gestiti?
I 700 lavoratori che dovrebbero essere occupati nell’ agroindustria che destino avranno?

 

PER LE LAVORAZIONI SUSSIDIARIE
Quando inizieranno i lavori per la realizzazione della discarica scorie e dei luoghi per la gestione temporanea dei rifiuti?
Quando inizieranno i lavori per la realizzazione dell’impianto del trattamento e depurazione delle acque?
Quando inizieranno i lavori per la realizzazione della sottostazione elettrica?
Tutto questo in che modo sarà finanziato, se per ora risulta un versamento a SMS da parte di Cevital   di soli 2,5 milioni  per i progetti d’ingegnerizzazione , mentre per l’intero progetto siderurgico  servono ben 500 milioni di euro.

 

LE BONIFICHE
Quando inizieranno le bonifiche di competenza di Aferpi come indicato nell’ Art. 3 dell’ACCORDO DI PROGRAMMA (Interventi di messa in sicurezza a carico di Aferpi) ?
È  possibile iniziare la costruzione dell’acciaieria prima che siano terminate le bonifiche del SIN?

 

INVESTIMENTI PREVISTI
Progetto siderurgico con un solo forno e laminatoio per le rotaie           500 milioni di euro
Progetto Piombino Agroindustria                                                        220 milioni di euro
Porto e Logistica                                                                                50 milioni di euro
Se si aggiungo i 200 milioni, per la costruzione delle banchine del porto , annunciati da Cevital  si arriva alla notevole cifra di 970 milioni di euro.

Concludo dicendo , Cevital sarà in grado di reperire i finanziamenti e garantire la piena realizzazione del piano industriale e sostenere la massima salvaguardia dell’ occupazione del personale come sottoscritto nell’ accordo del 3 giugno 2015 ?

Paolo Luppoli
MINORANZA SINDACALE

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 5.5.2016. Registrato sotto Economia, Foto, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    39 mesi, 21 giorni, 13 ore, 25 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it