EDITORIALE: SINDACALISTI PER SEMPRE?

L’EDITORIALE                                   di Giuseppe Trinchini trinchini

_________________________________

Il video editoriale sarà pubblicato domani.

_________________________________

EDITORIALE: SINDACALISTI PER SEMPRE?

Corriere Etrusco “numero 142” del 05 aprile 2016.

Il Testo Unico sulla Rappresentanza sindacale, stipulato da Confindustria – Cgil, Cisl e Uil del  2014 prevede che le r.s.u. siano mediamente uno ogni 100 dipendenti, e che restano in carica per tre anni, al termine dei quali decadono automaticamente.

Le ultime elezioni per il loro rinnovo dentro la Ex. Lucchini sono avvenute sei anni fa, e da circa tre anni gli attuali rappresentanti sono quindi decaduti. Non è un caso isolato, in molte aziende le r.s.u. non vengono rinnovate a scadenza. Una volta decadute almeno una delle sigle sindacali deve aprire la procedura di rinnovo. Ma spesso vige l’immobilismo, come nel caso di Piombino.

Nell’accordo del giugno 2015 Aferpi si era impegnata, tra le altre, ad assumere e trasferire alle proprie dipendenze, non oltre il 6 novembre 2016, tutti i 2183 lavoratori, che  secondo l’accordo potevano essere ricollocati anche presso altre società facenti capo al gruppo Cevital, ed infatti oggi ci sono due aziende: Aferpi e Piombino Logistics, in attesa della nuova attività agro-industriale.

Dentro queste due società però non è stato ancora democraticamente eletto nessun R.s.u., e i sindacalisti della  Ex Lucchini ancora rappresentano i loro colleghi sulla base di una assemblea dei lavoratori,  di cui alcuni dipendenti contestano perfino l’avvenuta votazione, che sembra dia loro una deroga fino al rientro integrale di tutti i dipendenti.

Il rischio quindi è che il profilo degli attuali rappresentanti sindacali possa essere legato sia ad una ipotetica influenza  politica, che  gli fa fare valutazioni, come nel caso dell’equiparazione di un “preventivo”  con il contratto “bancabile” per l’acquisto della nuova acciaieria,  che  li porti ad accettare anche “narrazioni felici” che normalmente non accetterebbero,  sia perché, non essendo stati nominati ufficialmente, di fatto  potrebbero essere disconosciuti dalla controparte, cioè la proprietà, in qualunque momento.

Due argomenti di non poco conto che potrebbero, ma è solo una ipotesi, anche spostare in alcuni casi  l’asticella dalla “protesta dura” alla ricerca di un accordo ad ogni costo con la proprietà.

Giuseppe Trinchini

____________________________

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 6.4.2016. Registrato sotto Editoriali, Foto, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

4 Commenti per “EDITORIALE: SINDACALISTI PER SEMPRE?”

  1. oracolo

    Renzi docet…!

  2. Ciuco nero

    Si infatti,questa anomalia io l avevo già segnalata proprio qui sul corriere…le elezioni non vogliono farle i tre sindacati perché dovrebbero diminuire gli esentati e i rappresentanti visto che ogni tot operai ci sono un tot di rappresentanti.quindi andando ora alle elezioni verrebbe ridotto il numero dei vari RSU Rsl .meglio essere sindacalisti solo in modo “figurativo” ma essere esentati dal lavoro che dover tornare a respirare polvere e sudare come i comuni mortali… Tutto questo ovviamente alle spalle del poveraccio che gli paga pure la tessera….

  3. Mirko

    Mi pare che adesso ad elezioni avvenute, tutto quello che avete scritto non corrisponda alla realtà.

  4. Io aspettavo un altro po’… vista la situazione… che furia c’è…

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO MANCA AL TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON LA CEVITAL DI ISSAD REBRAB?

    Se non viene rescisso il contratto, o rinnovato l'accordo di programma, dal 1° luglio Rebrab non avrà più vincoli con lo Stato italiano, diventerà "Padrone" a tutti gli effetti, e potrà disporre delle sue società e del personale in queste assunto come meglio crederà. Questo avverrà
    1 mese, 15 giorni, 17 ore, 4 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. P.I. 01409010491
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2015 CorriereEtrusco.it