NOTIZIE DALLA COSTA ETRUSCA DEL 28 MARZO 2016

BOLGHERI RUN, “UN’ESPERIENZA CHE APPAGA TUTTI I SENSI!”

Nata con l’intento di far conoscere un territorio unico, la Bolgheri Run consentirà di vivere a 360 gradi la cultura, la natura e le eccellenze enogastronomiche di Castagneto Carducci.  La 1a Bolgheri Run, la Corsa che si terrà nel territorio di Castagneto Carducci, in provincia di Livorno,  domenica 17 aprile.

Il pacco gara dei partecipanti conterrà tutti i prodotti del territorio, dall’olio alla pasta, passando per la salsa e terminando con l’immancabile vino. Il tutto in compagnia di una maglietta molto bella in cotone tecnico della New Balance, maglietta che verrà regalata anche ai partecipanti della camminata ludico motoria di 9 km.

QUOTE DI ISCRIZIONE: È attualmente possibile iscriversi alla Bolgherirun al costo di 25,00 euro fino al 10 Aprile, per arrivare ai 30,00 euro tra l’11 ed il 17 aprile. È, inoltre, possibile effettuare l’iscrizione anche senza pacco gara al costo, attualmente, di 15,00 euro sempre entro il 10 Aprile. Accanto alla 18k competitiva, anche una 9k ludico motoria non competitiva con costo d’iscrizione fissato a 13,00 euro fino al 10 Aprile. Tutte le iscrizioni possono essere effettuate solo online attraverso il portale www.enternow.it

__________________________

PIOMBINO: MARTEDI’ 29 MARZO AL METROPOLITAN “7 MINUTI”

Stasera, al Teatro Metropolitan di Piombino ore 21, va in scena “7 minuti” per la regia di Alessandro Gassmann. Alle ore 19 in teatro video intervista a cura di Maria Antonietta Schiavina.

Il “dramma proletario” scritto da Stefano Massini ed interpretato, tra gli altri, da Ottavia Piccolo, si basa su un episodio realmente accaduto in una fabbrica francese: “7 minuti” racconta del duro braccio di ferro tra le operaie tessili di Yssingeaux, nell’Alta Loira, e i nuovi dirigenti subentrati al controllo. Il fatto di cronaca risale al gennaio 2012.
Un’unica scena per descrivere i percorsi di vita di un gruppo di operaie, madri, figlie, capaci di raccontare un’umanità che tenta disperatamente di reagire all’incertezza del futuro. Ottavia Piccolo, tra questi undici caratteri, rappresenta una sorta di “madre coraggiosa” che indica una via alternativa, il tentativo di far prevalere la giustizia.
Acquisto biglietti teatro Metropolitan dalle ore 16,00

Si ricorda inoltre che l’ultimo spettacolo della stagione teatrale, “La Scena” con Angela Finocchiaro, è posticipato, per esigenze della compagnia, da giovedì 14 a giovedì 21 aprile.
___________________________

SAN VINCENZO: «UN DISASTRO AMBIENTALE, ALTRO CHE PRESERVAZIONE DELLA COSTA»

Riceviamo e pubblichiajmo da Assemblea Sanvincenzina.

«Un disastro ambientale, non c’è altro modo per chiamare i risultati dei lavori di “preservazione della costa”. Come dimostrano ed evidenziano le dichiarazioni del Prof. Pranzini, recentemente uscite sulla stampa, l’amministrazione sapeva di commettere un errore e di danneggiare la spiaggia ma non ha fatto nulla per fermare il progetto.

Lo stesso Pranzini, incaricato dal Comune di San Vincenzo per monitorare la situazione delle spiagge, definisce “il pennello sottoflutto al porto” un’opera non idonea a difendere dall’erosione e si dichiara da sempre perplesso sull’opportunità della barriera sommersa, rilevando inoltre che la scogliera non risulta coerente con il progetto.

La responsabilità politica nel procedere con i lavori è enorme, sopratutto per i dubbi che tale progetto implicava.

Dopo tutti questi progetti sciagurati e la conferma ufficiale dell’erroneità di tale scelte da parte dello stesso Prof. Pranzini, non capiamo perché l’attuale amministrazione comunale ha ancora l’intenzione per il 2016 di ampliare la barriera soffolta prolungando la scogliera fino all’altezza del Fosso delle Prigioni, come si legge nel “Programma triennale delle opere pubbliche 2016/2018” approvato a gennaio. Il costo previsto dei lavori è di 872.440 euro.

Mentre si continuano a portare avanti scelte sbagliate per evitare di ammettere i propri errori e le proprie responsabilità, ad oggi si parla solo ed esclusivamente di ripascimenti: interventi tampone che salvaguardano pochi tratti di spiaggia per qualche tempo, con un continuo impiego di denaro pubblico.

Il vedere i ripascimenti come unico strumento di preservazione della costa è quanto di più miope si possa immaginare,  sopratutto dopo tutti gli errori fatti, è evidente l’assoluta incapacità di questa amministrazione di proteggere e preservare uno dei pochi beni pubblici che ancora permette al paese di sopravvivere e che deve essere preservato per il futuro di tutti».

Gruppo Consiliare di Assemblea Sanvincenzina

___________________________

GELICHI: BARATTI DEVE ESSERE RIPENSATA

Riceviao da Riccardo Gelichi di “Ascolta Piombino”.

«Soltanto le ultime discussioni , e meno male, hanno rimesso in luce non solo la criticità dell’ambito di Baratti, ma soprattutto hanno evidenziato l’assenza di soluzioni o quantomeno un  piano coordinato d’azione conservativo e nel contempo di valorizzazione del patrimonio esistente. Abbiamo atteso più di un decennio per avere un piano particolareggiato che regolasse, una volta per tutte, le attività presenti nel Golfo di Baratti: quelle archeologiche, quelle commerciali, oppure quelle legate alla nautica e a tutte le attività legate all’uso del mare.

Ma il piano adottato recentemente dall’Amministrazione Comunale, come avevamo a suo tempo sostenuto, non si è dimostrato all’altezza delle aspettative, nulla è mutato, nessuna risposta è stata data al miglioramento della conservazione, tantomeno a quello della fruizione; inoltre la Parchi Val Di Cornia era ed è ancora la grande assente del piano.

Anche l’azione archeologica dovrebbe calarsi nel contesto urbano come un vero progetto, dove l’ intervento e la sua fruizione pubblica possano collimare all’interno di strategie condivise, evitando di acuire eventuali conflitti di interessi; è una questione di logica urbanistica.

Mediare fra le esigenze di conservazione e quelle delle normali attività cittadine dovrebbe essere compito di un’attenta amministrazione del territorio, che in questo caso potrebbe essere deputata proprio alla Parchi Val di Cornia.

Del resto è stata proprio la politica del PD a modificare la mission della Parchi declinandola in una più intensa attività di marketing nella promozione del territorio.

A breve nel settore balneare e nautico anche a Baratti, ci saranno ripercussioni in termini di concessioni demaniali secondo le direttive Bolkestein, questo problema dovrebbe rientrare nell’alveo della governance del territorio, e anche in questo caso le aree a parco potrebbero svolgere un ruolo determinante.

Bisognerebbe avviare una discussione seria sull’argomento che non assuma l’aspetto della faziosa speculazione politica, o peggio personalistica, e alla fine arrivare ad una variazione sostanziale del Piano Particolareggiato di Baratti».

Riccardo Gelichi

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 29.3.2016. Registrato sotto cronaca, Foto, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    28 mesi, 13 giorni, 19 ore, 59 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it