EDITORIALE: SMONTANO PIOMBINO NEL DISINTERESSE GENERALE

L’EDITORIALE                                   di Giuseppe Trinchini trinchini

___________________________

EDITORIALE: SMONTANO PIOMBINO NEL DISINTERESSE GENERALE

Corriere Etrusco “numero 122” del 20 ottobre 2015.

Questa settimana sono non una, ma ben due le notizie che dovrebbero, e come al solito uso il condizionale perché tanto i miei concittadini ormai non reagiscono più a niente, preoccupare le famiglie della Val di Cornia: Lo smantellamento dell’ospedale e l’annuncio del dislocamento in Brasile di parte dello stabilimento Ex Lucchini.

Nel primo caso in una conferenza stampa presso la sede del PD con grande ottimismo è stato annunciato che l’accorpamento delle operatività e specialità degli ospedali di Cecina, Piombino e in parte Portoferraio è un successo, con risvolti sempre e soltanto positivi.

Peccato che l’altra faccia della medaglia veda SEL che ci spiega che a Piombino «passa inosservato il progressivo smantellamento del servizio sanitario locale: non ci sono più specialistiche come Otorino, Oculistica e Urologia e non si dice che un’emergenza notturna o festiva prevede un necessario spostamento su altri presidi e che questo, oltre all’enorme disagio per il paziente, può comportare anche grossi rischi. Chiuderanno anche i distretti socio-sanitari, mentre la società della salute è ancora di là da venire».

Per quanto riguarda la siderurgia, la notizia di questi giorni è che, mentre i sindacati sono impegnati nel reintegro di 50 o 100 cassaintegrati negli impianti di laminazione, Cevital sta progettando di produrre acciaio in Brasile, con l’obiettivo di smantellare, in una fase futura, parte delle strutture Lucchini e spedirle nello Stato del Pará, dove Rebrab ha firmato, il 15 ottobre scorso, un protocollo d’intesa con le autorità locali per un piano di investimenti nel settore alimentare, acciaio e logistica.

Urge un vero chiarimento per tutti e due gli argomenti, perché dopo la Camera di Commercio, il Tribunale, Equitalia, e con le attività commerciali ormai con il “respiratore alla bocca”, non vorrei aggiungere all’elenco anche l’ospedale trasformato in pronto soccorso e la siderurgia ridotta ai soli laminatoi.

Giuseppe Trinchini

___________________________

___________________________

DIZIONARIO ETRUSCO:

NO TAV: No TAV è un movimento di protesta italiano sorto nei primi anni novanta del XX secolo, nel quale si riconoscono gruppi di cittadini accomunati dalla critica alla realizzazione di infrastrutture per l’alta capacità e l’alta velocità ferroviaria (comunemente note come TAV, “Treno ad Alta Velocità”).

Le linee ferroviarie al centro delle proteste sono contestate principalmente per via del costo ritenuto eccessivo rispetto alla loro utilità, anche a fronte dell’impatto ambientale e dei danni sulla salute umana nei luoghi coinvolti dalle costruzioni.

Il movimento No TAV prende origine in val di Susa negli anni novanta spontaneamente dalle proteste contro la realizzazione della nuova linea ferroviaria Torino–Lione, acquisendo maggiore importanza nel 2005 anche a livello mediatico ed estendendosi, in misura minore, in altre regioni d’Italia (Mugello, Genova-Alessandria, Firenze, Brennero ecc.) ed in altri paesi europei, come la Francia.

Il 19 ottobre 2015 lo scrittore Erri De Luca che era imputato per l’accusa di “istigazione al sabotaggio” per alcune dichiarazioni rilasciate in un intervista nel 2013 in cui sosteneva che il progetto del treno ad alta velocità in Val Susa andrebbe sabotato per legittima difesa del suolo, dell’aria e dell’acqua, è stato prosciolto in primo grado perché il fatto non sussiste.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 21.10.2015. Registrato sotto Editoriali, Foto, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    15 mesi, 16 giorni, 13 ore, 38 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it