LUCCHINI/CEVITAL: GIOVEDI’ INCONTRO TRA REBRAB E SINDACATI

i sindacati in un incontro con la Cevital

i sindacati in un incontro con la Cevital

Piombino (LI) – E’ atteso in arrivo oggi a Piombino l’arrivo di Issad Rebrab , il patron di Cevital, che dovrebbe rimanere in città fino a giovedì, giorno entro il quale è fissato l’incontro con i sindacati che poi, nel pomeriggio di giovedì, riuniranno il consiglio di fabbrica per aggiornare i dipendenti. Si prospettano sin d’ora, in caso di risposte giudicate insufficienti dall’azienda, forme di mobilitazione da parte di Fim, Fiom e Uilm.

Perché c’è preoccupazione e perplessità tra i lavoratori, e anche tra tutti i sindacati, a proposito degli annunciati investimenti di Cevital in Brasile. Rebrab potrebbe fra qualche tempo, come riportato dal quotidiano algerino Reporters, smantellare le aree di Piombino e trasferirle nell’America Latina per produrre acciaio.

Il giornale ha ricordato anche che è in corso la trattativa per l’acquisto dello stabilimento italiano Leali, che nelle idee dell’imprenditore dovrebbe fornire i semilavorati per lo stabilimento di Piombino. Leali ha infatti una capacità produttiva annua di 700.000 tonnellate di acciaio e che la fabbrica bresciana è dotata di un forno ad arco elettrico di 90 tonnellate, due forni di colata continua e di quattro linee che producono billette – lingotto acciaio profilato – tondi e quadrati. L’acquisto della Leali comporterebbe secondo Reporters realizzare a Piombino un solo forno elettrico, e a quel punto i tempi sono tutti da definire.
Il quotidiano brasiliano ha illustrato anche l’investimento che Issad Rebrab avrebbe fatto in Brasile dove sta progettando di produrre acciaio. L’obiettivo sarebbe quello «di smantellare, in una fase futura, parte delle strutture Lucchini e spedirle in Brasile. È stato uno dei motivi principali del soggiorno di tre settimane di Issad Rebrab in America Latina.

Durante il suo viaggio – continua il quotidiano – che lo ha portato nello Stato del Pará, Rebrab ha firmato il 15 ottobre, un protocollo d’intesa con le autorità locali per un piano di investimenti nel settore alimentare, acciaio e logistica». Una specie di doppione in salsa “carioca” del piano industriale per Piombino che potrebbe distogliere l’imprenditore dagli investimenti previsti in Italia. Urgente quindi un chiarimento convincente che deve andare oltre il reintegro di 50 o 100 cassaintegrati negli impianti di laminazione.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 20.10.2015. Registrato sotto Economia, Foto, Toscana-Italia, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    15 mesi, 16 giorni, 14 ore, 34 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it