PIOMBINO: LE MOTIVAZIONI DEL «CAMPING CIG» ALLA ROTONDA SOL

campeggio sol cig 2Piombino (LI) – Da qualche giorno alla rotonda davanti alla Sol in VIale Unità d’Italia (per intendersi quella simpaticamente ribattezzata da molti Rotonda “Barbapapa”), un gruppo di oprai in cassa integrazione ha tirato su le tende per ragionare del proprio futuro in attesa di qualche novità sul futuro della città, dal forno elettrico alle bonifiche, dall’agro industriale al recupero dell’indotto, che dovevano essere gia partiti e che invece, di annuncio in annuncio, sono sempre ai blocchi di partenza. Riportiamo le loro motivazioni sperando che anche altri si sveglino dal torpore e diano sostegno a questi coraggiosi.

«L’assemblea del Camping CIG registra con estrema preoccupazione che da due mesi Cevital-Aferpi ha preso possesso delle acciaierie piombinesi, ma la situazione continua a ristagnare. Niente manutenzione degli impianti, né progetti precisi su bonifiche e smantellamento di quelli dismessi. Né risulta che siano individuate le discariche indispensabili per legge a realizzare tali interventi. La gestione direttiva e operativa dello stabilimento resta in mano agli uomini di Nardi, e non di Aferpi, tuttora defilata. Sulla qualità industriale dell’annunciato acquisto del forno elettrico permangono dubbi pesanti, mentre Il sole 24 ore riferisce che Aferpi non ha alcuna intenzione di percorrere la strada della preridotto, che innalzerebbe invece la qualità dell’acciaio rendendolo più competitivo, in un mercato mondiale che dà evidenti segni di saturazione. Lo stesso accordo sindacale non risulta applicato, se non per quanto riguarda le modestissime buste paga in pagamento il giorno 15 e per il blocco della contrattazione aziendale a carico dei lavoratori. Invece, non sono stati affatto raggiunti i volumi produttivi promessi. L’applicazione dei contratti di solidarietà resta al di sotto del previsto 60%, ma non vengono affatto effettuate ulteriori assunzioni in organico Aferpi. Intanto si stanno verificando gravi infortuni in fabbrica…

Aferpi dice senza complimenti che si riparlerà di tutto “nei primi mesi del 2016”!

camping CIG 1Questo è il punto cruciale dell’ennesimo comunicato… sedativo, cui si aggiunge come al solito la benedizione a prescindere da parte del presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi.
E non dimentichiamo che i previsti investimenti Cevital nella logistica portuale (a fronte di una concessione delle aree portuali della durata di 50 anni!), come pure nell’agroindustria, sono a bassa intensità di manodopera, mentre l’ipotizzata produzione di biodiesel pone serissime questioni ambientali. Di progetti dettagliati comunque neanche l’ombra, si naviga a vista.
Intanto si contano ormai a centinaia ormai i dipendenti dell’indotto che hanno perso da tempo lavoro e reddito, mentre si addensano nubi minacciose sul futuro della Magona. E i numeri vantati da Aferpi circa i corsi di formazione suonano propagandistici. Questo scenario è già insopportabile per i lavoratori dipendenti coinvolti, ma è destinato a pesare sempre più su tutte le attività economiche, commerciali e artigianali del territorio, e sul reddito di chi le gestisce.

Le istituzioni statali, regionali e locali hanno deciso a suo tempo di cedere a Cevital uno stabilimento di cui la mano pubblica deteneva la titolarità mediante il commissariamento. Ora hanno la responsabilità di dissipare la cortina fumogena che l’azienda continua impunemente a mantenere su progetti e investimenti. Il Sindaco di Piombino ieri pomeriggio, visitando il Camping CIG, si è assunto l’impegno d’onore di investire in tal senso il presidente regionale Rossi, nonché il presidente del consiglio dei ministri Renzi, e tonare al Camping CIG per riferirne; al Sindaco si chiede altresì di riconoscere il ruolo della mobilitazione sociale diffusa e dello stesso camping CIG.

Le organizzazioni sindacali sono chiamate a pretendere con determinazione questa chiarezza.

campeggio sol cig 3Perciò avanziamo al Comune e alle organizzazioni sindacali la proposta di organizzare un’assemblea pubblica, magari in serata, con la partecipazione dell’autorevole rappresentante della Regione Gianfranco Simoncini, in occasione della visita che ci risulta proprio Simoncini farà a Piombino il 25 settembre prossimo, coinvolgendo i dirigenti sindacali nazionali, di cui pure è preannunciata la presenza a Piombino per quella data. Quel che proponiamo è un’assemblea vera, in cui a tutti sia consentito di parlare per un tempo predeterminato, in un confronto reale e diretto, non già in un comizio a senso unico privo di dialettica democratica.

Oltre a quelle di Stato di Emergenza; delle associazioni Lavoro Salute Dignità e Restiamo Umani; dell’Ugl e dello Slai Cobas, registriamo le nuove adesioni al Camping CIG di: Giuliano e Heidi, genitori di Carlo Giuliani; Centro di solidarietà internazionalista; Giorgio Cremaschi, ex-segretario nazionale Fiom-Cgil; Sergio Bellavita, coordinatore nazionale Il sindacato è un’altra cosa-opposizione Cgil; Sinistra per Castagneto; M5S; Marco Ferrando, segretario nazionale Partito comunista dei lavoratori».

L’assemblea del Camping CIG

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 16.9.2015. Registrato sotto Foto, politica, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

1 Commento per “PIOMBINO: LE MOTIVAZIONI DEL «CAMPING CIG» ALLA ROTONDA SOL”

  1. Elisa70

    Che c’entrano i genitori di GIULIANI….? Perché devono politicizzare qualunque cosa anche contro una logica umana? Il lavoro è un diritto per tutti anche per quelli che non la pensano come certi elementi.

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    26 mesi, 16 giorni, 4 ore, 44 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it