SUCCESSO PER IL CONVEGNO SUL VOTO IN VAL DI CORNIA

Convegno2

Bucci – Benesperi – Floridia – Bertini – Camerini

Piombino (LI) – Il 6 giugno il Corriere Etrusco ha organizzato il convegno intitolato “Elezioni: cosa cambia in Val di Cornia” per analizzare il voto delle recenti amministrative nei Comuni di Piombino, Suvereto, San Vincenzo e Campiglia Marittima.

Per l’andamento del voto nel Comune di Piombino è intervenuto l’ex sindaco ed ex assessore regionale Paolo Benesperi, che  sottolinea come sia rimasto sostanzialmente invariato il numero degli elettori rispetto alle precedenti elezioni e in calo quello dei votanti: il tetto si attesta sul 70%, «ognuno giudichi se è alto o è basso ‒ commenta». La situazione delle elezioni comunali è notevolmente diversa rispetto a quella delle elezioni europee per quanto riguarda il Pd, che a livello locale perde 1434 voti e scampa il ballottaggio grazie alle liste ad esso alleate (Spirito Libero e Sinistra per Piombino); Giuliani viene dunque eletto sindaco, ma con una percentuale bassa, il 55,47%. Il M5S diventa il secondo partito e Forza Italia, terzo partito, perde 1658 voti. Le quattro liste civiche prendono intorno al 3% l’una, denotando una certa frantumazione.

Per quanto riguarda il Comune di Suvereto è intervenuto Alessandro Camerini, laureato in Economia e coordinatore del comitato “No fusione Campiglia-Suvereto”. L’esperto dichiara che è come se la campagna elettorale a Suvereto fosse durata un anno, dato che il referendum sulla fusione risale a ottobre 2013 e la vittoria di Parodi con “Assemblea Popolare” era stata decretata al tempo, con la scelta dei cittadini di evitare la fusione. Alle amministrative la situazione si è dunque ribaltata rispetto al 2009: perde il Pd e vince la lista civica di Parodi, nonostante la vittoria del Partito alle europee.

Convegno1

Il direttore del Corriere Etrusco Giuseppe Trinchini

L’analisi del Comune di Campiglia M.ma è stata condotta da Fiorenzo Bucci, giornalista de “La Nazione” e scrittore: i numeri, ha osservato, dimostrano che la differenza che intercorre fra la Soffritti, vincitrice, e tutte le altre alternative di governo è di sole 79 preferenze (su 3173 voti totali). 79 voti è un distacco irrisorio, dato che in passato la distanza fra il vincitore e la somma degli altri andava dalle centinaia alle migliaia di voti. L’unione di tutte le opposizioni potrebbe essere l’unico modo per creare una vera competizione a Campiglia, soggetta a un partito estremamente dominante che sembra non scalfibile. Il secondo partito è il M5S, che si è dato molto da fare in campagna elettorale, ma ha raccolto meno che alle europee e meno che a livello nazionale.

convegno01

il numeroso pubblico in sala

Nicola Bertini, ex consigliere comunale dal 2004 al 2014, ha illustrato la situazione a San Vincenzo: a livello locale la campagna elettorale per le primarie, infuocata, pare abbia influito sul voto alle comunali. 2066 elettori hanno votato alle primarie, in cui Bandini ha preso 900 voti; alle comunali i voti sono stati 2001 e il sindaco è stato votato da 1/3 dell’elettorato. Il risultato di Bandini è dunque in linea con quello di Soffritti che ottiene il 33% degli aventi diritto, con il 31% di Lolini e il 36% di Giuliani. «Nonostante ci sia un rimescolamento complessivo ‒ conclude Bertini ‒ pare non essere cambiato niente».

convegno02

Camerini durante il suo intervento

L’analisi dell’andamento a livello nazionale e regionale è stata curata da Antonio Floridia, presidente della Sise (Società italiana di studi elettorali) e responsabile per la regione Toscana dell’Ufficio e Osservatorio Elettorale. Floridia esordisce evidenziando la recente volatilità elettorale e la scomparsa del voto fideistico: «Siamo nel pieno di una rivoluzione politica e storica ‒ dice il Presidente ‒. L’anno scorso alle elezioni politiche ha cambiato voto il 40% degli elettori». Anche l’astensionismo incide sul risultato finale: Floridia sostiene che oggigiorno il non andare a votare è un’opzione, non più una mancanza vissuta come senso di colpa. In Toscana c’è stato un calo di votanti del 12% rispetto alle ultime elezioni e tutti i partiti hanno perso voti in cifre assolute eccetto il Pd: 515 mila sono i voti col segno meno (la somma di Forza Italia, M5S, Europa Civica etc.) e 237 mila voti in più solo per i Democratici.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 11.6.2014. Registrato sotto cultura, Foto, ultime_notizie, video. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    11 mesi, 17 giorni, 8 ore, 51 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it