LA VERITA’, LA MEZZA VERITA’ E LA NON VERITA’ SULLA SS.398

ss398_venturinaPiombino (LI) – Riportiamo integralmente un articolo della rivista www.stilelibero.org che tratta, dopo un nostro analogo articolo sull’argomento, dell’imbarazzante vicenda della SS.398, la strada che dovrebbe collegare la variante Aurelia al porto di Piombino, il cui progetto si trascina, senza mai aprire i cantieri del tratto fiorentina-porto, da più di dieci anni.
Rinnovando i nostri auguri alla redazione della nuova testa, invitiamo i nostri lettori a commentare, sia sul nostro giornale, sia su Facebook, sia su Twitter l’argomento, che è di primaria importanza per questo territorio.

__________________________

«La delibera con la quale il 3 agosto 2012 il Cipe ha approvato quattro dei sette lotti previsti per la realizzazione dell’autostrada Rosignano-Civitavecchia e le dichiarazioni del sindaco Anselmi in sede di presentazione del progetto definitivo della 398 da Montegemoli fino al porto ci permettono forse di fare il punto su una questione sulla quale si sono accumulate verità, mezze verità e non verità che ne hanno fatto quasi un nodo inestricabile.

I TEMPI DELLA PROGETTAZIONE Non entriamo nei contenuti del progetto perché non è ancora disponibile ma rileviamo che é stato consegnato alla fine di dicembre 2012. Il sindaco mena vanto di questo perché, dice, «..non è stato facile far accettare [in sede Cipe] alla SAT..» l’impegno a consegnarlo entro il 31 ottobre 2012. Facciamo notare che in realtà già nel protocollo firmato da SAT, Comune di Piombino e da un’altra serie di ministeri ed enti pubblici la SAT aveva assunto l’impegno a «..coordinare le attività finalizzate a completare, entro 1 anno dalla sottoscrizione del presente protocollo, la progettazione definitiva del tratto compreso fra Gagno e Poggio Batteria dell’asta della SS.398 di penetrazione al porto di Piombino…» e cioè entro il l’11 dicembre 2011. Tutto rimasto lettera morta. E dunque la scadenza di ottobre stabilita dal Cipe era la conseguenza del mancato rispetto di accordi firmati da parte della SAT.

I COSTI ED I FINANZIAMENTI Il costo dell’intera 398 si aggira intorno ai 150 milioni di euro. Di essi, si dice, 50 a carico della SAT, 20 del Comune, 20 della Regione, 25 dal Ministero (quale? E da quale stanziamento?), 30 non si sa. Lasciamo perdere la certezza di questi finanziamenti, che ovviamente è molto dubbia, ciò che balza in evidenza è il fatto che tutti coloro che hanno detto, ridetto e confermato che 60/70 milioni bastavano sono stati clamorosamente smentiti e così pure quelli che giuravano e spergiuravano che sulla base della sequela di accordi e protocolli firmati la copertura finanziaria dell’opera era assicurata.

LE PROCEDURE La 398 non è nei lotti dell’autostrada già approvati. Nemmeno una sua parte. Ci riflettano coloro che hanno sostenuto la tesi per cui era meglio poco subito (la 398 fino al Gagno) ed il resto dopo. Però , dice sempre il sindaco, sarà approvata dal Cipe presto perché c’è l’obbligo di «…fare subito dopo un’ulteriore passaggio al Cipe per l’approvazione e il finanziamento dell’infrastruttura…». Per la verità il sindaco mette le mani avanti ricordando che «…purtroppo con la crisi istituzionale il Cipe non potrà essere riunito a breve, ma bisognerà aspettare l’insediamento del nuovo governo…». Sempre colpa di qualche altro. In realtà il progetto non potrà essere portato a breve in Cipe perché ha bisogno di passaggi e procedure (tra queste la valutazione di impatto ambientale) non brevi.

LA 398 E L’AUTOSTRADA Allo stato attuale della situazione la 398 non partirà, anche lasciando perdere le questioni finanziarie, finché non sarà approvato l’intero progetto dell’autostrada. Lo dice il protocollo, firmato anche dal Comune, del dicembre 2011 (la SAT realizzerà il predetto collegamento per il Porto di Piombino ed erogherà il citato contributo finanziario, subordinatamente all’ approvazione da parte del Cipe del progetto definitivo dell’intero completamento della Livorno–Civitavecchia e del relativo piano economico– finanziario) e non sembra che la delibera Cipe modifichi qualcosa. Il sindaco Anselmi formula l’ipotesi che la 398 sia sganciata dall’ autostrada ma è evidente che siamo nel campo delle ipotesi.

L’INIZIO DEI LAVORI DELL’AUTOSTRADA L’approvazione del progetto definitivo dei tre lotti mancanti 4, 5B e 7 (bretella di Piombino, Grosseto sud-Fonteblanda e Fonteblanda-Ansedonia)) è condizione per la realizzazione dei lotti 2 e 3 (S. Pietro in Palazzi-Scarlino e Scarlino-Grosseto sud) ma non degli altri lotti 5A e 6B (Ansedonia-Pescia R e Pescia R.-Tarquinia) e dunque non è corretto dire che «..In ogni caso nella delibera si dice chiaramente che finché il Cipe non approverà il progetto definitivo dei lotti non ancora ratificati, tra i quali anche il nostro, non saranno avviati i lavori della Tirrenica…». I lavori di alcuni lotti potranno partire altri no.

L’AUTOSTRADA ED IL PEDAGGIO Il sindaco non parla ma la delibera Cipe è chiara: non c’è l’esenzione dal pagamento del pedaggio per tutti gli abitanti delle province di Livorno e Grosseto come a suo tempo dato per fatto anche dal presidente della Regione Toscana.

CONCLUSIONE Bene che ci sia il progetto definitivo della 398 però anche meglio se i cittadini conoscono sempre tutta la verità non una parte della verità».

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 29.1.2013. Registrato sotto Economia, Foto, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

3 Commenti per “LA VERITA’, LA MEZZA VERITA’ E LA NON VERITA’ SULLA SS.398”

  1. libero pensatore

    Questo è il tipico modo di lavorare qua a Piombino, ti dicono sempre quello che vuoi sentire e poi scopri sempre che non è vero anzi stranamente ti omettono alcuni passaggi decisivi, vedi cosa ci raccontano del problema lucchini solo qua a Piombino nessuno dice nulla su il fatto della Sat o sul fatto che siamo stati noi a volere un commissario straordinario in una azienda. IPOCRITI tanto non vi credo più. Non prenderò più la tessera di quelli che reputo falsi sindacati, e non andrò a votare.

  2. giovanni adriani

    NESSUNA ESENZIONE DAL PAGAMENTO DEL PEDAGGIO

  3. Luca

    Certo che di gente cattiva e frustrata che che non ha altro da fare che attaccare i nostri amministratori solo perchè negli ultimi nove anni, di svolta epocale in svolta epocale, non ne hanno “imbiffata” una neanche per errore, ne è proprio pieno questo blog.

    L’ultima cavolata in ordine di apparizione di questi “geni del nulla” è il rifacimento di piazza Bovio con i soldi delle frane invece di rifare prima piazza Manzoni, che è in quello stato dal 28 novembre 2008. Vane le promesse del sindaco di un rapido ripristino del principale punto panoramico della città…

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    39 mesi, 0 giorni, 4 ore, 40 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it