AUTOSTRADA TIRRENICA: L’ARCHEOLOGIA PREVENTIVA GUIDA LA PROGETTAZIONE

Riportiamo integralmente il comunicato di Autostrade per l’Italia relativo al Convegno sulla nuova autostrada Tirrenica che si è tenuto oggi a Roma.

Roma, 12 maggio 2011- “Siamo stati coraggiosi e abbiamo trasformato un rischio in un’opportunità per la collettività e un primato per l’Italia. Per la prima volta infatti, senza che ne fossimo obbligati per legge, abbiamo scelto di applicare lo studio dell’archeologia preventiva ad un’infrastruttura autostradale e ne abbiamo fatto uno dei punti determinanti per la scelta del tracciato e del tipo di intervento da realizzare, dimostrando così come sia possibile coniugare i diversi interessi pubblici”.

E’ quanto ha annunciato Giovanni Castellucci, Amministratore Delegato di Autostrade per l’Italia, nel corso della conferenza “Archeologia preventiva: dall’Aurelia alla Tirrenica”, alla presenza tra gli altri del Ministro delle Infrastrutture e Trasporti Altero Matteoli, Antonio Bargone, Presidente della Società Autostrada Tirrenica, Renato Lauro, Rettore dell’Università di Roma “Tor Vergata”, Salvatore Settis, Accademia dei Lincei, Luigi Malnati, Direttore Generale Antichità Ministero dei Beni e delle Attività Culturali.

“La fase di progettazione preliminare aveva evidenziato un complesso panorama da un punto di vista archeologico e ambientale che abbiamo deciso di affrontare in maniera innovativa affidandoci al rigore scientifico dell’Università di Roma “Tor Vergata” e alla stretta collaborazione con le Sovrintendenze. Queste importanti sinergie – ha dichiarato Castellucci –   proseguiranno anche nella fase realizzativa dell’opera tanto che posso anticipare il nostro impegno a costituire un vero e proprio codice di comportamento per le azioni future”
In questo modo il completamento dell’autostrada Tirrenica costituisce, come già noto, un elemento di sviluppo a livello economico e sociale anche attraverso la valorizzazione delle preesistenze storiche, archeologiche ed ambientali. Infatti, tutto ciò che è stato messo in luce dallo studio e successivamente dalla realizzazione dell’infrastruttura, sarà messo a disposizione della collettività anche attraverso l’implementazione delle mappe di localizzazione e definizione dei siti archeologici.

Castellucci ha poi voluto fare il punto su tempi di realizzazione e gli investimenti messi in campo da Autostrade per l’Italia attraverso la controllata SAT (Società Autostrada Tirrenica) per il completamento dell’autostrada A12,  che nel tracciato scelto comporta l’adeguamento ad autostrada dell’attuale strada statale Aurelia da Livorno a Civitavecchia.

“Autostrade, il primo investitore privato in Italia con circa 23 miliardi di euro di investimenti – ha dichiarato l’Amministratore – ha destinato circa 2 miliardi al completamento dei 206 km dell’autostrada Tirrenica. Si tratta di un impegno imponente che prevediamo di terminare entro il 2017 se saranno rispettati i tempi dei vari iter autorizzativi. Intanto – ha proseguito Castellucci  –    con un anno di anticipo rispetto alle indicazioni contrattuali, a giugno 2012 siamo in grado di terminare i lavori di circa 4 km da Rosignano a San Pietro in Palazzi(Cecina) e di questi di anticipare di oltre un anno, entro il prossimo luglio, il tratto di collegamento di circa 1,5 Km della tratta in esercizio (Livorno – Rosignano) con la SS1 Variante Aurelia, comprensiva della nuova barriera Rosignano – Vada, che consentirà l’ingresso diretto dall’Aurelia in A12 senza passare per le rampe di svincolo; mentre per il tratto di circa 15 km da Civitavecchia a Tarquinia, di cui il Cipe ha approvato il progetto definitivo la scorsa settimana, prevediamo di affidare i lavori già entro il 2011”.

RIASSUMENDO:

•    Primo studio di archeologia preventiva applicata ad un’infrastruttura autostradale: uno strumento per passare da un rischio ad un’opportunità e per coniugare i diversi interessi pubblici;
•    Proseguono i lavori del Lotto1 da Rosignano a San Pietro in Palazzi (Cecina). Si prevede di terminarli entro Giugno 2011 con un anno di anticipo;
•    Approvato dal Cipe il progetto definitivo dei 15 km da Civitavecchia a Tarquinia (Lotto 6 A) per un investimento di circa 170 milioni di euro. Entro il 2011 saranno affidati i lavori;
•    Autostrade per l’Italia è il primo investitore privato del Paese con circa 23 miliardi di euro di investimenti di cui 2 miliardi per la realizzazione dei 206 km di autostrada da Livorno a Civitavecchia che si prevede di completare entro il 2017.

Per ulteriori informazioni: Ufficio stampa Autostrada, Tel.06-43632500, ufficiostampa@autostrade.it

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 12.5.2011. Registrato sotto ambiente/territorio, Foto, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

1 Commento per “AUTOSTRADA TIRRENICA: L’ARCHEOLOGIA PREVENTIVA GUIDA LA PROGETTAZIONE”

  1. piero

    Mah, vatti a fidare di questi qui

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    38 mesi, 19 giorni, 19 ore, 52 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it