LUCCHINI: FUTURO PIU’ SERENO PER L’INDUSTRIA SIDERURGICA

Si è tenuto mercoledì 4 febbraio a Mosca l’incontro tra il top management della Lucchini, gli Azionisti della Società, Intesa Sanpaolo, Unicredit, MPS e BNP Paribas, ed i rispettivi advisors. Dopo un ampio ed articolato confronto le parti hanno raggiunto un’intesa di massima sui principi e sulle condizioni generali in base alle quali proseguire la negoziazione della ristrutturazione del debito Lucchini ed il rilancio della Società.

Tale schema dovrà essere sottoposto all’approvazione del Consiglio di Amministrazione della Lucchini S.p.A., già convocato per il prossimo 7 febbraio e ai singoli Istituti Bancari coinvolti. Nel frattempo le parti lavoreranno per cercare di completare tutte le ulteriori attività per il raggiungimento di una intesa finale, soddisfacente per tutte le parti coinvolte e che possa ottenere le approvazioni interne necessarie. A valle dell’incontro è stata espressa dai partecipanti la viva soddisfazione per il risultato raggiunto che consente a tutti di guardare al futuro con rinnovata fiducia.

Per quanto riguarda le indiscrezioni che trapelano sull’argomento, sembra che l’accordo sia davvero stato fatto. Il grande debito da 770 milioni di euro che pesava sull’azienda sarà rimodulato,  ma sembra, che l’accordo raggiunto tra le banche e Severstal sia qualcosa di nuovo rispetto a quanto ipotizzato fino ad oggi.
I russi, che nel 2005 salvarono una prima volta Lucchini comprandola tramite la Severstal, non verseranno un euro nel colosso italiano. Le banche dal canto loro non si vedranno costrette a svalutare i crediti. L’accordo, invece, prevede un riscadenziamento a lungo termine dei debiti e una minima iniezione di nuova finanza, quanto basta per sostenere il circolate (il capitale assorbito dalle attività in funzionamento).

Una soluzione che accontenta tutti: Mordashov non gradiva l’idea di versare soldi in Lucchini che ormai considera un asset non più strategico (da tempo è stato messo in vendita), e le banche non gradivano l’idea di dover diventare azioniste o aspettare la vendita per rientrare.

Ma l’improvvisa svolta in positivo nel mercato dell’acciaio che è ripartito e lascia presagire flussi di cassa robusti per Lucchini ha in parte rimescolato le carte, e se anche Mordashov vuole comunque vendere la Lucchini, lo farà con tutta calma, senza l’assillo delle banche e del debito.  Nell’immediato è previsto un finanziamento ponte di circa 50 milioni di euro, che scatterà dopo la vendita di alcune centrali idroelettriche in Francia (che farà incassare 70 milioni alla Lucchini); in un secondo momento le banche attiveranno circa 70 milioni di linee per il circolante.

Il piatto forte del piano è comunque la vendita di AscoMetal: la controllata francese della Lucchini vanta una fitta schiera di pretendenti e potrebbe portare ad un incasso di 400-500 milioni. Liquidità tutta destinata al rimborso del credito delle banche, dimezzando così il debito dell’industria siderurgica italiana.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 4.2.2011. Registrato sotto Economia, Foto, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    41 mesi, 4 giorni, 15 ore, 34 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it