PIOMBINO: GIOVEDI’ 20 OTTOBRE SCIOPERO CONTRO IL RIGASSIFICATORE

striscione davanti alla regione di Idra

Piombino (LI) – Domani, giovedì 20 ottobre, sciopero di 4 ore proclamato in tutti i settori pubblici e privati, a Piombino, per ribadire il ‘no’ al rigassificatore nel porto dello scalo livornese. L’iniziativa è stata indetta dal sindacato Usb ed è prevista l’adesione di migliaia di persone, tra cittadini, studenti e lavoratori. In contemporanea con lo sciopero si terrà una manifestazione la cui partenza è programmata per le 10 al Centro giovani. Un corteo che sfilerà per le vie della città e arriverà fino a piazza Cappelletti.

Presidio, convegno e reportage: Piombino non si arrende al rigassificatore. Le ragioni del ‘no’ e gli appuntamenti in programma
Questo a pochi giorni da quella che dovrebbe essere la data da cerchiare in rosso per l’autorizzazione all’installazione del rigassificatore, un ok che passerà necessariamente anche dalla prossima conferenza dei servizi in programma venerdì 21 ottobre. “Piombino – ha fatto sapere il sindacato Usb – Piombino unita contro l’installazione di un pericoloso rigassificatore nell’area portuale, per il rilancio economico della città, per le bonifiche e la riconversione ecologica dell’impianto siderurgico con salvaguardia occupazionale”.

Lo sciopero coinvolgerà tutte le categorie, la manifestazione partirà dal Centro Giovani e arriverà in piazza Cappelletti. Domani la conferenza dei servizi in Regione
Lo sciopero di fatto coinvolgerà tutte le categorie, anche la scuola relativamente alla quale è stato proclamato per l’intera giornata. Nel trasporto pubblico saranno garantite le fasce di garanzia previste per legge. Negli altri settori del pubblico impiego (sanità, uffici pubblici, igiene ambientale, trasporto passeggeri) lo sciopero è di 4 ore, dalle 8 alle 12 e sarà possibile scioperare rispettando i servizi minimi essenziali che ogni ente opportunamente è chiamata a comunicare nei tempi previsti. Per quanto riguarda il settore privato lo sciopero è sempre di 4 ore (8-12) ma nelle singole aziende sia le rappresentanze sindacali aziendali , sia l’Usb provinciale possono aderire secondo una diversa articolazione. Uno sciopero la cui volontà di aderire è stata manifestata anche dalla Cgil, per tutti i comparti della Val di Cornia.

I comitati piombinesi, inoltre, che in questi mesi hanno lottato assiduamente per opporsi al rigassificatore, il giorno successivo, 21 ottobre, saranno in presidio di fronte alla sede della Regione Toscana proprio in concomitanza con la nuova conferenza dei servizi presieduta dal governatore e commissario per l’opera Eugenio Giani che sembra voglia “chiudere la partita” per il 27 ottobre prossimo.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 19.10.2022. Registrato sotto Foto, sociale, Toscana-Italia, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    65 mesi, 6 giorni, 12 ore, 32 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it